LESS IS MORE. IN ASHTANGA YOGA AS WELL?

– scorrere giù per la versione in italiano –

Less is more.

– Mies van der Rohe

less-is-more-graphic
In 1947 the famous architech Ludwig Mies van der Rohe adopted this sentence as a precept for minimalist design  and architecture, meaning that creations are more effective when keept simple and to the essential. Since than, ‘less is more’ saying has been applied to several different contexts and situations, from fashion design to business world, and expecially of lately.
Yesterday I was having lunch with some Spanish speaking friends of mine here in Mysore and we ended up doing a summary of our first month of practice with our teacher Sharath-ji at K. Pattabhi Jois Ashtanga Yoga Institute (KPJAYI). All of us have been practising less poses than we would normally do back home, some only primary series as it’s mandatory in the shala to practice only 1st series if this is your first trip to study here independently of where you are at in your own daily practice back home. And once you come back to study to KPJAYI, you resume the practice till the last posture Sharath-ji gave to you on your last trip, independently of how many years back it was and independently of the progresses you have done in the meanwhile at home / with your habitual teacher if you have one. And this is till you get one or a few more poses when Sharath-ji considers you ready for that, a readiness which goes a long way beyond you just being physically fit for it.
That was no news, as this is pretty normal around here. The real surprise was to find out that each and everyone of us had greatly benefited from the downsize. In a manner, the fact of focusing on a shorter practice (even just a bit) brings the attention to parts of it which are usually overlooked at because of the quantity, such as:
– bringing the attention to more subtle aspects of the practice such as the bandhas;
– working more on transitions, such as jumps through and back;
– working on pratyahara, the withdrawal of senses, during the practice;
– allowing the body to recover from old pains;
– giving more time and tries to the most difficult poses
which all made the single individual practice a better and more meaningful one.
So, let’s not just assume that more is always more. Our human nature comes with an inclination to desire more, to have more money, more clothes, travel more, having more of this and that and in the yoga world we are not immune of it. Often as ashtangis we long for more postures, we want “to do more” as we confuse that with “being more” compared to others or just to prove something to ourselves. In reality,  when we focus on quantity we loose some of the quality along the way. We tend to become less thoughtful, more in a hurry, more scattered and, hence, less in the present moment.
Therefore, every time we’re longing for a new pose, let’s think if we’re giving all that we can in the ones we already have and if we are exploring them all in each facet they have. And let’s remind ourselves, “do less, but do it better” because
“God is in the details”
– Mies van der Rohe

 

MENO E’ DI PIU’. ANCHE NEL MONDO DELL’ASHTANGA YOGA?

 

Meno è di più.

– Mies van der Rohe

Nel 1947 il famoso architetto Ludwig Mies van der Rohe ha adottato questa frase come un precetto per il design minimalista e l’architettura in generale, intendendo con la stessa dire che le creazioni sono più efficaci quando mantenute semplici ed essenziali. Da allora, il modo di dire ‘less is more’è stato applicato a numerosi diversi contesti e situazioni, dal mondo della moda a quello del business, e specialmente negli ultimi tempi.
Ieri ero a pranzo con alcune amiche di lingua spagnola qui a Mysore e siamo finite a fare un riepilogo del nostro primo mese di pratica con il nostro insegnante Sharath-ji al K. Pattabhi Jois Ashtanga Yoga Institute (KPJAYI). Ognuna di noi in questo mese ha praticato una sequenza più breve rispetto a quella che normalmente fa’ a casa, alcune solo la prima serie dal momento che nella shala è mandatorio fermarsi alla prima se questo è il tuo primo viaggo di studio qui e indipendentemente da quella che è la tua pratica quotidiana a casa. E una volta che torni al KPJAYI, riprendi la pratica esattamente dall’ultima postura che Sharath-ji ti aveva dato nel tuo ultimo viaggio qui, indipendentemente da quanti anni sono trascorsi e indipendentemente dai tuoi progressi nel frattempo a casa / con il tuo insegnante abituale se ne hai uno. E questo fin quando Sharath-ji non ti considera pronto per una o più nuove posizioni, un essere pronto che va ben al di là dell’aspetto puramente fisico.
Questa non è stata una novità, dal momento che è la prassi nei paraggi 😉 La vera sorpresa è stato scoprire che ognuna di noi aveva grandemente beneficiato da questo ridimensionamento. In un modo, il fatto di focalizzarsi su una pratica più breve (anche se di poco) aiuta a portare l’attenzione a quegli aspetti della stessa che di solito vengono trascurati a causa della quantità, come ad esempio:
– concentrarsi sugli aspetti più sottili della pratica come i bandha;
– lavorare di più sulle transizioni, come il salto attraverso ed il salto indietro;
– lavorare su pratyahara, il ritiro dei sensi, durante la pratica;
– permettere al corpo di recuperare da vecchi dolori;
– dare più tempo alle posizioni più ostiche e provarle di più
il che ha reso la pratica individuale di ciascuna di noi migliore e più significativa.
Pertanto, abbandoniamo l’idea che di più è sempre di più. La nostra natura umana porta con sè un’inclinazione a desiderare di più, ad avere più soldi, più vestiti, a viaggiare di più, ad avere di più di questo e di quello e nel mondo dello yoga non siamo immuni da questa tendenza. Spesso in ashtanga desideriamo fortemente nuove posizioni, vogliono “fare di più” perchè lo confondiamo con un “essere di più” rispetto agli altri e/o rispetto ad un’idea che abbiamo di noi stessi. Nella realtà, quando ci focalizziamo sulla quantità spesso tendiamo a perdere di vista la qualità lungo la strada.  Tendiamo a diventare meno attenti, meno accurati, più affrettati, più dispersivi e pertanto meno nel momento presente.

Quindi, ogni volta che ci troviamo a desiderare fortemente una nuova posizione, chiediamoci se stiamo dando il massimo ed esplorando le mille sfaccettature di quelle che già abbiamo. E ricordiamo a noi stessi, “fai di meno, ma fallo meglio” perchè
“Dio è nei dettagli”
– Mies van der Rohe
Posted in Ashtanga Yoga | Tagged , , , , , , , , , , , , , | 2 Comments

THE PROCESS OF CONSTANT CHANGE, AT KPJAYI AS WELL

– scorrere giù per la versione in italiano –

“The basic building blocks of the Samkhya universe, the cosmos of our direct experience, are called the three gunas. Guna means a ‘strand’ or a ‘rope’ and it is said, within the Samkhya system, that these three strands braided together generate the process of prakriti, the process of constant change, continual transformation and evolution. …

All three (sattva, rajas, tamas) are constantly in dynamic tension with one another. Their relationship is somewhat like an ongoing game of rock, paper, scissors, because in all that occurs in life, one guna – one of the strands – gets on top, but no one remains on top since none of the gunas are of fixed substance. The gunas, therefore, are a means of describing the process of evolution or change and impermanence.”

Richard Freeman

Nobody can stop the process of evolution, change is the very nature of our existence. Whenever we live in a fixed place we become part of those changes at the very moment they manifest, hence very often we have not a full percetion of the transformation while it’s happening.

Therefore, there is nothing better than to come back to a different place year after year to get an immediate evidence of how things are changing… and India is pretty fast in that!

17-01-at-KPJAYI-rosa-tagliafierro-ashtanga-yoga-italia.jpg

Only 11 months from last time I was in Mysore and so many changes already, and again… Some smaller, some bigger. New shops, new people, new houses, new prices, new restaurants all around the place. And the K. Pattabhi Jois Ashtanga Yoga Institute (KPJAYI) is not an exception within this flow of happenings.

So, if you have already a plane ticket or you’re planning to come over, please note there is kind of a new code of conduct in the main shala which you might want to be aware of:

  • women can’t wear shorts any longer;
  • only sport bras as a top for women are no longer allowed;
  • any yoga mat (this is also true for cotton mats) which does have a Om, a Shiva symbol (the trident, the 3 lines, etc…) as well as other sacred symbols are not admitted;
  • during last Sunday conference, Sharath announced that students who comes without a cotton mat won’t be allowed to practice and will be sent back home;
  • every student must have a towel during the practice and clearly display the student card;
  • at the end of the practice, no more long ‘shavasanas’ (or ‘sukhasanas’ as Sharath points it out) in the changing rooms. One minute or 2 and than, make sure you take your rest at home!

17-01-07-queue-3am-mysore-lead-ashtanga-classOn the technological side, hurrahh!! Starting this year you can pay your fees with credit cards, both for one month or more!! But be careful, for some reason the chanting fees need to be cash. And if you pay with credit card, it’s better to have the copy of the passport and the copy of the visa on 2 different pieces of paper to make sure they are accepted.

An finally, the most astonishing of them all and which makes me rather happy, there is a nice tidy queue to enter the shala (which now has got shaders at the windows, to talk of the minors changes ^_^) on led classes’ days! The days of rushing and pushing are over 🙂

 


 

IL PROCESSO DEL CAMBIAMENTO COSTANTE, ANCHE AL KPJAYI

 

“Gli elementi costitutivi di base dell’universo, i cosmi della nostra esperienza diretta, secondo la filosofia Samkhya sono chiamati i 3 guna. Guna significa ‘corda’ o ‘fune’ e si dice, all’interno del sistema Samkhya, che queste 3 corde intrecciate insieme generano il processo di prakriti, il processo del cambiamento costante, della continua trasformazione ed evoluzione. …

Tutte e tre (sattva, rajas, tamas) sono costantemente in una tensione dinamica l’uno con l’altro. La loro relazione è in qualche modo simile ad un gioco in corso della morra cinese, perché in tutto ciò che avviene nella vita, un guna – quindi una delle 3 corde – viene in superficie, ma nessuno dei 3 vi resta a lungo dal momento che nessuno dei guna è formato di materia/sostanza fissa. I guna, pertanto, sono un mezzo per descrivere il processo dell’evoluzione o cambiamento e dell’impermanenza.”

Richard Freeman

 

Nessuno può interrompere il processo di evoluzione, il cambiamento è la vera natura della nostra esistenza. Quando viviamo sempre nello stesso posto diventiamo parte di quei cambiamenti nel momento stesso in cui essi si manifestano, quindi molto spesso ci succede di non avere una piena percezione della trasformazione nel momento in cui essa sta avvenendo.

Pertanto, non c’è nulla di meglio che tornare costantemente in un altro luogo anno dopo anno per ottenere un’evidenza immediata di come le cose cambino… e l’India è decisamente veloce in questo!

Sono passati solo 11 mesi dall’ultima volta che sono stata a Mysore e già ho trovato tanti cambiamenti, di nuovo… Alcuni piccoli, alcuni più grandi. Nuovi negozi, nuove persone, nuove case, nuovi prezzi, nuovi ristoranti tutt’intorno. E in questo flusso di cambiamento, il K. Pattabhi Jois Ashtanga Yoga Institute (KPJAYI) non fa eccezione.

Quindi, se hai già un biglietto aereo o stai programmando di venire a praticare qui, nota che nella ‘main shala’ c’è una sorta di nuovo ‘codice di condotta’ che è meglio conoscere a priori:

  • per le donne non sono più ammessi i pantaloncini per la pratica;
  • e sempre per le donne, non sono più ammessi neanche i reggiseni sportivi da soli come top;
  • i tappetini di yoga (inclusi quelli in cotone) che riportano il simbolo OM o altri simboli Shivaisti (il tridente, le 3 linee, ecc…) così come altri simboli sacri non sono ammessi;
  • durante la conferenza di domenica scorsa, Sharath ha annunciato che agli studenti che arrivano senza il tappetino di cotone o microfibra non sarà permesso praticare;
  • ogni studente deve avere con sè un asciugamano durante la pratica e deve mostrare in modo visibile la sua tessera di iscrizione;
  • infine, al termine della pratica, non più lunghi shavasana (o ‘sukhasana’ come puntualizza Sharath) negli spogliatoi. Un minuto o 2, e poi si riposa a casa!

Dal punto di vista della tecnologia, invece, ottima notizia! Da quest’anno è possibile pagare la quota di iscrizione con la carta di credito, sia per un mese che di più. Ma attento, per qualche motivo la quota relativa al chanting va pagata a parte e deve essere in contanti. E se paghi con carta di credito, assicurati di avere con te la copia del passaporto e del visto su 2 fogli separati per essere sicuro che verranno accettati.

Ed, infine, il cambiamento più bello, quello per me più sorprendente e anche quello che mi rende più felice, è la bella coda ordinata che si crea davanti alla shala (che ora ha delle veneziane alle finestre giusto per elencare un cambiamento minimo ;-)) in occasione di ogni classe guidata. I giorni degli spintoni e delle corse sono finite 🙂

Posted in Ashtanga Yoga | Leave a comment

IS YOUR ASHTANGA TEACHER A CONTROL FREAK?

control-freak-ashtanga-yoga-italia-milano

Sitting on the floor in the rented apartment here in South California on this sunny Saturday afternoon, my heart is so full of joy for these last 2 weeks of Second Series Ashtanga Yoga Teacher Training with Tim Miller which I completed yesterday.

ashtanga-yoga-italia-milano-rosa-tagliafierro-with-Tim-MillerThe days were intense, often longer than 12h per day: we had pranayama and chanting sessions, led and improvisation classes, Mysore practices, we had to observe or assist in classes on top to spend the afternoons in reviewing every single pose of second series from an anatomical, alignment and adjustment standpoint. We had Timji reading us stories from Mahabharata and Ramayama or telling us about the old Mysore days when Guruji – Pattabhi Jois – was alive. He was there when ashtanga as we know it today was being born, and now I have a better understanding of the why and because of the changes there have been overtime in the good and the bad. And in all of it, he made sure we understood that ashtanga is not just a physical practice.

During the training while studying the different asanas, my fellow trainees and myself were raising questions to Timji asking if we were permitted to do this or that while practicing ashtanga (i.e. for urdhva dhanurasana, the wheel pose, we had questions like ‘is it allowed to take the heels off?’, ‘I’ve been told never to walk the feet in’, ‘my teacher says this and that in ashtanga it’s not allowed’ and blah blah blah). Till the point Timji got kind of fed up with that on the day before last and stopped the session, sat down and said (according to my notes):

The role of a teacher is to inspire some love for practice. Guruji wasn’t interested in the small minutiae. When people would ask him this kind of questions he would just make a face and say ‘Yoga is to see God in everything’. The practice is designed to empower you, so it’s not the teacher’s job to disempower you though it seems to happen a lot nowadays in the ashtanga world. Guruji seemed to just give us the tools. He wouldn’t answer these small questions as he used to say that practice is self-teaching.

The ownership is on the student. Be consistent in your practice, find out your own answers. Trust your inner voice instead of always relying on some external person. Practice is mostly self-learning.

Be kind to your students, be compassionate. Don’t be too much of an asshole, a control freak. Believe this is my secret to be a good teacher. Don’t pretend to have all the answers. And if you don’t have all the answers, just say it. Yoga is sooooo vast that even though you study it for a long time, you’re still scratching the surface.

Keep it playful, keep it joyful. It seems nowadays all the playful stuff is being taken away. But if you don’t keep it joyful, you won’t feel like doing it any longer.”

I take with me many learnings at different levels from this training, though this one in a way summarizes it all – first as a student than as a teacher. May I transfer at least a bit of all I got during these last 2 weeks. Thank you Timji!

 


IL TUO INSEGNANTE DI ASHTANGA E’ UN MANIACO DEL CONTROLLO?

 

Seduta sul pavimento qui nell’appartamentino in affitto nel sud della California in questo soleggiato sabato pomeriggio, il mio cuore è colmo di gioia per quanto vissuto in queste ultime 2 settimane dedicate al teacher training della 2nda serie di ashtanga yoga con Tim Miller che ho completato ieri.

Le giornate sono state intense e spesso lunghe più di 12h: avevamo sessioni di pranayama e chanting, classi guidate incluse le famose ‘improv’ di Tim, pratiche stile Mysore; inoltre dovevamo osservare o assistere nelle varie classi in aggiunta ai pomeriggi dedicati alla revisione delle singole posizioni della seconda serie da un punto di vista anatomico, di allineamento e di aggiustamenti. Ci sono stati momenti dedicati alla lettura di storie dalla Mahabharata e dalla Ramayana così come per i racconti dei vecchi tempi a Mysore quando Guruji – Pattabhi Jois – era vivo. Timji era lì quando l’ashtanga così come la conosciamo oggi nasceva, ed ora ho una migliore comprensione del perchè e per come dei cambiamenti che si sono susseguiti nel tempo per il meglio e per il peggio. Ed in tutto questo, Timji ha fatto in modo che fosse ben compreso e assimilato il fatto che l’ashtanga va ben oltre la pratica fisica.

Nel corso della formazione mentre studiavamo le diverse posizioni, sia i miei compagni di corso che la sottoscritta abbiamo spesso sollevato delle domande relative al fatto se fosse permesso o meno in ashtanga fare determinate cose (ad esempio per urdhva dhanurasana, il ponte, avevamo domande del tipo ‘è consentito sollevare i talloni?’, ‘mi è stato detto che non devo mai camminare con i piedi verso le mani ma viceversa’, ‘il mio insegnante dice che in ashtanga non si può fare questo o quello e bla bla bla…). Ad un certo punto il penultimo giorno, Timji – direi piuttosto stufo della cosa – ha interrotto la sessione, si è seduto e ci ha detto (dai miei appunti):

Il ruolo di un insegnante è quello di ispirare un certo amore per la pratica. Guruji non era interessato in queste minuzie. Quando gli ponevano questo tipo di domande lui faceva la faccia strana e diceva ‘Lo yoga è per vedere Dio in ogni cosa’. La pratica è disegnata per darvi autorità, pertanto non è il ruolo dell’insegnante quella di togliervela sebbene sembra succedere spesso oggigiorno nel mondo dell’ashtanga. La mia percezione è che Guruji semplicemente ci fornisse degli strumenti. Lui non rispondeva a queste domande dal momento che era solito dire che la pratica è self-teaching, insegna di per sè.

Il diritto di proprietà è dello studente. Siate costanti nella vostra pratica, trovate le vostre proprie risposte. Fidatevi della vostra voce interiore invece di dipendere sempre su qualcuno di esterno. La pratica è principalmente self-learning, apprendimento da sè.

Siate gentili con i vostri studenti, siate compassionevoli. Non siate troppo stronzi, dei maniaci del controllo. Non pretendete di avere tutte le risposte. E quando non avete tutte le risposte, semplicemente ditelo. Lo yoga è talmente vasto che anche se studiate per moltissimo tempo, continuate comunque a graffiarne solo la superficie.

Mantenetelo giocoso, mantenetelo gioioso. Sembra che oggigiorno tutta la parte giocosa la si stia eliminando. Ma se non lo mantenete tale, allora diventa difficile continuare a praticarlo perchè non avrete più voglia di farlo.”

Porto via con me da questa formazione molti insegnamenti a diversi livelli, ma credo questo riassuma in sè tutti gli altri – prima come studente, poi come insegnante. Che io possa trasmettere almeno un pizzico di ciò che ho ricevuto in queste 2 settimane. Grazie Timji!

Posted in Ashtanga Yoga | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 6 Comments

HOW MANY YOGA POSTURES ARE THERE?

– Scorrere giù per la versione in italiano –

Asanani ca tavanti yavantyo jivajatayah

Etesamatulan bhedan vijanati mahesvarah

– Dhyana bindu upanishad 42

(There are) as many postures as (there are) species of living beings. The distinctions between them all Shiva (alone) fully understands.

ashtanga-yoga-old-poster-showing-Guruji-ashtanga-yoga-italia-milano-rosa-tagliafierro

Have you ever wondered how many yoga poses are there? Not to consider that in different yoga styles the same posture can be taught in different ways: heels up or down, arms straight or bent, head back or forth, and so on… or the influence of social medias (are you on instagram?) that pushes towards being creative, original and add your own personal touch to everything.

But sticking to the Indian tradition, how many asanas are there, should we practice them all and what for? Krishnamacharya says:

The Vedas and the Shastras say that there are as many asanas as there are living beings. Only the supreme Lord knows them all. Living species number 84.000.000. In ancient times, alla asanas were practiced and kept in use by constant practice and experience. But, in the course of time, many asanas disappeared due to association of people with others, change of dress, manners, habits etc.

Among the 84.000.000 asanas that were originally existing, only 84.000 were under practice during the time of Pujia Shankaracharya, 64.000 during the time of Yatiraja Ramanujacarya and Sri Madhvacarya and 24.000 during the time of Nigamanta Mahadeshika. This is known from their respective biographies. In recent times, I came to know from Jagadguru Sri Nrsimha-bharati and have seen personally that 16.000 asanas were practiced by him.

Sri Ramamohana Brahmachari (…) has the mastery and experience of 7.000 asanas. I have seen this personally, and under his lotus feet have learned about 700 asanas, which I am practicing at present. Only 84 asanas are known from books which are available today (Krishnamacharya was writing this in year 1934) and from modern yoga practitioners. Some others may know more.

Why so many yoga poses?

There are about 84.000.000 diseases that affect all living beings. In olden times, we got rid of all diseases which commonly affected humans by practicing Asanas and Pranayama. Even the books of medicine and life (Ayurveda) state that those diseases which could not be cured by medicines, could be cured by yoga practices such as asanas and pranayama. These days, our country is becoming poorer day by day, in wealth and material comforts. Similarly, all our Vijnana-shastras and Yoga-shastras are also being neglected and are diminishing.

And that was early 1930s 😉

How many asanas do you practice daily? And what for? Leave a comment, share your experience!

If you enjoyed this post, follow the blog clicking on the ‘Follow me’ button on the right-hand side of the page and receive future updates directly in your inbox. Thank you!

 


 

QUANTE POSIZIONI DI YOGA ESISTONO?

Asanani ca tavanti yavantyo jivajatayah

Etesamatulan bhedan vijanati mahesvarah

– Dhyana bindu upanishad 42

(Ci sono) tante posizioni quante (sono) le specie di essere viventi. Le distinzioni tra tutte (solo) Shiva le comprende pienamente.

Vi siete mai chiesti quante posizioni di yoga esistono? Ed escludiamo il fatto che in diversi stili di yoga la stessa posizione possa essere insegnata in modi diversi: talloni su o giù, braccia tese o piegate, testa indietro o in avanti, e così via… ed anche il fatto che sotto l’influenza dei social media (avete fatto un giro in instagram?) si tende a voler essere sempre più creativi, originali e ad aggiungere quel tocco personale ad ogni cosa.

Limitandoci alla tradizione indiana, quante asana esistono, dovremmo praticarle tutte e perchè? Krishnamacharya ci dice:

I Veda e gli Shastra dicono che ci sono tante asana quanti gli esseri viventi. Solo il Supremo le conosce tutte. Le specie viventi sono 84.000.000. Nei tempi antichi, tutte le asana erano praticate e mantenute in uso da una pratica costante e dall’esperienza. Ma, nel corso dei tempi, molte asana sono scomparse a causa dell’associazione di persone con altre persone, cambio di usi, costumi, abitudini, ecc.

Tra gli 84.000.000 di asana che esistevano originariamente, solo 84.000 erano praticate al tempo di Pujia Shankaracharya, 64.000 ai tempi di Yatiraja Ramanujacarya e Sri Madhvacarya e 24.000 ai tempi di Nigamanta Mahadeshika. Questo lo si conosce dalle loro rispettive biografie. In tempi recenti, ho saputo da Jagadguru Sri Nrsimha-bharati, ed ho visto personalmente, che 16.000 asana erano praticate dallo stesso.

Sri Ramamohana Brahmachari (…) ha la padrononanza e l’esperienza di 7.000 asana. Ho visto ciò personalmente e, sotto la sua guida, ho imparato circa 700 asana, che pratico al momento. Solo 84 asanas sono conosciute dai libri disponibili oggi (Krishnamacharya scriveva ciò nel 1934) e dai moderni praticanti di yoga. Altri potrebbero conoscerne di più.

Perchè così tante posture di yoga?

Ci sono circa 84.000.000 di malattie che colpiscono tutti gli esseri viventi. Nei tempi antichi, ci si sbarazzava di tutte quelle malattie che comunemente colpivano gli umani attraverso la pratica di Asana e Pranayama. Anche i libri di medicina e di vita (Ayurveda) ribadiscono che quelle malattie che non potevano essere curate attraverso le medicine, potevano essere curate attraverso le asana ed il pranayama. Oggigiorno, il nostro paese sta diventando sempre più povero, in ricchezza e comodità materiali. Allo stesso modo, tutti i nostri Vijnana-shastra e Yoga-shastra vengono anche dimenticati e sono in diminuzione.

E questo era agli inizi degli anni 1930 😉

Quante posizioni pratichi giornalmente? e perchè? Lascia un commento, condividi la tua esperienza!

Se questo articolo ti è piaciuto, segui il blog cliccando sul tasto ‘follow me’ in alto a destra per ricevere tutti i prossimi aggiornamenti direttamente nella tua mail. Grazie!

Posted in Ashtanga Yoga | Tagged , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

NO PAIN, NO GAIN?

– Scorrere giù per la versione in italiano –

 

no-pain-no-gain-ashtanga-yoga-italia-rosa-tagliafierroPain, pain, pain.

A favorite topics in many conversations amongst ashtanga yoga students, and not only. Here in Mysore, and not only. And it’s definitely one of the recurrent subjects during Sharath’s conferences. I have many questions myself about the topic and still haven’t got many answers… so, here some of the notes on the theme as spoken by the Boss during his talks over the last 2 months.

 

 

Is it pain essential to advance in the ashtanga practice?

“When the body is changing, there will be a lot of soreness and pain in the body. It starts from marichasana D. For some people even trikonasana is difficult. Different asanas require a different flexibility, different openings are needed.

Yoga doesn’t come easily.

Sa tu diirgha kaala nairantarya satkaaraasevitho drdhabhuumih – Yoga Sutra 1.14

The practice becomes firmly established when it has been cultivated uninterruptedly and with devotion over a prolonged  period of time.

Many years of practice will change your body, and with that you will also develop strenght and stamina. Many students are flexible like a noodle but they just can’t hold a posture. Nowadays each of you ask for new postures, but first you need to build strenght. And understand asanas and vinyasa properly. The correct sequence is very important because the asanas are interrelated. For example, back flexibility is very important before approaching kapotasana. Otherwise, it doesn’t come and you injure your back.

You should have patience. If you do patiently and intelligently, than you will gain. If you don’t listen to your teacher, than you will lose. (…) And many times injuries happen because you don’t breath properly in the asanas.”

 

What does pain teach us?

“Pain will remind you many things, it reminds you that you’re not special. It will make you more humble. It will teach you to be careful about yourself and about others. Pain is a teacher, it will teach you so many things! To understand what ahimsa (non violence) is, you need to go through pain. It forces you to go slowly, it makes you understand how your body works. It brings more consciousness, more attention to your practice.”

 

What to do when pain is there? Should we keep practising?

“There will be many pains coming from your practice. Don’t walk too much, don’t stretch at home, don’t go for massage: your body is clever than you. Rest! Put oil on your body! And keep doing your own practice! You may have to slow it down a lot, such as practising just half primary but you take your practice. Breath a lot. In this way, you will heal.”

 

And I like to add this: remind yourself why you are practising ashtanga yoga. If it’s just for the physical aspect of it, than you might want to stop if you get any pain, which by the way is what 99% of the physicians and doctors would recommend you to do (if they are not practitioners themselves). But we do not practise for the body only, we practise to calm the mind and elevate the spirit, and as such you can only think of keeping your practice going, maybe slowly but going.

I must say I don’t believe in the saying ‘no pain, no gain’ when it comes to physical pain. Actually I  do believe that:

Heyam duhkham anaagatam (Yoga Sutra 2.16)

Pain which is yet to come can be avoided.

Though, it may be the learning of a life….

 

 

If you’re interested in reading more about life in Mysore and at KPJAYI,  follow the blog clicking on the ‘Follow me’ button on the right-hand side of this page and receive future updates directly in your inbox. Namaste!


 

NESSUN DOLORE, NESSUN GUADAGNO?

 

Dolore, dolore, dolore.

Un argomento preferito in molte conversazione tra praticanti di ashtanga yoga, e non solo. Qui a Mysore, e non solo. Ed è decisamente uno degli argomenti ricorrenti nelle conferenze tenute da Sharath. Al riguardo ho molte domande io stessa e certamente mi mancano ancora molte risposte… ecco allora alcuni degli appunti presi al riguardo mentre parlava Sharath nei suoi talk nel corso degli ultimi 2 mesi.

Il dolore è essenziale per avanzare nella pratica di ashtanga?

“Quando il corpo cambia, ci sono un sacco di indolenzimenti e dolori. A cominciare da marichasana D. Ma per alcune persone, già trikonasana può essere difficile. Diverse posture richiedono una diversa flessibilità, diverse aperture sono necessarie.

Lo yoga non è facile.

Sa tu diirgha kaala nairantarya satkaaraasevitho drdhabhuumih – Yoga Sutra 1.14

La pratica diventa fermamente stabile quando è stata coltivata ininterrottamente e con devozione su un lungo periodo di tempo.

Molti anni di pratica cambieranno il vostro corpo, e mentre questo avviene svilupperete anche forza e resistenza, Molti studenti sono flessibili come un noodle ma non riescono a tenere una postura. Oggigiorno ognuno di voi vuole delle nuove posizioni, ma prima di tutto dovete costruire forza. E comprendere bene gli asana ed il vinyasa. Conoscere la sequenza in modo corretto è molto importante perchè le posizioni sono interrelate. Per esempio, che la schiena sia flessibile è molto importante prima di approcciare kapotasana. Altrimenti, non solo non viene ma vi fate anche male.

Dovete avere pazienza. Se praticate pazientemente e con intelligenza, ci guadagnerete. Se non ascoltate il vostro insegnante (nda. Sharath), ci perderete. (…). E molto spesso le lesioni nascono dal fatto che non respirate correttamente negli asana.

 

Cosa ci insegna il dolore?

“Il dolore vi ricorderà molte cose, vi ricorderà che non siete speciali. Vi renderà più umili. Vi insegnerà a stare più attenti a voi stessi e agli altri. Il dolore è un insegnante, vi insegnerà moltissime cose. Per capire cos’è ahimsa (non violenza), è necessario passare attraverso il dolore. Ti obbliga ad andare lentamente, ti forza a comprendere come funziona il tuo corpo. Apporta maggiore consapevolezza, maggiore attenzione alla vostra pratica.”

 

Cosa fare quando c’è un dolore? Bisogna continuare a praticare?

“Ci saranno molti dolori che verranno dalla vostra pratica. Non camminate troppo, non fate stretching a casa, non fatevi fare un massaggio: il vostro corpo è più intelligente di voi. Riposate! Usate olio sul vostro corpo! E continuate a praticare! E’ possibile che dobbiate rallentare e anche di parecchio, ad esempio tornare a praticare solo la metà della prima serie, ma continuate a fare la vostra pratica. Respirate molto nelle posizioni. In questo modo, guarirete.”

E a me piace aggiungere questo: ricordate sempre a voi stessi perchè praticate ashtanga yoga. Se è solo per l’aspetto fisico, allora ha un senso volervi fermare se c’è un dolore nel corpo, che tra l’altro è quanto il 99% dei medici o terapisti vi consiglierà di fare (se non sono praticanti essi stessi). Ma noi non pratichiamo solo per il corpo, pratichiamo per calmare la mente ed elevare lo spirito, e pertanto possiamo solo pensare di continuare a praticare, magari lentamente ma continuare a praticare.

Devo dire che non sposo la visione ‘nessun dolore, nessun guadagno’ inteso nella sua accezione fisica, ma piuttosto sono convinta che:

Heyam duhkham anaagatam (Yoga Sutra 2.16)

Il dolore che non si è ancora manifestato può essere evitato.

Anche se può essere l’apprendimento di una vita….

 

 

Se sei interessato a leggere di più sulla vita qui a Mysore e al KPJAYI, segui il blog cliccando sul tasto ‘follow me’ in alto a destra di questa pagina e ricevi i prossimi articoli direttamente nella tua mail. Namaste!

Posted in Ashtanga Yoga | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 Comments

HAPPY NEW YEAR… OR MAYBE, NOT YET

– Scorrere giù per la versione in italiano –

“I hope that in this year to come, you make mistakes.

Because if you are making mistakes, then you are making new things, trying new things, learning, living, pushing yourself, changing yourself, changing your world. You’re doing things you’ve never done before, and more importantly, you’re Doing Something.

So that’s my wish for you, and all of us, and my wish for myself. Make New Mistakes. Make glorious, amazing mistakes. Make mistakes nobody’s ever made before. Don’t freeze, don’t stop, don’t worry that it isn’t good enough, or it isn’t perfect, whatever it is: art, or love, or work or family or life.

Whatever it is you’re scared of doing, Do it!

Make your mistakes, next year and forever.”

– Neil Gaiman

indian-new-year-ashtanga-yoga-italia-Rosa-Tagliafierro-Milano

 

Forever in my life, New Year’s Eve has been a day devoted to looking back, a time to see the good and the bad of the year that was coming to an end and making resolutions for the New Year ahead. And of course, I would never have thought of getting to bed anytime before midnight, a way to make sure I was there to welcome the New Year when arriving. And on January 1, I would have all my little rituals to start the year in an auspicious way.

Than last night I went to Arvind’s Special Talk, the talks that my yoga philosophy teacher gives on Thursdays, just to find out that actually there was no New Year’s Eve or Day… at least not on Dec 31 and Jan 1! And that’s because India does not celebrate the New Year according to the Gregorian calendar, but based on the very moment when the sun enters in Aries, that is to say on the vernal (spring) equinox which – according to the Vedic astrology – happens to be mid-April every year. Hence the New Year Day in India goes along with an astrological re-birth of the sun, an event which Indian people believe well worth to be celebrated.

Indeed, yesterday and today here in Mysore there is a totally different atmosphere compared to what I’m used to in Italy or even compared to Goa last year. There were little celebrations going on as mostly families here were running their usual businesses. And as today was a normal practice day, we all yoga students were back at our places well before 10pm last night (which, by the way, is far later than usual ;-)) as the alarm would have gone off well before the sunrise for many. And, as practice is the most important thing for me here, I must say I’m not missing all the fuss we have built around the New Year. Who knows, maybe I will celebrate it on April 14th!!  🙂

 


BUON ANNO!… O FORSE NON ANCORA

 

“Spero che quest’anno a venire, farai degli errori.

Perchè se farai degli errori, allora starai facendo delle cose nuove, starai provando delle cose nuove, imparando, vivendo, mettendo alla prova te stesso, cambiando te stesso, cambiando il tuo mondo. Starai facendo cose che non hai mai fatto prima e, cosa ancora più importante, starai Facendo Qualcosa.

Pertanto questo è il mio augurio per te, ed il mio augurio per me stessa. Fai Nuovi Errori. Fai gloriosi, straordinari errori. Fa errori che nessuno ha mai fatto prima. Non restare immobile, non fermarti, non preoccuparti del fatto che non è abbastanza, o che non è perfetto, qualunque cosa esso sia: arte, o amore, o lavoro, o famiglia o vita.

Di qualunque cosa tu abbia paura, fallo!

Fai i tuoi errori, il prossimo anno e sempre.”

– Neil Gaiman

 

Sempre nella mia vita, il giorno di San Silvestro è stato un giorno dedicato a guardarmi indietro, un momento per prendere atto del buono e del cattivo dell’anno giunto al termine e per stilare i buoni propositi per il nuovo anno a venire. E naturalmente, non avrei neanche mai pensato di andare a letto prima della mezzonotte, un modo per essere certa di dare il benvenuto al Nuovo Anno al suo arrivo. Ed il 1° gennaio, avevo tutti i miei piccoli rituali per iniziare l’anno in modo propizio.

Poi ieri sera sono andata allo Special Talk di Arvind, i discorsi su argomenti specifici che il mio insegnante di filosofia dello yoga tiene ogni giovedì sera, giusto per scoprire che in effetti non c’era nessun Capodanno… almeno non il 1° gennaio. E questo perchè in India non si celebra il nuovo anno secondo il calendario gregoriano, ma in base al momento in cui il sole entra in Ariete, ovvero il giorno dell’equinozio di primavera che – secondo l’astrologia vedica – cade a metà aprile di ogni anno. Pertanto, il 1° dell’anno in India è legato alla rinascita astrologica del sole, un evento che gli Indiani reputano ben degno di essere celebrato.

E quindi, ieri ed oggi a Mysore l’atmosfera è totalmente diversa da ciò a cui sono abituata in Italia o anche rispetto a Goa lo scorso anno. Ci sono state piccole celebrazioni in corso, ma la maggior parte delle famiglie hanno continuato con le loro attività quotidiane come se nulla fosse. E dal momento che oggi è stato un regolare giorno di pratica, tutti noi studenti di yoga ieri sera siamo rientrati prima delle 22h (che è già tardi di per sè ;-)) visto che la sveglia avrebbe suonato per molti prima dell’alba. Ed essendo la pratica la cosa più importante per me qui, devo dire che non mi manca per nulla tutta la frenesia che abbiamo costruito intorno a tale data… Chissà, magari lo festeggio il 14 di aprile!! 🙂

 

Posted in Ashtanga Yoga | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

KPJ ASHTANGA YOGA INSTITUTE… 3 YEARS LATER

– Scorrere giù per la versione in italiano –

Rosa-Tagliafierro-ashtanga-yoga-italia-milano-Sharath-Jois-in-Conference-Mysore-shoes

3 years have gone by, having missed 2 seasons of practice with Sharath in the main shala here in Mysore.

Looking at it on a gross level, all seems pretty the same.

Looking at it on a more subtle level, so many things have changed.

What has striked me the most upon arrival, it is the amazing change in Sharath’s students over the last 2 years time. I remember a lot of very young people when I last was here, many attracted by the increasing popularity of the ashtanga yoga worldwide and coming to KPJAYI to experience ‘the Mysore magic’. Many of them were beginners in the practice, with Sharath often stopping them at ½ primary. In the last led class on Monday this week, there were only a couple of people – out of 90tish – stopping at Marichyasana D, all others just went straight up to the end of primary.

And the difference is even more noticeable during the Mysore classes! Whenever I wait in the little hall for my turn to enter the shala (which in the worst case was about 30min 3 years ago and which now is between 1h and 1h20min), I get the chance to look at those who are already practicing: what an inspiration to see almost all of them doing at least some of the intermediate series, if not all of it! Quite a few on Advanced A and B!! Actually, this December all of the ashtanga gotha is here to practice bringing with them an extra-ordinary energy to the shala every morning 🙂 There are almost no beginners, and the bulk of the students have already practiced at KPJAYI before.

Hence the energy in the shala is just at its top, vibrant and dense. It takes you through the practice, it makes you feel supported, and makes easier for you to surrender to the poses, it allows your body to open and your mind to relax, to ground, to expand, to enjoy every breath and every movement! So thank you to all of you awesome guys with whom I have the pleasure to practice with every morning and thank you Sharathji for orchestrating all of it with your strong and determined presence!

Rosa-Tagliafierro-ashtanga-yoga-italia-milano-Sharath-Jois-in-Conference-MysoreAnd that bring me to the second big change I noticed: Sharath himself! I remember on my first trip to KPJAYI in Jan 2011 that while Sharath was having the conferences, he felt almost embarrassed by having to talk in front of so many people (about half of the ones present today!), he was shy and sometimes I felt the impression he didn’t know what to tell us. And now, he is soooo self-confident, he seems to enjoy the talks more and more up to the point that last week the conference lasted almost 2h instead of the usual 45min / 1h. He is more and more getting comfortable in his shoes and the result is just amazing. And you can also perceive it every morning while he teaches.

Notwithstanding he gets up every morning at 00.30h to do his personal practice before getting ready to teach at 4am, and he keeps teaching for 8h in a row up to 12pm, he is more and more relaxed in his teacher/guru role, often prone to jokes and smiles, while still being very attentive to whatever goes on in the shala. Nothing passes unnoticed to him. Do something ‘wrong’ and you will know 🙂

So yes, definitely feeling totally blessed by having this great opportunity to be back studying ashtanga yoga at the source with Sharathji!

 

If you’re interested in reading more about life in Mysore and at KPJAYI,  follow the blog clicking on the ‘Follow me’ button on the right-hand side of this page and receive future updates directly in your inbox. Namaste!

 


 

 

K.P.J. ASHTANGA YOGA INSTITUTE… 3 ANNI DOPO

 

3 anni son passati, avendo saltato le ultime 2 stagioni di pratica con Sharath qui nella shala principale a Mysore.

Guardando al tutto su un piano più grossolano, tutto sembra più o meno lo stesso.

Guardando al tutto su un piano più sottile, moltissime cose sono cambiate.

Ciò che mi ha colpito di più all’arrivo è stato il grande cambiamento negli studenti di Sharath nel corso di questi 2 anni. Ricordo un sacco di ragazzi giovanissimi l’ultima volta che sono stata qui, molti attirati dalla popolarità crescente dell’ashtanga yoga a livello mondiale e che venivano qui al KPJAYI per sperimentare di persona ‘la magia di Mysore’. Molti di loro erano principianti nella pratica, con Sharath che spesso li faceva fermare alla metà della prima serie. Nell’ultima classe guidata, lunedì di questa settimana, solo un paio di studenti su circa una novantina si sono fermati a Marichyasana D, tutti gli altri sono andati dritti dritti fino alla fine della prima serie.

E la differenza è ancora più evidente nel corso delle classi Mysore style! Ogni volta che aspetto nella piccola hall all’ingresso il mio turno per entrare in shala (che nella peggiore delle ipotesi era di circa 30′ ed ora è in media di 1h/1h20′), ho la possibilità di guardare chi sta già praticando: che ispirazione vedere che la stragrande maggioranza pratica almeno parte della seconda serie, se non tutta! Ed un buon numero di studenti pratica la Advanced A e qualcuno anche la B!! E per non dire che questo mese è presente tutto il gotha dell’ashtanga yoga, che porta con sé ogni mattina un’eccezionale energia in shala. Quasi non ci sono principianti nonostante ci siano ancora tanti giovanissimi, e la maggior parte di loro ha già praticato presso il KPJAYI almeno una volta.

Pertanto l’energia nella shala è al suo top, vibrante e densa. Ti porta attraverso la pratica, ti fa sentire sostenuta e rende più facile abbandonarsi alle posizioni, permette al tuo corpo di aprirsi e alla tua mente di rilassarsi, di radicarsi, di espandere, di godere di ogni respiro e di ogni singolo movimento. E per questo, grazie a tutti voi con i quali ho il piacere di praticare ogni mattina!! e grazie Sharathji per dirigere il tutto con la tua presenza forte e determinata!!

E questo mi porta al secondo grande cambiamento che ho notato: lo stesso Sharath! Ricordo che nel corso del mio primo viaggio di studio al KPJAYI nel gennaio del 2011, nelle conferenze Sharath era quasi imbarazzato dal dover parlare di fronte a così tante persone (la metà di quelle presenti oggi!), era timido e talvolta avevo l’impressione che non sapesse cosa raccontarci. Ed ora, è totalmente diverso: Sharath è pieno di fiducia in sé, sembra che tenere le conferenze gli piaccia sempre di più al punto che la scorsa settimana la stessa è durata ben 2h invece dei soliti 45/60 minuti. Egli è sempre più a suo agio nei suoi panni ed il risultato è straordinario. E tutto ciò lo si percepisce bene ogni mattina mentre insegna.

Nonostante si svegli a mezzanotte e mezza per fare la sua pratica personale prima di cominciare ad insegnare alle 4h del mattino, e continui ad insegnare per ben 8h di seguito fino a mezzogiorno, Sharath è sempre più rilassato nel suo ruolo di insegnante e guru, spesso incline a battute e sorrisi, sempre restando molto attento a qualsiasi cosa avvenga nella shala. Nulla gli passa inosservato. Fa qualcosa di ‘sbagliato’, e te ne accorgi subito 😉

E quindi si, oggi come 3 anni fa, mi sento estremamente fortunata per questa grande opportunità di essere qui a studiare ashtanga yoga alla fonte con Sharathji!

 

Se sei interessato a leggere di più sulla vita qui a Mysore e al KPJAYI, segui il blog cliccando sul tasto ‘follow me’ in alto a destra di questa pagina e ricevi i prossimi articoli direttamente nella tua mail. Namaste!

Posted in Ashtanga Yoga | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment