LESS IS MORE. IN ASHTANGA YOGA AS WELL?

– scorrere giù per la versione in italiano –

Less is more.

– Mies van der Rohe

less-is-more-graphic
In 1947 the famous architech Ludwig Mies van der Rohe adopted this sentence as a precept for minimalist design  and architecture, meaning that creations are more effective when keept simple and to the essential. Since than, ‘less is more’ saying has been applied to several different contexts and situations, from fashion design to business world, and expecially of lately.
Yesterday I was having lunch with some Spanish speaking friends of mine here in Mysore and we ended up doing a summary of our first month of practice with our teacher Sharath-ji at K. Pattabhi Jois Ashtanga Yoga Institute (KPJAYI). All of us have been practising less poses than we would normally do back home, some only primary series as it’s mandatory in the shala to practice only 1st series if this is your first trip to study here independently of where you are at in your own daily practice back home. And once you come back to study to KPJAYI, you resume the practice till the last posture Sharath-ji gave to you on your last trip, independently of how many years back it was and independently of the progresses you have done in the meanwhile at home / with your habitual teacher if you have one. And this is till you get one or a few more poses when Sharath-ji considers you ready for that, a readiness which goes a long way beyond you just being physically fit for it.
That was no news, as this is pretty normal around here. The real surprise was to find out that each and everyone of us had greatly benefited from the downsize. In a manner, the fact of focusing on a shorter practice (even just a bit) brings the attention to parts of it which are usually overlooked at because of the quantity, such as:
– bringing the attention to more subtle aspects of the practice such as the bandhas;
– working more on transitions, such as jumps through and back;
– working on pratyahara, the withdrawal of senses, during the practice;
– allowing the body to recover from old pains;
– giving more time and tries to the most difficult poses
which all made the single individual practice a better and more meaningful one.
So, let’s not just assume that more is always more. Our human nature comes with an inclination to desire more, to have more money, more clothes, travel more, having more of this and that and in the yoga world we are not immune of it. Often as ashtangis we long for more postures, we want “to do more” as we confuse that with “being more” compared to others or just to prove something to ourselves. In reality,  when we focus on quantity we loose some of the quality along the way. We tend to become less thoughtful, more in a hurry, more scattered and, hence, less in the present moment.
Therefore, every time we’re longing for a new pose, let’s think if we’re giving all that we can in the ones we already have and if we are exploring them all in each facet they have. And let’s remind ourselves, “do less, but do it better” because
“God is in the details”
– Mies van der Rohe

 

MENO E’ DI PIU’. ANCHE NEL MONDO DELL’ASHTANGA YOGA?

 

Meno è di più.

– Mies van der Rohe

Nel 1947 il famoso architetto Ludwig Mies van der Rohe ha adottato questa frase come un precetto per il design minimalista e l’architettura in generale, intendendo con la stessa dire che le creazioni sono più efficaci quando mantenute semplici ed essenziali. Da allora, il modo di dire ‘less is more’è stato applicato a numerosi diversi contesti e situazioni, dal mondo della moda a quello del business, e specialmente negli ultimi tempi.
Ieri ero a pranzo con alcune amiche di lingua spagnola qui a Mysore e siamo finite a fare un riepilogo del nostro primo mese di pratica con il nostro insegnante Sharath-ji al K. Pattabhi Jois Ashtanga Yoga Institute (KPJAYI). Ognuna di noi in questo mese ha praticato una sequenza più breve rispetto a quella che normalmente fa’ a casa, alcune solo la prima serie dal momento che nella shala è mandatorio fermarsi alla prima se questo è il tuo primo viaggo di studio qui e indipendentemente da quella che è la tua pratica quotidiana a casa. E una volta che torni al KPJAYI, riprendi la pratica esattamente dall’ultima postura che Sharath-ji ti aveva dato nel tuo ultimo viaggio qui, indipendentemente da quanti anni sono trascorsi e indipendentemente dai tuoi progressi nel frattempo a casa / con il tuo insegnante abituale se ne hai uno. E questo fin quando Sharath-ji non ti considera pronto per una o più nuove posizioni, un essere pronto che va ben al di là dell’aspetto puramente fisico.
Questa non è stata una novità, dal momento che è la prassi nei paraggi 😉 La vera sorpresa è stato scoprire che ognuna di noi aveva grandemente beneficiato da questo ridimensionamento. In un modo, il fatto di focalizzarsi su una pratica più breve (anche se di poco) aiuta a portare l’attenzione a quegli aspetti della stessa che di solito vengono trascurati a causa della quantità, come ad esempio:
– concentrarsi sugli aspetti più sottili della pratica come i bandha;
– lavorare di più sulle transizioni, come il salto attraverso ed il salto indietro;
– lavorare su pratyahara, il ritiro dei sensi, durante la pratica;
– permettere al corpo di recuperare da vecchi dolori;
– dare più tempo alle posizioni più ostiche e provarle di più
il che ha reso la pratica individuale di ciascuna di noi migliore e più significativa.
Pertanto, abbandoniamo l’idea che di più è sempre di più. La nostra natura umana porta con sè un’inclinazione a desiderare di più, ad avere più soldi, più vestiti, a viaggiare di più, ad avere di più di questo e di quello e nel mondo dello yoga non siamo immuni da questa tendenza. Spesso in ashtanga desideriamo fortemente nuove posizioni, vogliono “fare di più” perchè lo confondiamo con un “essere di più” rispetto agli altri e/o rispetto ad un’idea che abbiamo di noi stessi. Nella realtà, quando ci focalizziamo sulla quantità spesso tendiamo a perdere di vista la qualità lungo la strada.  Tendiamo a diventare meno attenti, meno accurati, più affrettati, più dispersivi e pertanto meno nel momento presente.

Quindi, ogni volta che ci troviamo a desiderare fortemente una nuova posizione, chiediamoci se stiamo dando il massimo ed esplorando le mille sfaccettature di quelle che già abbiamo. E ricordiamo a noi stessi, “fai di meno, ma fallo meglio” perchè
“Dio è nei dettagli”
– Mies van der Rohe
Posted in Ashtanga Yoga | Tagged , , , , , , , , , , , , , | 2 Comments

THE PROCESS OF CONSTANT CHANGE, AT KPJAYI AS WELL

– scorrere giù per la versione in italiano –

“The basic building blocks of the Samkhya universe, the cosmos of our direct experience, are called the three gunas. Guna means a ‘strand’ or a ‘rope’ and it is said, within the Samkhya system, that these three strands braided together generate the process of prakriti, the process of constant change, continual transformation and evolution. …

All three (sattva, rajas, tamas) are constantly in dynamic tension with one another. Their relationship is somewhat like an ongoing game of rock, paper, scissors, because in all that occurs in life, one guna – one of the strands – gets on top, but no one remains on top since none of the gunas are of fixed substance. The gunas, therefore, are a means of describing the process of evolution or change and impermanence.”

Richard Freeman

Nobody can stop the process of evolution, change is the very nature of our existence. Whenever we live in a fixed place we become part of those changes at the very moment they manifest, hence very often we have not a full percetion of the transformation while it’s happening.

Therefore, there is nothing better than to come back to a different place year after year to get an immediate evidence of how things are changing… and India is pretty fast in that!

17-01-at-KPJAYI-rosa-tagliafierro-ashtanga-yoga-italia.jpg

Only 11 months from last time I was in Mysore and so many changes already, and again… Some smaller, some bigger. New shops, new people, new houses, new prices, new restaurants all around the place. And the K. Pattabhi Jois Ashtanga Yoga Institute (KPJAYI) is not an exception within this flow of happenings.

So, if you have already a plane ticket or you’re planning to come over, please note there is kind of a new code of conduct in the main shala which you might want to be aware of:

  • women can’t wear shorts any longer;
  • only sport bras as a top for women are no longer allowed;
  • any yoga mat (this is also true for cotton mats) which does have a Om, a Shiva symbol (the trident, the 3 lines, etc…) as well as other sacred symbols are not admitted;
  • during last Sunday conference, Sharath announced that students who comes without a cotton mat won’t be allowed to practice and will be sent back home;
  • every student must have a towel during the practice and clearly display the student card;
  • at the end of the practice, no more long ‘shavasanas’ (or ‘sukhasanas’ as Sharath points it out) in the changing rooms. One minute or 2 and than, make sure you take your rest at home!

17-01-07-queue-3am-mysore-lead-ashtanga-classOn the technological side, hurrahh!! Starting this year you can pay your fees with credit cards, both for one month or more!! But be careful, for some reason the chanting fees need to be cash. And if you pay with credit card, it’s better to have the copy of the passport and the copy of the visa on 2 different pieces of paper to make sure they are accepted.

An finally, the most astonishing of them all and which makes me rather happy, there is a nice tidy queue to enter the shala (which now has got shaders at the windows, to talk of the minors changes ^_^) on led classes’ days! The days of rushing and pushing are over 🙂

 


 

IL PROCESSO DEL CAMBIAMENTO COSTANTE, ANCHE AL KPJAYI

 

“Gli elementi costitutivi di base dell’universo, i cosmi della nostra esperienza diretta, secondo la filosofia Samkhya sono chiamati i 3 guna. Guna significa ‘corda’ o ‘fune’ e si dice, all’interno del sistema Samkhya, che queste 3 corde intrecciate insieme generano il processo di prakriti, il processo del cambiamento costante, della continua trasformazione ed evoluzione. …

Tutte e tre (sattva, rajas, tamas) sono costantemente in una tensione dinamica l’uno con l’altro. La loro relazione è in qualche modo simile ad un gioco in corso della morra cinese, perché in tutto ciò che avviene nella vita, un guna – quindi una delle 3 corde – viene in superficie, ma nessuno dei 3 vi resta a lungo dal momento che nessuno dei guna è formato di materia/sostanza fissa. I guna, pertanto, sono un mezzo per descrivere il processo dell’evoluzione o cambiamento e dell’impermanenza.”

Richard Freeman

 

Nessuno può interrompere il processo di evoluzione, il cambiamento è la vera natura della nostra esistenza. Quando viviamo sempre nello stesso posto diventiamo parte di quei cambiamenti nel momento stesso in cui essi si manifestano, quindi molto spesso ci succede di non avere una piena percezione della trasformazione nel momento in cui essa sta avvenendo.

Pertanto, non c’è nulla di meglio che tornare costantemente in un altro luogo anno dopo anno per ottenere un’evidenza immediata di come le cose cambino… e l’India è decisamente veloce in questo!

Sono passati solo 11 mesi dall’ultima volta che sono stata a Mysore e già ho trovato tanti cambiamenti, di nuovo… Alcuni piccoli, alcuni più grandi. Nuovi negozi, nuove persone, nuove case, nuovi prezzi, nuovi ristoranti tutt’intorno. E in questo flusso di cambiamento, il K. Pattabhi Jois Ashtanga Yoga Institute (KPJAYI) non fa eccezione.

Quindi, se hai già un biglietto aereo o stai programmando di venire a praticare qui, nota che nella ‘main shala’ c’è una sorta di nuovo ‘codice di condotta’ che è meglio conoscere a priori:

  • per le donne non sono più ammessi i pantaloncini per la pratica;
  • e sempre per le donne, non sono più ammessi neanche i reggiseni sportivi da soli come top;
  • i tappetini di yoga (inclusi quelli in cotone) che riportano il simbolo OM o altri simboli Shivaisti (il tridente, le 3 linee, ecc…) così come altri simboli sacri non sono ammessi;
  • durante la conferenza di domenica scorsa, Sharath ha annunciato che agli studenti che arrivano senza il tappetino di cotone o microfibra non sarà permesso praticare;
  • ogni studente deve avere con sè un asciugamano durante la pratica e deve mostrare in modo visibile la sua tessera di iscrizione;
  • infine, al termine della pratica, non più lunghi shavasana (o ‘sukhasana’ come puntualizza Sharath) negli spogliatoi. Un minuto o 2, e poi si riposa a casa!

Dal punto di vista della tecnologia, invece, ottima notizia! Da quest’anno è possibile pagare la quota di iscrizione con la carta di credito, sia per un mese che di più. Ma attento, per qualche motivo la quota relativa al chanting va pagata a parte e deve essere in contanti. E se paghi con carta di credito, assicurati di avere con te la copia del passaporto e del visto su 2 fogli separati per essere sicuro che verranno accettati.

Ed, infine, il cambiamento più bello, quello per me più sorprendente e anche quello che mi rende più felice, è la bella coda ordinata che si crea davanti alla shala (che ora ha delle veneziane alle finestre giusto per elencare un cambiamento minimo ;-)) in occasione di ogni classe guidata. I giorni degli spintoni e delle corse sono finite 🙂

Posted in Ashtanga Yoga | Leave a comment

IS YOUR ASHTANGA TEACHER A CONTROL FREAK?

control-freak-ashtanga-yoga-italia-milano

Sitting on the floor in the rented apartment here in South California on this sunny Saturday afternoon, my heart is so full of joy for these last 2 weeks of Second Series Ashtanga Yoga Teacher Training with Tim Miller which I completed yesterday.

ashtanga-yoga-italia-milano-rosa-tagliafierro-with-Tim-MillerThe days were intense, often longer than 12h per day: we had pranayama and chanting sessions, led and improvisation classes, Mysore practices, we had to observe or assist in classes on top to spend the afternoons in reviewing every single pose of second series from an anatomical, alignment and adjustment standpoint. We had Timji reading us stories from Mahabharata and Ramayama or telling us about the old Mysore days when Guruji – Pattabhi Jois – was alive. He was there when ashtanga as we know it today was being born, and now I have a better understanding of the why and because of the changes there have been overtime in the good and the bad. And in all of it, he made sure we understood that ashtanga is not just a physical practice.

During the training while studying the different asanas, my fellow trainees and myself were raising questions to Timji asking if we were permitted to do this or that while practicing ashtanga (i.e. for urdhva dhanurasana, the wheel pose, we had questions like ‘is it allowed to take the heels off?’, ‘I’ve been told never to walk the feet in’, ‘my teacher says this and that in ashtanga it’s not allowed’ and blah blah blah). Till the point Timji got kind of fed up with that on the day before last and stopped the session, sat down and said (according to my notes):

The role of a teacher is to inspire some love for practice. Guruji wasn’t interested in the small minutiae. When people would ask him this kind of questions he would just make a face and say ‘Yoga is to see God in everything’. The practice is designed to empower you, so it’s not the teacher’s job to disempower you though it seems to happen a lot nowadays in the ashtanga world. Guruji seemed to just give us the tools. He wouldn’t answer these small questions as he used to say that practice is self-teaching.

The ownership is on the student. Be consistent in your practice, find out your own answers. Trust your inner voice instead of always relying on some external person. Practice is mostly self-learning.

Be kind to your students, be compassionate. Don’t be too much of an asshole, a control freak. Believe this is my secret to be a good teacher. Don’t pretend to have all the answers. And if you don’t have all the answers, just say it. Yoga is sooooo vast that even though you study it for a long time, you’re still scratching the surface.

Keep it playful, keep it joyful. It seems nowadays all the playful stuff is being taken away. But if you don’t keep it joyful, you won’t feel like doing it any longer.”

I take with me many learnings at different levels from this training, though this one in a way summarizes it all – first as a student than as a teacher. May I transfer at least a bit of all I got during these last 2 weeks. Thank you Timji!

 


IL TUO INSEGNANTE DI ASHTANGA E’ UN MANIACO DEL CONTROLLO?

 

Seduta sul pavimento qui nell’appartamentino in affitto nel sud della California in questo soleggiato sabato pomeriggio, il mio cuore è colmo di gioia per quanto vissuto in queste ultime 2 settimane dedicate al teacher training della 2nda serie di ashtanga yoga con Tim Miller che ho completato ieri.

Le giornate sono state intense e spesso lunghe più di 12h: avevamo sessioni di pranayama e chanting, classi guidate incluse le famose ‘improv’ di Tim, pratiche stile Mysore; inoltre dovevamo osservare o assistere nelle varie classi in aggiunta ai pomeriggi dedicati alla revisione delle singole posizioni della seconda serie da un punto di vista anatomico, di allineamento e di aggiustamenti. Ci sono stati momenti dedicati alla lettura di storie dalla Mahabharata e dalla Ramayana così come per i racconti dei vecchi tempi a Mysore quando Guruji – Pattabhi Jois – era vivo. Timji era lì quando l’ashtanga così come la conosciamo oggi nasceva, ed ora ho una migliore comprensione del perchè e per come dei cambiamenti che si sono susseguiti nel tempo per il meglio e per il peggio. Ed in tutto questo, Timji ha fatto in modo che fosse ben compreso e assimilato il fatto che l’ashtanga va ben oltre la pratica fisica.

Nel corso della formazione mentre studiavamo le diverse posizioni, sia i miei compagni di corso che la sottoscritta abbiamo spesso sollevato delle domande relative al fatto se fosse permesso o meno in ashtanga fare determinate cose (ad esempio per urdhva dhanurasana, il ponte, avevamo domande del tipo ‘è consentito sollevare i talloni?’, ‘mi è stato detto che non devo mai camminare con i piedi verso le mani ma viceversa’, ‘il mio insegnante dice che in ashtanga non si può fare questo o quello e bla bla bla…). Ad un certo punto il penultimo giorno, Timji – direi piuttosto stufo della cosa – ha interrotto la sessione, si è seduto e ci ha detto (dai miei appunti):

Il ruolo di un insegnante è quello di ispirare un certo amore per la pratica. Guruji non era interessato in queste minuzie. Quando gli ponevano questo tipo di domande lui faceva la faccia strana e diceva ‘Lo yoga è per vedere Dio in ogni cosa’. La pratica è disegnata per darvi autorità, pertanto non è il ruolo dell’insegnante quella di togliervela sebbene sembra succedere spesso oggigiorno nel mondo dell’ashtanga. La mia percezione è che Guruji semplicemente ci fornisse degli strumenti. Lui non rispondeva a queste domande dal momento che era solito dire che la pratica è self-teaching, insegna di per sè.

Il diritto di proprietà è dello studente. Siate costanti nella vostra pratica, trovate le vostre proprie risposte. Fidatevi della vostra voce interiore invece di dipendere sempre su qualcuno di esterno. La pratica è principalmente self-learning, apprendimento da sè.

Siate gentili con i vostri studenti, siate compassionevoli. Non siate troppo stronzi, dei maniaci del controllo. Non pretendete di avere tutte le risposte. E quando non avete tutte le risposte, semplicemente ditelo. Lo yoga è talmente vasto che anche se studiate per moltissimo tempo, continuate comunque a graffiarne solo la superficie.

Mantenetelo giocoso, mantenetelo gioioso. Sembra che oggigiorno tutta la parte giocosa la si stia eliminando. Ma se non lo mantenete tale, allora diventa difficile continuare a praticarlo perchè non avrete più voglia di farlo.”

Porto via con me da questa formazione molti insegnamenti a diversi livelli, ma credo questo riassuma in sè tutti gli altri – prima come studente, poi come insegnante. Che io possa trasmettere almeno un pizzico di ciò che ho ricevuto in queste 2 settimane. Grazie Timji!

Posted in Ashtanga Yoga | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 6 Comments

HOW MANY YOGA POSTURES ARE THERE?

– Scorrere giù per la versione in italiano –

Asanani ca tavanti yavantyo jivajatayah

Etesamatulan bhedan vijanati mahesvarah

– Dhyana bindu upanishad 42

(There are) as many postures as (there are) species of living beings. The distinctions between them all Shiva (alone) fully understands.

ashtanga-yoga-old-poster-showing-Guruji-ashtanga-yoga-italia-milano-rosa-tagliafierro

Have you ever wondered how many yoga poses are there? Not to consider that in different yoga styles the same posture can be taught in different ways: heels up or down, arms straight or bent, head back or forth, and so on… or the influence of social medias (are you on instagram?) that pushes towards being creative, original and add your own personal touch to everything.

But sticking to the Indian tradition, how many asanas are there, should we practice them all and what for? Krishnamacharya says:

The Vedas and the Shastras say that there are as many asanas as there are living beings. Only the supreme Lord knows them all. Living species number 84.000.000. In ancient times, alla asanas were practiced and kept in use by constant practice and experience. But, in the course of time, many asanas disappeared due to association of people with others, change of dress, manners, habits etc.

Among the 84.000.000 asanas that were originally existing, only 84.000 were under practice during the time of Pujia Shankaracharya, 64.000 during the time of Yatiraja Ramanujacarya and Sri Madhvacarya and 24.000 during the time of Nigamanta Mahadeshika. This is known from their respective biographies. In recent times, I came to know from Jagadguru Sri Nrsimha-bharati and have seen personally that 16.000 asanas were practiced by him.

Sri Ramamohana Brahmachari (…) has the mastery and experience of 7.000 asanas. I have seen this personally, and under his lotus feet have learned about 700 asanas, which I am practicing at present. Only 84 asanas are known from books which are available today (Krishnamacharya was writing this in year 1934) and from modern yoga practitioners. Some others may know more.

Why so many yoga poses?

There are about 84.000.000 diseases that affect all living beings. In olden times, we got rid of all diseases which commonly affected humans by practicing Asanas and Pranayama. Even the books of medicine and life (Ayurveda) state that those diseases which could not be cured by medicines, could be cured by yoga practices such as asanas and pranayama. These days, our country is becoming poorer day by day, in wealth and material comforts. Similarly, all our Vijnana-shastras and Yoga-shastras are also being neglected and are diminishing.

And that was early 1930s 😉

How many asanas do you practice daily? And what for? Leave a comment, share your experience!

If you enjoyed this post, follow the blog clicking on the ‘Follow me’ button on the right-hand side of the page and receive future updates directly in your inbox. Thank you!

 


 

QUANTE POSIZIONI DI YOGA ESISTONO?

Asanani ca tavanti yavantyo jivajatayah

Etesamatulan bhedan vijanati mahesvarah

– Dhyana bindu upanishad 42

(Ci sono) tante posizioni quante (sono) le specie di essere viventi. Le distinzioni tra tutte (solo) Shiva le comprende pienamente.

Vi siete mai chiesti quante posizioni di yoga esistono? Ed escludiamo il fatto che in diversi stili di yoga la stessa posizione possa essere insegnata in modi diversi: talloni su o giù, braccia tese o piegate, testa indietro o in avanti, e così via… ed anche il fatto che sotto l’influenza dei social media (avete fatto un giro in instagram?) si tende a voler essere sempre più creativi, originali e ad aggiungere quel tocco personale ad ogni cosa.

Limitandoci alla tradizione indiana, quante asana esistono, dovremmo praticarle tutte e perchè? Krishnamacharya ci dice:

I Veda e gli Shastra dicono che ci sono tante asana quanti gli esseri viventi. Solo il Supremo le conosce tutte. Le specie viventi sono 84.000.000. Nei tempi antichi, tutte le asana erano praticate e mantenute in uso da una pratica costante e dall’esperienza. Ma, nel corso dei tempi, molte asana sono scomparse a causa dell’associazione di persone con altre persone, cambio di usi, costumi, abitudini, ecc.

Tra gli 84.000.000 di asana che esistevano originariamente, solo 84.000 erano praticate al tempo di Pujia Shankaracharya, 64.000 ai tempi di Yatiraja Ramanujacarya e Sri Madhvacarya e 24.000 ai tempi di Nigamanta Mahadeshika. Questo lo si conosce dalle loro rispettive biografie. In tempi recenti, ho saputo da Jagadguru Sri Nrsimha-bharati, ed ho visto personalmente, che 16.000 asana erano praticate dallo stesso.

Sri Ramamohana Brahmachari (…) ha la padrononanza e l’esperienza di 7.000 asana. Ho visto ciò personalmente e, sotto la sua guida, ho imparato circa 700 asana, che pratico al momento. Solo 84 asanas sono conosciute dai libri disponibili oggi (Krishnamacharya scriveva ciò nel 1934) e dai moderni praticanti di yoga. Altri potrebbero conoscerne di più.

Perchè così tante posture di yoga?

Ci sono circa 84.000.000 di malattie che colpiscono tutti gli esseri viventi. Nei tempi antichi, ci si sbarazzava di tutte quelle malattie che comunemente colpivano gli umani attraverso la pratica di Asana e Pranayama. Anche i libri di medicina e di vita (Ayurveda) ribadiscono che quelle malattie che non potevano essere curate attraverso le medicine, potevano essere curate attraverso le asana ed il pranayama. Oggigiorno, il nostro paese sta diventando sempre più povero, in ricchezza e comodità materiali. Allo stesso modo, tutti i nostri Vijnana-shastra e Yoga-shastra vengono anche dimenticati e sono in diminuzione.

E questo era agli inizi degli anni 1930 😉

Quante posizioni pratichi giornalmente? e perchè? Lascia un commento, condividi la tua esperienza!

Se questo articolo ti è piaciuto, segui il blog cliccando sul tasto ‘follow me’ in alto a destra per ricevere tutti i prossimi aggiornamenti direttamente nella tua mail. Grazie!

Posted in Ashtanga Yoga | Tagged , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

NO PAIN, NO GAIN?

– Scorrere giù per la versione in italiano –

 

no-pain-no-gain-ashtanga-yoga-italia-rosa-tagliafierroPain, pain, pain.

A favorite topics in many conversations amongst ashtanga yoga students, and not only. Here in Mysore, and not only. And it’s definitely one of the recurrent subjects during Sharath’s conferences. I have many questions myself about the topic and still haven’t got many answers… so, here some of the notes on the theme as spoken by the Boss during his talks over the last 2 months.

 

 

Is it pain essential to advance in the ashtanga practice?

“When the body is changing, there will be a lot of soreness and pain in the body. It starts from marichasana D. For some people even trikonasana is difficult. Different asanas require a different flexibility, different openings are needed.

Yoga doesn’t come easily.

Sa tu diirgha kaala nairantarya satkaaraasevitho drdhabhuumih – Yoga Sutra 1.14

The practice becomes firmly established when it has been cultivated uninterruptedly and with devotion over a prolonged  period of time.

Many years of practice will change your body, and with that you will also develop strenght and stamina. Many students are flexible like a noodle but they just can’t hold a posture. Nowadays each of you ask for new postures, but first you need to build strenght. And understand asanas and vinyasa properly. The correct sequence is very important because the asanas are interrelated. For example, back flexibility is very important before approaching kapotasana. Otherwise, it doesn’t come and you injure your back.

You should have patience. If you do patiently and intelligently, than you will gain. If you don’t listen to your teacher, than you will lose. (…) And many times injuries happen because you don’t breath properly in the asanas.”

 

What does pain teach us?

“Pain will remind you many things, it reminds you that you’re not special. It will make you more humble. It will teach you to be careful about yourself and about others. Pain is a teacher, it will teach you so many things! To understand what ahimsa (non violence) is, you need to go through pain. It forces you to go slowly, it makes you understand how your body works. It brings more consciousness, more attention to your practice.”

 

What to do when pain is there? Should we keep practising?

“There will be many pains coming from your practice. Don’t walk too much, don’t stretch at home, don’t go for massage: your body is clever than you. Rest! Put oil on your body! And keep doing your own practice! You may have to slow it down a lot, such as practising just half primary but you take your practice. Breath a lot. In this way, you will heal.”

 

And I like to add this: remind yourself why you are practising ashtanga yoga. If it’s just for the physical aspect of it, than you might want to stop if you get any pain, which by the way is what 99% of the physicians and doctors would recommend you to do (if they are not practitioners themselves). But we do not practise for the body only, we practise to calm the mind and elevate the spirit, and as such you can only think of keeping your practice going, maybe slowly but going.

I must say I don’t believe in the saying ‘no pain, no gain’ when it comes to physical pain. Actually I  do believe that:

Heyam duhkham anaagatam (Yoga Sutra 2.16)

Pain which is yet to come can be avoided.

Though, it may be the learning of a life….

 

 

If you’re interested in reading more about life in Mysore and at KPJAYI,  follow the blog clicking on the ‘Follow me’ button on the right-hand side of this page and receive future updates directly in your inbox. Namaste!


 

NESSUN DOLORE, NESSUN GUADAGNO?

 

Dolore, dolore, dolore.

Un argomento preferito in molte conversazione tra praticanti di ashtanga yoga, e non solo. Qui a Mysore, e non solo. Ed è decisamente uno degli argomenti ricorrenti nelle conferenze tenute da Sharath. Al riguardo ho molte domande io stessa e certamente mi mancano ancora molte risposte… ecco allora alcuni degli appunti presi al riguardo mentre parlava Sharath nei suoi talk nel corso degli ultimi 2 mesi.

Il dolore è essenziale per avanzare nella pratica di ashtanga?

“Quando il corpo cambia, ci sono un sacco di indolenzimenti e dolori. A cominciare da marichasana D. Ma per alcune persone, già trikonasana può essere difficile. Diverse posture richiedono una diversa flessibilità, diverse aperture sono necessarie.

Lo yoga non è facile.

Sa tu diirgha kaala nairantarya satkaaraasevitho drdhabhuumih – Yoga Sutra 1.14

La pratica diventa fermamente stabile quando è stata coltivata ininterrottamente e con devozione su un lungo periodo di tempo.

Molti anni di pratica cambieranno il vostro corpo, e mentre questo avviene svilupperete anche forza e resistenza, Molti studenti sono flessibili come un noodle ma non riescono a tenere una postura. Oggigiorno ognuno di voi vuole delle nuove posizioni, ma prima di tutto dovete costruire forza. E comprendere bene gli asana ed il vinyasa. Conoscere la sequenza in modo corretto è molto importante perchè le posizioni sono interrelate. Per esempio, che la schiena sia flessibile è molto importante prima di approcciare kapotasana. Altrimenti, non solo non viene ma vi fate anche male.

Dovete avere pazienza. Se praticate pazientemente e con intelligenza, ci guadagnerete. Se non ascoltate il vostro insegnante (nda. Sharath), ci perderete. (…). E molto spesso le lesioni nascono dal fatto che non respirate correttamente negli asana.

 

Cosa ci insegna il dolore?

“Il dolore vi ricorderà molte cose, vi ricorderà che non siete speciali. Vi renderà più umili. Vi insegnerà a stare più attenti a voi stessi e agli altri. Il dolore è un insegnante, vi insegnerà moltissime cose. Per capire cos’è ahimsa (non violenza), è necessario passare attraverso il dolore. Ti obbliga ad andare lentamente, ti forza a comprendere come funziona il tuo corpo. Apporta maggiore consapevolezza, maggiore attenzione alla vostra pratica.”

 

Cosa fare quando c’è un dolore? Bisogna continuare a praticare?

“Ci saranno molti dolori che verranno dalla vostra pratica. Non camminate troppo, non fate stretching a casa, non fatevi fare un massaggio: il vostro corpo è più intelligente di voi. Riposate! Usate olio sul vostro corpo! E continuate a praticare! E’ possibile che dobbiate rallentare e anche di parecchio, ad esempio tornare a praticare solo la metà della prima serie, ma continuate a fare la vostra pratica. Respirate molto nelle posizioni. In questo modo, guarirete.”

E a me piace aggiungere questo: ricordate sempre a voi stessi perchè praticate ashtanga yoga. Se è solo per l’aspetto fisico, allora ha un senso volervi fermare se c’è un dolore nel corpo, che tra l’altro è quanto il 99% dei medici o terapisti vi consiglierà di fare (se non sono praticanti essi stessi). Ma noi non pratichiamo solo per il corpo, pratichiamo per calmare la mente ed elevare lo spirito, e pertanto possiamo solo pensare di continuare a praticare, magari lentamente ma continuare a praticare.

Devo dire che non sposo la visione ‘nessun dolore, nessun guadagno’ inteso nella sua accezione fisica, ma piuttosto sono convinta che:

Heyam duhkham anaagatam (Yoga Sutra 2.16)

Il dolore che non si è ancora manifestato può essere evitato.

Anche se può essere l’apprendimento di una vita….

 

 

Se sei interessato a leggere di più sulla vita qui a Mysore e al KPJAYI, segui il blog cliccando sul tasto ‘follow me’ in alto a destra di questa pagina e ricevi i prossimi articoli direttamente nella tua mail. Namaste!

Posted in Ashtanga Yoga | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 Comments

HAPPY NEW YEAR… OR MAYBE, NOT YET

– Scorrere giù per la versione in italiano –

“I hope that in this year to come, you make mistakes.

Because if you are making mistakes, then you are making new things, trying new things, learning, living, pushing yourself, changing yourself, changing your world. You’re doing things you’ve never done before, and more importantly, you’re Doing Something.

So that’s my wish for you, and all of us, and my wish for myself. Make New Mistakes. Make glorious, amazing mistakes. Make mistakes nobody’s ever made before. Don’t freeze, don’t stop, don’t worry that it isn’t good enough, or it isn’t perfect, whatever it is: art, or love, or work or family or life.

Whatever it is you’re scared of doing, Do it!

Make your mistakes, next year and forever.”

– Neil Gaiman

indian-new-year-ashtanga-yoga-italia-Rosa-Tagliafierro-Milano

 

Forever in my life, New Year’s Eve has been a day devoted to looking back, a time to see the good and the bad of the year that was coming to an end and making resolutions for the New Year ahead. And of course, I would never have thought of getting to bed anytime before midnight, a way to make sure I was there to welcome the New Year when arriving. And on January 1, I would have all my little rituals to start the year in an auspicious way.

Than last night I went to Arvind’s Special Talk, the talks that my yoga philosophy teacher gives on Thursdays, just to find out that actually there was no New Year’s Eve or Day… at least not on Dec 31 and Jan 1! And that’s because India does not celebrate the New Year according to the Gregorian calendar, but based on the very moment when the sun enters in Aries, that is to say on the vernal (spring) equinox which – according to the Vedic astrology – happens to be mid-April every year. Hence the New Year Day in India goes along with an astrological re-birth of the sun, an event which Indian people believe well worth to be celebrated.

Indeed, yesterday and today here in Mysore there is a totally different atmosphere compared to what I’m used to in Italy or even compared to Goa last year. There were little celebrations going on as mostly families here were running their usual businesses. And as today was a normal practice day, we all yoga students were back at our places well before 10pm last night (which, by the way, is far later than usual ;-)) as the alarm would have gone off well before the sunrise for many. And, as practice is the most important thing for me here, I must say I’m not missing all the fuss we have built around the New Year. Who knows, maybe I will celebrate it on April 14th!!  🙂

 


BUON ANNO!… O FORSE NON ANCORA

 

“Spero che quest’anno a venire, farai degli errori.

Perchè se farai degli errori, allora starai facendo delle cose nuove, starai provando delle cose nuove, imparando, vivendo, mettendo alla prova te stesso, cambiando te stesso, cambiando il tuo mondo. Starai facendo cose che non hai mai fatto prima e, cosa ancora più importante, starai Facendo Qualcosa.

Pertanto questo è il mio augurio per te, ed il mio augurio per me stessa. Fai Nuovi Errori. Fai gloriosi, straordinari errori. Fa errori che nessuno ha mai fatto prima. Non restare immobile, non fermarti, non preoccuparti del fatto che non è abbastanza, o che non è perfetto, qualunque cosa esso sia: arte, o amore, o lavoro, o famiglia o vita.

Di qualunque cosa tu abbia paura, fallo!

Fai i tuoi errori, il prossimo anno e sempre.”

– Neil Gaiman

 

Sempre nella mia vita, il giorno di San Silvestro è stato un giorno dedicato a guardarmi indietro, un momento per prendere atto del buono e del cattivo dell’anno giunto al termine e per stilare i buoni propositi per il nuovo anno a venire. E naturalmente, non avrei neanche mai pensato di andare a letto prima della mezzonotte, un modo per essere certa di dare il benvenuto al Nuovo Anno al suo arrivo. Ed il 1° gennaio, avevo tutti i miei piccoli rituali per iniziare l’anno in modo propizio.

Poi ieri sera sono andata allo Special Talk di Arvind, i discorsi su argomenti specifici che il mio insegnante di filosofia dello yoga tiene ogni giovedì sera, giusto per scoprire che in effetti non c’era nessun Capodanno… almeno non il 1° gennaio. E questo perchè in India non si celebra il nuovo anno secondo il calendario gregoriano, ma in base al momento in cui il sole entra in Ariete, ovvero il giorno dell’equinozio di primavera che – secondo l’astrologia vedica – cade a metà aprile di ogni anno. Pertanto, il 1° dell’anno in India è legato alla rinascita astrologica del sole, un evento che gli Indiani reputano ben degno di essere celebrato.

E quindi, ieri ed oggi a Mysore l’atmosfera è totalmente diversa da ciò a cui sono abituata in Italia o anche rispetto a Goa lo scorso anno. Ci sono state piccole celebrazioni in corso, ma la maggior parte delle famiglie hanno continuato con le loro attività quotidiane come se nulla fosse. E dal momento che oggi è stato un regolare giorno di pratica, tutti noi studenti di yoga ieri sera siamo rientrati prima delle 22h (che è già tardi di per sè ;-)) visto che la sveglia avrebbe suonato per molti prima dell’alba. Ed essendo la pratica la cosa più importante per me qui, devo dire che non mi manca per nulla tutta la frenesia che abbiamo costruito intorno a tale data… Chissà, magari lo festeggio il 14 di aprile!! 🙂

 

Posted in Ashtanga Yoga | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

KPJ ASHTANGA YOGA INSTITUTE… 3 YEARS LATER

– Scorrere giù per la versione in italiano –

Rosa-Tagliafierro-ashtanga-yoga-italia-milano-Sharath-Jois-in-Conference-Mysore-shoes

3 years have gone by, having missed 2 seasons of practice with Sharath in the main shala here in Mysore.

Looking at it on a gross level, all seems pretty the same.

Looking at it on a more subtle level, so many things have changed.

What has striked me the most upon arrival, it is the amazing change in Sharath’s students over the last 2 years time. I remember a lot of very young people when I last was here, many attracted by the increasing popularity of the ashtanga yoga worldwide and coming to KPJAYI to experience ‘the Mysore magic’. Many of them were beginners in the practice, with Sharath often stopping them at ½ primary. In the last led class on Monday this week, there were only a couple of people – out of 90tish – stopping at Marichyasana D, all others just went straight up to the end of primary.

And the difference is even more noticeable during the Mysore classes! Whenever I wait in the little hall for my turn to enter the shala (which in the worst case was about 30min 3 years ago and which now is between 1h and 1h20min), I get the chance to look at those who are already practicing: what an inspiration to see almost all of them doing at least some of the intermediate series, if not all of it! Quite a few on Advanced A and B!! Actually, this December all of the ashtanga gotha is here to practice bringing with them an extra-ordinary energy to the shala every morning 🙂 There are almost no beginners, and the bulk of the students have already practiced at KPJAYI before.

Hence the energy in the shala is just at its top, vibrant and dense. It takes you through the practice, it makes you feel supported, and makes easier for you to surrender to the poses, it allows your body to open and your mind to relax, to ground, to expand, to enjoy every breath and every movement! So thank you to all of you awesome guys with whom I have the pleasure to practice with every morning and thank you Sharathji for orchestrating all of it with your strong and determined presence!

Rosa-Tagliafierro-ashtanga-yoga-italia-milano-Sharath-Jois-in-Conference-MysoreAnd that bring me to the second big change I noticed: Sharath himself! I remember on my first trip to KPJAYI in Jan 2011 that while Sharath was having the conferences, he felt almost embarrassed by having to talk in front of so many people (about half of the ones present today!), he was shy and sometimes I felt the impression he didn’t know what to tell us. And now, he is soooo self-confident, he seems to enjoy the talks more and more up to the point that last week the conference lasted almost 2h instead of the usual 45min / 1h. He is more and more getting comfortable in his shoes and the result is just amazing. And you can also perceive it every morning while he teaches.

Notwithstanding he gets up every morning at 00.30h to do his personal practice before getting ready to teach at 4am, and he keeps teaching for 8h in a row up to 12pm, he is more and more relaxed in his teacher/guru role, often prone to jokes and smiles, while still being very attentive to whatever goes on in the shala. Nothing passes unnoticed to him. Do something ‘wrong’ and you will know 🙂

So yes, definitely feeling totally blessed by having this great opportunity to be back studying ashtanga yoga at the source with Sharathji!

 

If you’re interested in reading more about life in Mysore and at KPJAYI,  follow the blog clicking on the ‘Follow me’ button on the right-hand side of this page and receive future updates directly in your inbox. Namaste!

 


 

 

K.P.J. ASHTANGA YOGA INSTITUTE… 3 ANNI DOPO

 

3 anni son passati, avendo saltato le ultime 2 stagioni di pratica con Sharath qui nella shala principale a Mysore.

Guardando al tutto su un piano più grossolano, tutto sembra più o meno lo stesso.

Guardando al tutto su un piano più sottile, moltissime cose sono cambiate.

Ciò che mi ha colpito di più all’arrivo è stato il grande cambiamento negli studenti di Sharath nel corso di questi 2 anni. Ricordo un sacco di ragazzi giovanissimi l’ultima volta che sono stata qui, molti attirati dalla popolarità crescente dell’ashtanga yoga a livello mondiale e che venivano qui al KPJAYI per sperimentare di persona ‘la magia di Mysore’. Molti di loro erano principianti nella pratica, con Sharath che spesso li faceva fermare alla metà della prima serie. Nell’ultima classe guidata, lunedì di questa settimana, solo un paio di studenti su circa una novantina si sono fermati a Marichyasana D, tutti gli altri sono andati dritti dritti fino alla fine della prima serie.

E la differenza è ancora più evidente nel corso delle classi Mysore style! Ogni volta che aspetto nella piccola hall all’ingresso il mio turno per entrare in shala (che nella peggiore delle ipotesi era di circa 30′ ed ora è in media di 1h/1h20′), ho la possibilità di guardare chi sta già praticando: che ispirazione vedere che la stragrande maggioranza pratica almeno parte della seconda serie, se non tutta! Ed un buon numero di studenti pratica la Advanced A e qualcuno anche la B!! E per non dire che questo mese è presente tutto il gotha dell’ashtanga yoga, che porta con sé ogni mattina un’eccezionale energia in shala. Quasi non ci sono principianti nonostante ci siano ancora tanti giovanissimi, e la maggior parte di loro ha già praticato presso il KPJAYI almeno una volta.

Pertanto l’energia nella shala è al suo top, vibrante e densa. Ti porta attraverso la pratica, ti fa sentire sostenuta e rende più facile abbandonarsi alle posizioni, permette al tuo corpo di aprirsi e alla tua mente di rilassarsi, di radicarsi, di espandere, di godere di ogni respiro e di ogni singolo movimento. E per questo, grazie a tutti voi con i quali ho il piacere di praticare ogni mattina!! e grazie Sharathji per dirigere il tutto con la tua presenza forte e determinata!!

E questo mi porta al secondo grande cambiamento che ho notato: lo stesso Sharath! Ricordo che nel corso del mio primo viaggio di studio al KPJAYI nel gennaio del 2011, nelle conferenze Sharath era quasi imbarazzato dal dover parlare di fronte a così tante persone (la metà di quelle presenti oggi!), era timido e talvolta avevo l’impressione che non sapesse cosa raccontarci. Ed ora, è totalmente diverso: Sharath è pieno di fiducia in sé, sembra che tenere le conferenze gli piaccia sempre di più al punto che la scorsa settimana la stessa è durata ben 2h invece dei soliti 45/60 minuti. Egli è sempre più a suo agio nei suoi panni ed il risultato è straordinario. E tutto ciò lo si percepisce bene ogni mattina mentre insegna.

Nonostante si svegli a mezzanotte e mezza per fare la sua pratica personale prima di cominciare ad insegnare alle 4h del mattino, e continui ad insegnare per ben 8h di seguito fino a mezzogiorno, Sharath è sempre più rilassato nel suo ruolo di insegnante e guru, spesso incline a battute e sorrisi, sempre restando molto attento a qualsiasi cosa avvenga nella shala. Nulla gli passa inosservato. Fa qualcosa di ‘sbagliato’, e te ne accorgi subito 😉

E quindi si, oggi come 3 anni fa, mi sento estremamente fortunata per questa grande opportunità di essere qui a studiare ashtanga yoga alla fonte con Sharathji!

 

Se sei interessato a leggere di più sulla vita qui a Mysore e al KPJAYI, segui il blog cliccando sul tasto ‘follow me’ in alto a destra di questa pagina e ricevi i prossimi articoli direttamente nella tua mail. Namaste!

Posted in Ashtanga Yoga | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

WHAT’S THE BEST TIME FOR YOUR YOGA PRACTICE?

– Scorrere giù per la versione in italiano –

“It is important to establish a regular, fixed time for meditation, so that your mind and body becomes accustomed to it. Once you have established a time and place, be consistent. (…)

In India, the yogis say that the most auspicious and peaceful time to meditate in the morning is between the early hours of 4 am and 6 am. This auspicious time is called brahmamuhurta. At this time there is a quality of peacefulness and goodness (sattva) predominant in the mind of the meditator and in the atmosphere. It is a time when most wordly people are asleep, so there are no distractions. There is a stillness in the atmosphere at this time that makes it particularly favourable for meditation. It is also at this time and at dusk that the energy in the sushumna nadi flows readily. You will know when the sushumna nadi is flowing, because the breath will be flowing equally through both nostrils.”

– The Yoga Book

KPJAYI-Sharath-Jois-Mysore-India-ashtanga-Yoga-Italia-milano-Rosa-Tagliafierro

This morning, KPJAYI in Mysore at 3.30h am

At 3.30h am it was pitch dark. The shala road was very quite. Only a yoga student walking in the distance ahead of me. Even the dogs who are always running up and down the street were sleeping on the roadside. The atmosphere was almost surreal. It has been 3 years since I breathed that magic walking down 8th cross in the middle of the night.

Once I was approaching the KPJ Ashtanga Yoga Institute, I saw a lots of students already queuing at the gate. The class was supposed to start at 4.15h am. I knew I should be there by 3.30h to make sure to get a spot in the shala instead of the change room or waiting little hall. Nonetheless, I wasn’t expecting sooooo many people to be already there… On my last trip, I used to be one of the first ones at the same time!

Nonetheless, silence was tangible. Everybody was sitting, somebody meditating (or sleeping?), somebody listening to the music on its phone, somebody reading, most students just waiting quietly. No cars were disturbing the atmosphere, only the scooters of a few ‘late comers’ and the police patrolling. Nobody talking, nobody moving loudly.

Once on the mat, and if spite of the 1 inch of space all around, I still felt like in a cocoon, detached from all that was happening around me, highly focused,  just breathing in the fascination of the moment. Enjoying my ashtanga practice breath by breath, movement by movement up to the end.

And than, getting out of the shala before dawn, I didn’t feel like talking to anybody, wanting that moment of silence inside and outside last forever. I quickly went to have a coconut and than time to walk  s l o w l y  back home, tired but full of joy.

So, in my personal experience, and on average, early morning is definitely the moment when the ashtanga practice is phisically more challenging though most rewarding from a meditative standpoint. It is easier to withdraw, to make it a moving meditation. On the other side, later during the day the body is more responsive to movements, muscles are warmer and joints more lubricated, hence it can be easier from a phisycal standpoint though the mind is a lot busier. So, try to have your practice as first thing in the morning if you can.

Nonetheless, if you are on a busy schedule, remember that the best time for your practice is the one that you can create for it!

PS: Are ashtanga students in Mysore becoming more diligent? more dedicated to the practice? Well, at my 2nd led class, I believe I got the point: there is an overbooking of the available spots in the shala, more than in the past, so people get queuing earlier and earlier to have a chance of grabbing a spot to place their mat 😉

 
If you’re interested in reading more about life in Mysore and at KPJAYI,  follow the blog clicking on the ‘Follow me’ button on the right-hand side of this page and receive future updates directly in your inbox. Namaste!

 


QUAL E’ IL MOMENTO MIGLIORE DELLA GIORNATA PER FARE LA TUA PRATICA DI YOGA?

 

“E’ importante stabilire un orario fisso, regolare per la meditazione, così che la tua mente ed il tuo corpo possano abituarsi. Una volta stabilito l’orario ed il posto, sii coerente. (…)

In India, gli yogi dicono che il momento di maggiore auspicio e di pace per meditare la mattina è tra le 4h e le 6h. Quest’orario di buon auspicio è chiamato brahmamuhurta. A quell’ora c’è una qualità di tranquillità e di bontà (sattva) che predomina nella mente del meditante così come nell’atmosfera. E’ un momento della giornata in cui la maggior parte delle persone del mondo sono addormentate, pertanto non ci sono distrazioni. C’è una quiete nell’aria a quell’ora che la rende particolarmente adatta alla meditazione. In aggiunta, a quell’ora e all’imbrunire l’energia nella sushumna nadi scorre facilmente. Saprai quando questo sta avvenendo, perchè il respiro fluisce allo stesso modo in entrambe le narici.”

– The Yoga Book

Alle 3.30h stamattina era buio pesto. La strada della shala era calma. Solo uno studente di yoga che camminava davanti a me ad una certa distanza. Anche i cani che di solito corrono su e giù per la strada stavano dormendo ai lati. L’atmosfera era quasi surreale. Erano 3 anni che non camminavo per la 8th cross nel bel mezzo della notte.

Mentre mi avvicinavo al KPJ Ashtanga Yoga Institute, ho visto che c’erano già un sacco di studenti in coda davanti al cancello. La classe era alle 4.15h am. Sapevo di dover arrivare in anticipo, intorno alle 3.30h, per assicurarmi un posto all’interno della shala invece dello spogliatoio o della saletta d’attesa. Ciononostante, non mi aspettavo così tante persone già lì… Nell’ultimo mio viaggio studio a Mysore al KPJAYI, a quell’ora ero solita essere tra i primi ad arrivare!

Nonostante tutto, il silenzio era tangibile. Ognuno era seduto, qualcuno meditava (o dormiva?), qualcuno ascoltava musica con il suo iPhone, qualcuno leggeva, molti studenti semplicemente erano lì tranquilli ad aspettare. Non c’erano auto a disturbare l’atmosfera, solo gli scooter di qualche ‘ritardatario’ e la polizia a fare il suo giro di ronda. Nessuno che parlava, nessuno che si muoveva rumorosamente.

Una volta sul tappetino, e nonostante i 3 centimetri di spazio tutt’intorno, mi sono sentita ancora avvolta come in un bozzolo, distaccata da tutto ciò che stava avvenendo intorno a me, molto concentrata, semplicemente inspirando il fascino di quel momento. Godendomi ogni respiro, ogni movimento della mia pratica di ashtanga fino alla fine.

E poi, uscendo dalla shala prima dell’alba, non mi sono sentita di parlare con nessuno, desiderando che quel momento di silenzio interno ed esterno continuasse per sempre. Velocemente sono andata a prendermi una noce di cocco e poi   l e n t a m e n t e   me ne sono tornata a casa, stanca ma piena di gioia.

Nella mia esperienza personale, e parlando in termini medi, la mattina presto è decisamente il momento in cui la pratica di ashtanga è più faticosa da un punto di vista fisico (almeno all’inizio) ma anche quello che premia di più da un punto di vista di attenzione e meditazione. E’ più facile riportare i sensi all’interno, rendendo così la pratica una meditazione in movimento. D’altro canto, più tardi nel corso della giornata, il corpo risponde meglio ai movimenti, i muscoli sono più caldi, le articolazioni maggiormente lubrificate, pertanto può essere più facile da un punto di vista fisico ma la mente è maggiormente occupata da pensieri. Pertanto, cerca sempre di fare la tua pratica come prima cosa alla mattina se puoi.

Ma, se la tua agenda è stra-impegnata, ricorda sempre che il momento migliore per la tua pratica è quello che riesci a creare per poterla fare!

PS: Sono gli studenti di ashtanga ora presenti a Mysore più diligenti di quelli che c’erano 3 anni fa? sono loro maggiormente dedicati alla pratica? Alla mia seconda classe guidata con Sharath l’idea che mi sono fatta è questa: c’è un overbooking dei posti disponibili in shala, di più che in passato, pertanto la gente comincia a far la coda sempre più presto per essere certi di accaparrarsi un posto dove piazzare il loro tappetino 😉

 

Se sei interessato a leggere di più sulla vita qui a Mysore e al KPJAYI, segui il blog cliccando sul tasto ‘follow me’ in alto a destra di questa pagina e ricevi i prossimi articoli direttamente nella tua mail. Namaste!

Posted in Ashtanga Yoga | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

WHO IS A TRUE YOGI?

– Scorrere giù per la versione in italiano –

It is the man who performs his duties without dependence on the fruits of his own actions that deserves to be called a Sannyasin (renouncer) and a Yogi, not the one who has given up fire rituals* and all actions.

Bhagavad Gita 6.1

KPJAYI-shala-road-in-Mysore-India

KPJAYI shala road

Today was my 3rd day in Mysore on this trip (yep, in the end I could get in to practice at KPJAYI with Sharath Jois for December and January :-D) and I’m sooooo glad I joined the ongoing Bhagavad Gita course with Arvind, which happened to be 1h20′ on just one verse, the one above!

Sometimes we do not even start doing the actions we are ought to do because the fear of failing prevails. Some other times, doing the ‘wrong’ actions is just the easiest and quickest way. But Lord Krishna here reminds Arjuna (and us!) to just do our best and leave the results to Ishvara (the Divine). And this because the result is already engrained in the action we undertake.

Perfect reminder. At the perfect time. Setting the base for the future weeks ahead!

I came back to my room, home here in Mysore, and I still feel in another world after class. And in the meanwhile, my sankalpa (i.e. resolve) for this 4th trip in Mysore came up by itself:

I accept whatever comes.

 

*Fire rituals are duties of householders in the Indian tradition, while sannyasins are absolved from those practices.

 

If you’re interested in reading more about life in Mysore and at KPJAYI,  follow the blog clicking on the ‘Follow me’ button on the right-hand side of this page and receive future updates directly in your inbox. Namaste!


 

CHI E’ UNO YOGI PER DAVVERO?

 

E’ colui che performa i propri doveri senza dipendere dai frutti delle sue azioni che merita di essere chiamato Sannyasin (rinuciatario) e Yogi, non colui che ha rinunciato ai rituali del fuoco* e a tutte le sue azioni.

Bhagavad Gita 6.1

 

Terzo giorno a Mysore in questo viaggio (ebbene si, alla fine sono riuscita ad essere ammessa al KPJAYI a studiare con Sharath Jois per i mesi di dicembre e gennaio :-D) e sono felicissima di essermi aggiunta subito al corso sulla Bhagavad Gita tenuto da Arvind… 1h20′ solo su un verso, quello di cui sopra!!

A volte non diamo neanche inizio ad un’azione che sappiamo essere un nostro dovere a causa della paura di fallire nell’impresa. Altre volte, invece, facciamo l’azione sbagliata solo perchè è la più veloce e immediata. Ma qui Lord Krishna ricorda ad Arjuna (e a noi!) di fare sempre del nostro meglio e lasciare i risultati a Ishvara (il Divino, l’Universo, chiamatelo come volete ;-)). E questo perchè il risultato fa già parte della stessa azione che intraprendiamo.

Che dire… perfetto promemoria. Al momento giusto. Ponendo le giusta fondamenta per le settimane a venire.

Ora son tornata nella mia stanza, a casa qui a Mysore, e mi sento ancora in un altro mondo. E nel frattempo, il mio sankalpa (ovvero la ferma determinazione) per questo quarto viaggio a Mysore, si è formato senza sforzo:

Accetto qualunque cosa venga.

 

I rituali del fuoco sono un compito dei padri di famiglia nella tradizione indiana, mentre i sannyasins ne sono dispensati.

 

Se sei interessato a leggere di più sulla vita qui a Mysore e al KPJAYI, segui il blog cliccando sul tasto ‘follow me’ in alto a destra di questa pagina e ricevi i prossimi articoli direttamente nella tua mail. Namaste!

Posted in Ashtanga Yoga | Tagged , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

SWEET MEMORIES FROM OUR LATEST INTENSIVE ON YOGA SUTRAS

– Scorrere giù per la versione in italiano –

yoga-sutra-di-Patanjali-con-Andrea-Boni-ashtanga-yoga-italia-rosa-tagliafierro

When we first thought of an intensive dedicated to the study of Patanjali’s Yoga Sutras, we weren’t expecting so many of you joining. An intensive with more hours going thru the understanding of what yoga really is and meditation than practicing asanas on the mat. Thank you to all of you joining, for your openness to learn, your interest in understanding how our minds work and for bringing with you your big smiles and amazing energies.

Stay tuned, next intensive with Andrea Boni will be dedicated to the Bhagavad Gita 😉

Here below a few images from the week-end. Enjoy!

 

If you’re interested in our retreats and workshops,  follow the blog clicking on the ‘Follow me’ button on the right-hand side of this page and receive future dates directly in your inbox. Namaste!

 


 

DOLCI MEMORIE DALL’ULTIMO INTENSIVO SUGLI YOGA SUTRA CON ANDREA BONI

 

Quando abbiamo pensato ad un intensivo dedicato allo studio degli Yoga Sutra di Patanjali, non ci aspettavamo in nessun modo una partecipazione così numerosa. Il primo intensivo in Italia di cui siamo a conoscenza con più ore dedicate allo studio di che cos’è veramente lo yoga che alla pratica degli asana. Grazie a tutti voi che vi siete uniti a noi, per la vostra apertura ad imparare, il vostro interesse nel capire come funziona la nostra mente e per aver portato con voi i vostri preziosi sorrisi e la vostra incredibile energia.

E vi anticipiamo già che il prossimo intensivo con Andrea Boni sarà dedicato allo studio della Bhagavad Gita 😉  Restate in contatto!

Di seguito alcune immagini tratte dal week-end. Enjoy!

 

Se sei interessato ai nostri ritiri e workshop, segui il blog cliccando sul tasto ‘follow me’ in alto a destra di questa pagina e ricevi le prossime date direttamente nella tua mail. Namaste!

 

 

 

 

Posted in Ashtanga Yoga, Events | Tagged , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

BAKASANA: THE 4 SECRETS OF STRAIGHT ARMS CROW POSE

– Scorrere giù per la versione in italiano –

 

“Your wings already exist,

all you have to do is to fly”

 

bakasana-ashtanga-yoga-italia-milano-rosa-tagliafierro-crane-crow-pose

While in Ashtanga yoga primary series Bakasana is ‘just‘ a transition pose and to bend the arms is considered ok expecially for those new to the practice, in second series the pose is hold for 5 breaths and straight arms are a sign of ‘proficiency’. Bakasana is definitely a posture were strenght is a must, more than flexibility. And to collect the necessary strenght to straighten the arms and hold it, requires the ability to engage from the tip of your fingers down to your legs, moving through your forearms, pectoralis and, of course, bandhas.

4 are the key actions to collect the necessary strenght in all parts of the body, which I have learned overtime and I’d love to share with you here below:

  1. Engage your hands!

Your hands are your foundation in this balance pose and need to be strong to support your body weight. So, engage them to the max pressing the inner part (thumbs and index) down so not to put strain on your outside wrist which is the weakest part of it. In addition, as in Bakasana the shoulders are forward compared to your wrists, to protect the latter you need to move all of your weight on your fingertips instead of keeping it on your wrists. Hence, slightly curl your fingers pulling your fingertips back, which will recruit all the strenght in your forearms as well.

2. Roll your triceps in!

Once you’ve settled the foundations, move your awareness to the arms and roll your triceps in. This action will keep the elbows from going astray. In fact, if the elbows move to the sides you can’t keep the arms straight and most likely your posture will collapse. But there is more to this action! It also engages the muscles of your front upper torso, the pectoralis majors and minors, allowing for extra strenght in holding the pose.

3. Suck your belly in!

Uddiyana bandha, the ‘flying‘ lock (if you’re not familiar with it, read here), is what allows you to fly high, defy the gravity force and find the lightness in the pose. So, don’t hesitate to push back and up your lower transversus abdominis muscle, that is… take the part below your navel against your spine and up 🙂 On top to everything, your inner organs will thank you 😉

4. Squeeze your knees together!

For a long time when I started practicing bakasana, I just couldn’t think of my legs at all in the pose. In some way, they were just there hanging. All changed when I learned to squeeze the knees towards each others: this action allows you to activate the legs, making them strong, and at the same time engages your perineum… yes, it results in a stronger mula bandha (if you’re not familiar with it, read here)… which, in turn, makes your uddiyana bandha even stronger.

Now, just give it a try! 🙂

But please… make sure you have warmed up your shoulder & wrists joints before you attempt that. My favorite way to do that? Maybe in an upcoming blogpost 😉 Let me know if you want to know 🙂

 

Did you find this article useful? Let me know, leave a comment! xxx

 

If you enjoyed this article, follow the blog clicking on the ‘Follow me’ button on the right-hand side of the page and receive future updates directly in your inbox. Thank you!

 


 

BAKASANA: I 4 SEGRETI DELLA POSIZIONE DEL CORVO A BRACCIA TESE

 

 

“Le tue ali già esistono,

tutto ciò che devi fare è volare”

 

Mentre nella prima serie dell’Ashtanga yoga Bakasana è ‘solo‘ una posizione di transizione e piegare le braccia è considerato ok specialmente per chi è nuovo alla pratica, nella seconda serie la posizione viene tenuta per 5 respiri e le braccia tese sono un segno del padroneggiare la postura stessa. Bakasana è sicuramente una di quelle posizioni dove la forza è maggiore della flessibilità richiesta. Raccogliere tutta la forza necessaria per stendere le braccia e mantenerle tese richiede la capacità di attivare dalla punta delle dita alle gambe, passando per gli avambracci, i pettorali e – sorpresa! sorpresa! – i bandha.

4 sono le azioni che ho imparato nel tempo che mi hanno consentito di fare tutto ciò e di seguito mi piace condividerle con voi:

 

  1. Attiva le mani!

Le tue mani costituiscono le fondamenta in questa posizione di equilibrio e devono essere forti per portare tutto il peso del tuo corpo. Pertanto, per attivarle al massimo, spingi la parte interna delle stesse (pollice e indice) sul tappetino in modo da non mettere a dura prova la parte esterna del polso che è quella più delicata e debole. In aggiunta, dal momento che in Bakasana le spalle sono in avanti rispetto ai polsi, per proteggere quest’ultimi hai bisogno che a portare il peso siano le punte delle dita. Per fare ciò, arriccia leggermente le tue dita attirando i polpastrelli indietro (ma senza sollevare la base delle dita da terra!), azione che ti consentirà di reclutare tutta la forza anche negli avambracci.

2. Ruota i tricipiti verso l’interno!

Una volta che ti sei preso cura delle fondamenta, sposta la tua consapevolezza alle braccia e ruota i tricipiti verso l’interno (verso il petto). Questa azione eviterà che i tuoi gomiti vadano a zonzo. In effetti, se lasci i gomiti muovere verso l’esterno ti diventa non solo impossibile mantenere le braccia tese, ma molto probabilmente la posizione collasserà. Ma c’è di più collegato a quest’azione! Ruotare i tricipiti in questo modo attiva i muscoli del torso frontale superiore, il grand pettorale ed il piccolo pettorale, permettendo di raccogliere extra forze per la tenuta della posizione.

3. Porta la pancia in dentro e verso l’alto!

Uddiyana bandha, il sigillo ‘che ti fa volare verso l’alto‘ (se non sei familiare con lo stesso, leggi qui), è l’elemento che ti permette di volare, sfidare la forza di gravità e trovare la leggerezza nella posizione. Pertanto, non esitare a spingere indietro e verso l’alto la parte bassa del muscolo trasverso dell’addome, ovvero… porta l’addome, la parte al di sotto dell’ombelico, indietro verso la colonna e verso l’alto 🙂 In aggiunta a tutto il resto, i tuoi organi interni ti ringrazieranno 😉

4. Stringi le ginocchia verso il centro!

Per molto tempo quando ho cominciato a praticare bakasana, non mi sono preoccupavo minimamente delle gambe. In qualche modo, erano lì per fatti loro. Ma tutto è cambiato quando ho imparato che dovevo stringere le ginocchia l’uno verso l’altro: questa azione consente di attivare le gambe, rendendole forti, e allo stesso tempo aiuta ad attivare il muscolo del perineo… ebbene si, questa azione risulta in un mula bandha più forte (se non sei familiare con il mula bandha, leggi qui)… che a sua volta, rende l’uddiyana bandha più forte.

Ora non ti resta che provarci! 🙂

Ma fa attenzione… assicurati prima di riscaldare le articolazioni delle spalle e delle ginocchia. Il mio modo preferito per farlo? Magari in un prossimo post 😉 Fammi sapere se ti interessa 🙂

Hai trovato utile questo blog? Lascia un commento xxx

 

Se questo articolo ti è piaciuto, segui il blog cliccando sul tasto ‘follow me’ in alto a destra per ricevere i prossimi direttamente nella tua mail. Grazie!

Posted in Ashtanga Yoga, Poses | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , | 4 Comments

WHY WE END THE PRACTICE CHANTING OM SHANTI SHANTI SHANTI?

– Scorrere giù per la versione in italiano –

om-shanti-ashtanga-yoga-italia-Milano-Rosa-TagliafierroHave you ever wondered why you end the practice chanting Om Shanti Shanti Shanti?

Though the Ashtanga yoga closing mantra (read the why and what of it here) is not included in the traditional Veda sakhas (branches), it definitely expresses the universal spirit found in them and as such ends in Om Shanti Shanti Shanti as the traditional Shanti mantras do. Hence, let’s first understand what the latter are about.

The Shanti mantras (yes, they are more than one!) are found in the Vedas at the beginning and at the end of specific rituals and talks. The aims of the Shanti mantras are mainly 2:

  1. to calm the mind of those who chant them and the environment around;
  2. to overcome the obstacles that could arise when undertaking a new action, plan or project.

What does Shanti mean?

The Sanskrit word shanti mean peace, calmness, rest… a word so powerful in itself, as its own sound and vibration can induce that state of blissfulness and tranquillity which describes.

And why we chant it 3 times?

According to the yogic tradition, all obstacles and miseries in life are born of 3 different realms:

  1. the physical one: adhi-bhautika
  2. the divine one: adhi-daivika
  3. the inner one: adhyaatmika

The first kind of miseries (adhi-bhautika) are induced on us by other living beings, such as wild animals or other humans.

The second kind of miseries (adhi-daivika) have their origins in extra-sensorial worlds and induced by deities and demi-gods.

The third kind of miseries (adhyaatmika) are born by our own body and mind, as deseases, laziness, absence of awareness and so on.

So, whenever we chant Shanti Shanti Shanti, we are addressing all of the 3 realms, asking for peace in each one of them. Peace in nature, peace in divine forces, peace within oneself.

A good reason to keep chanting it, isn’t it? 🙂

 

If you enjoyed this post, follow the blog clicking on the ‘Follow me’ button on the right-hand side of the page and receive future updates directly in your inbox. Thank you!


PERCHE’ CHIUDIAMO LA PRATICA CANTANDO OM SHANTI SHANTI SHANTI?

 

Ti sei mai chiesto perchè chiudi la nostra pratica cantando Om Shanti Shanti Shanti?

Sebbene il mantra di chiusura dell’Ashtanga yoga ( leggi qui il perchè dello stesso) non sia incluso nei sakha (rami) tradizionali dei Veda, esprime totalmente lo spirito che si trova in essi e termina con Om Shanti Shanti Shanti allo stesso modo degli Shanti mantra tradizionali. Pertanto, capiamo innanzitutto cosa sono quest’ultimi 😉

Gli Shanti mantra (eh si, sono più di uno!!) si trovano nei Veda all’inizio e alla fine di specifici rituali e discorsi. Gli scopi degli Shanti mantra sono essenzialmente 2:

  1. calmare la mente di coloro che li cantano e dell’ambiente circostante;
  2. superare gli ostacoli che possono sorgere quando intraprendiamo una nuova azione, un piano o un progetto.

Cosa significa Shanti?

La parola sanscrita Shanti significa pace, calma, quiete… una parola molto potente in sè, dal momento che il suo stesso suono e vibrazione possono indurre quello stato di beatitudine e tranquillità che descrive.

E perchè lo cantiamo 3 volte?

Secondo la tradizione yogica, tutti gli ostacoli e le difficoltà che incontriamo nella nostra vita nascono in 3 diversi reami:

  1. quello fisico: adhi-bhautika
  2. quello divino: adhi-daivika
  3. quello interiore: adhyaatmika

Il primo genere di difficoltà (adhi-bhautika) sono generate da altri esseri viventi, quali gli animali selvaggi o altri esseri umani.

Il secondo genere di difficoltà (adhi-daivika) ha le sue origini nei mondi extra-sensoriali e sono indotte dalle divinità e semi-dei.

Il terzo genere di difficoltà (adhyaatmika) nascono dal nostro proprio corpo e dalla nostra propria mente, quali le malattie, la pigrizia, l’assenza di consapevolezza, ecc…

Pertanto, quando cantiamo Shanti Shanti Shanti, stiamo indirizzando tutti e 3 i reami, chiedendo la pace per ciascuno di essi. Pace nella natura, pace nelle forze divine, pace in noi stessi.

Una buona ragione per continuare a cantarlo, vero? 🙂

 

Se questo articolo ti è piaciuto, segui il blog cliccando sul tasto ‘follow me’ in alto a destra per ricevere tutti i prossimi aggiornamenti direttamente nella tua mail. Grazie!

Posted in Ashtanga Yoga | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

OUR FIRST RESIDENTIAL YOGA RETREAT? HERE HOW IT LOOKS LIKE

“Don’t wait for the perfect moment, take the moment and make it perfect!”

ashtanga-yoga-italia-pilates-shanti-milano-ritiro-yoga-2015

– scorrere giù per la versione in italiano

Yep, you’re right, the blog here has been a bit unattended lately… with a reason.

On top of restarting the teaching season in Italy, with my beloved friend and awesome yoga teacher Virginia Tucci, we’ve been organizing our first residential 3 days yoga retrait which has taken place last week-end! It has been intense, intimate and one more  opportunity to learn and grow as a teacher, a practitioner and a person.

Thank you to all of you who attended making it a perfect moment, for staying open to learn, to deepen and extend the limits of your practice, for your smiles and hugs. It was such a joy! See you soon!

And if you’re curious, feel the air we were breathing during the retreat clicking on the photo galleries below…

If you’re interested in our retreats and workshops,  follow the blog clicking on the ‘Follow me’ button on the right-hand side of this page and receive future dates directly in your inbox. Namaste!

 


 

“Non aspettare il momento perfetto, prendi il momento e rendilo perfetto”

Si, avete ragione, non ho scritto molto nelle ultime settimane… ma c’è una ragione 🙂

Oltre a riprendere l’insegnamento a Milano a tempo pieno, con la mia amica e bravissima insegnante di yoga Virginia Tucci stavamo anche organizzando il nostro primo ritiro di yoga di 3gg che ha avuto luogo lo scorso week-end! E’ stato intenso, intimo ed un ulteriore passo per crescere come insegnante, come praticante e come persona.

Grazie a tutti voi che avete partecipato per renderlo un momento perfetto, per la vostra capacità di rimanere aperti ad apprendere, ad approfondire ed estendere i limiti della vostra pratica, per i vostri sorrisi e gli abbracci! Ci rivediamo presto!

Curiosi di assaporare un pochino dell’aria che abbiamo respirato nel corso del ritiro? Date uno sguardo alle immagini, cliccate sulle gallerie di cui sotto 🙂

Se sei interessato ai nostri ritiri e workshop, segui il blog cliccando sul tasto ‘follow me’ in alto a destra di questa pagina e ricevi le prossime date direttamente nella tua mail. Namaste!

 

 

The practice / La pratica

 

The location and the Italian countryside / Il posto e i dintorni

 

 

Posted in Ashtanga Yoga, Events | Tagged , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

EARLY BIRD REMINDER: LAST DAY TO REGISTER FOR OUR YOGA RESIDENTIAL INTENSIVE AT A DISCOUNTED PRICE

– scorrere giù per la versione in italiano

15-08-02-intensivo-di-yoga-ashtanga-yoga-italia-pilates-shanti-ottobre-2015-ROSA-TAGLIAFIERRO

 

Last day to profit by the early bird discount for our residential yoga intensive just outside Milan: gift yourself a wonderful experience!!

From Friday Oct 2 at 6h pm to Sunday Oct 4 at lunchtime in the beautiful location of Miri Piri, only centre in Italy built according to the principles of bio-architecture and immersed in the luxury green of Pigazzano di Travo (PC), just 1h drive from Milan.

Allow yourself a week-end of yoga, relax, walking in the nature, introspection but also of being in company. We’ll step on our mats for 5 yoga sessions, from Friday night to Sunday at lunchtime, plus pranayama, chanting and meditation sessions for those who wish to join. Are you wondering what the technical session on Sunday morning will be about? We will explore and apply all secrets to deepen your backbend!
All sessions will be held in a yoga hall of 130 sqm with large bright windows overlooking the woods, ceiling with exposed beams, solid oak parquet and perfect climate comfort.

Take the chance to practice with 2 acknowledged and qualified yoga teachers at the price of 1!Limited spots, reserve yours today!


In addition, first time ever in a yoga intensive, we will close our event with a final draw*: one of you partecipants will take back home FOR FREE a once-a-week quarterly subscription whose value is 162€ (same as the workshop) to use for yourself or to give as a present!!
But don’t worry, we have thought to all other partecipants as well:

  • If you attend the complete workshop, you get 3 yoga classes for free at studio Shanti, of the value of 51€
  • If you attend 2 days, you get 2 yoga classes for free at studio Shanti, of the value of 34€
  • If you attend 1 day, you get 1 yoga class for free at studio Shanti, of the value of 17€

What are you waiting to enroll?

Hereafter our contacts for info or to register: rosa.tagliafierro@gmail.com  (tel. 342 7468210) or virginia@pilateshanti.it (tel. 348 4024954)

Click on the following images to read the complete program, prices and way to register or click on the following link to download the pdf file (in Italian): Intensivo-yoga-fuori-porta-dettagli-ottobre-2015-ashtanga-yoga-italia

* Only the ones attending the full workshop will be eligible for the final draw

 


 

 

REMINDER EARLY BIRD: ULTIMO GIORNO PER APPROFITTARE DEL PREZZO SCONTATO PER IL NOSTRO INTENSIVO RESIDENZIALE DI YOGA

 

Oggi scade l’offerta per iscriversi all’intensivo residenziale di yoga fuori porta con Virginia Tucci e Rosa Tagliafierro ad un prezzo scontato! Regalatevi un’esperienza meravigliosa!
Da venerdì 2 ottobre alle 18h alla domenica 4 ottobre dopo pranzo c/o Miri Piri, unico centro realizzato in bioarchitettura in Italia immerso nel verde a Pigazzano di Travo (PC), a solo 1h da Milano.
Concediti un fine settimana di yoga, rilassamento, passeggiate, introspezione ma anche di compagnia. Ci porteremo sul tappetino per 5 sessioni di yoga, dal venerdì sera alla domenica a pranzo, ed in più pranayama, chanting e meditazione per chi vuole. Ti stai chiedendo a cosa sarà dedicata la sessione tecnica della domenica mattina? Esploreremo e metteremo in pratica tutti i segreti per rendere più profondi i tuoi piegamenti indietro!
Le sessioni si terranno in una sala di 130 mq con grandi e luminose vetrate affacciate sui boschi, soffitto con travi a vista, parquet di rovere massello e comfort climatico perfetto.

Approfitta di questa occasione per praticare con 2 insegnanti riconosciute e qualificate al prezzo di 1!
Posti limitati, prenota oggi il tuo!


In aggiunta, cosa mai fatta prima in un intensivo di yoga, chiuderemo il nostro evento con un’estrazione finale*: uno di voi partecipanti si porterà a casa GRATUITAMENTE un abbonamento trimestrale monosettimanale dal valore di 162€ (quanto il costo del workshop) da utilizzare per sè o da regalare!!
Ma abbiamo pensato anche a tutti gli altri partecipanti:

  • Chi partecipa al workshop completo riceverà 3 classi di yoga in omaggio c/o lo Shanti, dal valore di 51€
  • Chi partecipa a 2 giornate riceverà 2 classi di yoga in omaggio c/o lo Shanti, dal valore di 34€
  • Chi partecipa a 1 giornata completa riceverà 1 classe di yoga in omaggio c/o lo Shanti, dal valore di 17€

Cosa aspetti a iscriverti?

Questi i nostri contatti per info e iscrizioni: rosa.tagliafierro@gmail.com  (tel. 342 7468210) oppure virginia@pilateshanti.it (tel. 348 4024954)

Clicca sulle immagini sotto per leggere il programma dettagliato, i prezzi e le modalità di iscrizione o clicca sul seguente link per scaricare il pdf: Intensivo-yoga-fuori-porta-dettagli-ottobre-2015-ashtanga-yoga-italia

* Potrà partecipare all’estrazione finale solo chi partecipa all’intero workshop

 

Posted in Ashtanga Yoga, Events | Tagged , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

IT’S FULL FOR SHARATH’S CLASS…

– scorrere giù per la versione in italiano –

 

Its full for Sharath’s class for the month of November 2015!

Dear student,

We received your online application, but regret to inform that you have not been accepted for your mentioned dates.  Sharath’s class is already full for the month of November 2015.

Please note that your present application form has now been deleted from our database because we do not maintain a waiting list.

If you want to study in Sharath’s class for the December month, you must resubmit a new online registration form next month (between 1st to 5th Nov, India Standard Time) to reserve your spot.

(…)

rejected-for-Sharath-Mysore-Ashtanga-Yoga-Italia-Milano-Rosa-Tagliafierro

I got mail!

After 18 days waiting for an answer from KPJ Ashtanga Yoga Institute about the application to study with Sharath from November on, the chances to get a positive answer were pretty gone. Nonetheless, while reading this message finally popping up in my inbox, I couldn’t refrain from being wrapped by a feeling of being rejected and sadness… while my mind was all about ‘this process is crazy’!

‘First in served first’ – mainly, with some exceptions – is how it works to get in and study with Sharath and Saraswathi Jois. So the quicker you send the application on the due date, the better the chances to get in. But what to do when there are thousands of people applying at the same time, the server crashing because it can’t take all of it in and when you spend 2h12min refreshing the KPJAYI website page hoping you won’t get ‘Error’ any longer as the only answer… So, yes, I felt frustrated… at the time I was trying to send in my application form as well as at the time I wrote the answer…

But how many times you get frustrated in ashtanga? Your teacher is not giving you the next posture, your current asana sucks, your social life is affected by it, you wish you had more time to dedicate to the practice but there is something call work or family or life that prevents it? Well, ashtanga as also thought me to look at the frustration and go beyond it, to be focused and determined, to keep trying because ‘practice and all is coming’… so I will definitely apply again for December, and maybe for January and February, because I’m still not ready to give it up.

And you? Hope you got it! If not, what was your reaction? Share your story and feelings, I’d love to hear them!

 

If you enjoyed this post, follow the blog clicking on the ‘Follow me’ button on the right-hand side of the page and receive future updates directly in your inbox. Thank you!

 


 

 

E’ PIENO PER LA CLASSE DI SHARATH…

 

 

E’ pieno per la classe di Sharath per il mese di novembre 2015!

Caro studente,

Abbiamo ricevuto la tua richiesta di ammissione online, ma ci dispiace informarti che non sei stato accettato per le date menzionate. La classe di Sharath è già piena per il mese di novembre 2015.

Per favore prendi nota che la tua richiesta di ammissione corrente è stata cancellata dal nostro database dal momento che non manteniamo una lista di attesa.

Se vuoi studiare con Sharath il mese di dicembre, dovrai sottomettere una nuova richiesta di ammissione online il prossimo mese (tra il 1° ed il 5° giorno, orario Indiano) in modo da riservare il tuo posto.

(…)

 

Ho ricevuto posta!

Dopo 18 giorni di attesa per una risposta dal KPJ Ashtanga Yoga Institute in merito alla mia richiesta di ammissione a studiare con Sharath da novembre in poi, le possibilità di ricevere una risposta positiva erano ormai praticamente nulle. Ciononostante, mentre leggevo questo messaggio finalmente spuntato nella mia posta in arrivo, non ho potuto evitare di essere avvolta da un sentimento di essere rifiutata e di tristezza… mentre la mia mente era tutta su ‘questo processo è assurdo’!

‘Primo arrivato, primo servito’ – con qualche eccezione – è questo il modo con cui funziona andare a studiare con Sharath and Saraswathi Jois. Pertanto, quanto più velocemente riesci ad inviare il form di richiesta il giorno dovuto, maggiori sono le possibilità di farcela. Ma cosa fare quando le persone che sottomettono la richiesta con te sono migliaia e tutte allo stesso tempo, quando il server va in crash perchè non riesce a reggere la quantità di traffico e richieste e quando passi 2h12min nel fare refresh della pagina web del KPJAYI nella speranza che l’unica risposta non continui ad essere solo ‘Errore’… Pertanto, si, mi sono sentita frustrata… nel momento in cui cercavo di inviare la mia richiesta così come nel momento in cui ho letto la risposta…

Ma quante volte ci sentiamo frustrati in ashtanga? Il tuo insegnante non ti dà la postura successiva, la postura su cui stai lavorando non ti viene o ti sembra di regredire, la tua vita sociale è scossa dalla tua pratica o desidereresti avere più tempo da dedicarci ma qualcosa che si chiama lavoro, famiglia o vita te lo impedisce? Beh, devo dire che l’ashtanga mi ha anche insegnato ad essere consapevole della frustrazione e ad andare oltre, ad essere focalizzata e determinata, a continuare a provarci perchè ‘practice and all is coming’, pratica e tutto viene… così, in questo caso, sicuramente sarò lì il prossimo mese a risottomettere la richiesta per dicembre, e forse sarà necessario rifarlo anche per gennaio o febbraio, perchè non sono ancora pronta a rinunciarci.

E tu? Spero tu sia stato accettato/a. In ogni caso, qual è stata la tua reazione? Se hai voglia, condividi la tua storia ed i tuoi sentimenti, mi piacerebbe conoscerli!

 

Se questo articolo ti è piaciuto, segui il blog cliccando sul tasto ‘follow me’ in alto a destra per ricevere tutti i prossimi aggiornamenti direttamente nella tua mail. Grazie!

 

Posted in Ashtanga Yoga | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , | 5 Comments

IS ASHTANGA FOR BEGINNERS?

– scorrere giù per la versione in italiano –

 

‘Oh, you know, I’m pretty new with yoga, I only practice since 1 year… I don’t believe I’m ready for Ashtanga…’

‘Ashtanga is for advanced yogis’

‘Ashtanga is tough!’ – ‘Have you ever tried it?’ – ‘No, but this is what I hear’…

ashtanga-yoga-italia-milano-con-Rosa-Tagliafierro

Beach Yoga Girl

I never realized how many people are scared of even trying Ashtanga yoga since I started teaching here at Orion Healing Centre in heavenly Koh Phangan, Thailand! Orion is a beautiful centre which delivers wellness and health trough detox and yoga, and I’m teaching here for one month as Ashtanga guest teacher.

On the schedule there are at least 4 yoga classes per day, of which Ashtanga Mysore style in the morning at 7.30h. Useless to say, at that time who shows in the shala are mainly practitioners who already have a regular practice before coming to the island, people already committed to the practice, while I see how difficult it is to have new people starting it in the traditional way, where you go straight to Mysore style (self-practice and not through the led classes for beginners that are so popular in the West). Mainly, all of that comes from a prejudice: Ashtanga is not for beginners.

The same person who is afraid of giving Ashtanga an attempt, can go through a full speed 2h rocket or vinyasa yoga class and when it’s done, he/she can say that was tough but not that was impossible, he/she can say that need improvement but isn’t scared. So why is that?

My personal idea based on my current experience? They have never tried! Sun salutations A e B are nothing new to somebody who has done at least 1 vinyasa class, as well as the standing postures. So most of the time, an ashtanga beginners does a lot less than in a multilevel other style of dynamic yoga. And it becomes tough only because instead of keeping the focus on what they’re doing, at the beginning the tend to compare themselves to what others are doing, which in a Mysore room can be pretty impressive.

If you’re new to Ashtanga, don’t be scared! Mysore style is the best way to start yoga because you can practice at the rythm of your own breath and pace. Under the guidance of the teacher, you will build strenght and flexibility over time, and with that your stamina – your ability to sustain the required prolonged physical and mental effort – will increase. So, be sure that nobody will ask you to run a marathon on your mat on your first class, you will learn first how to walk speedily and than run a km or 2… than, if you will ever be able to run a marathon, that will depend on too many different things… not last, if you’re interested in that or not…

 

Click here for the yoga daily schedule at Orion Healing Centre.

Click here for Ashtanga Yoga Italia schedule. Classes in Milan will start regularly on Monday, September 14.

 

If you enjoyed this post, follow the blog clicking on the ‘Follow me’ button on the right-hand side of the page and receive future updates directly in your inbox. Thank you!

 


 

L’ASHTANGA YOGA E’ PER PRINCIPIANTI?

 

‘Oh sai, mi sono avvicinata allo yoga da poco, pratico da solo 1 anno… non credo di essere pronta per l’Ashtanga…’

‘Ashtanga è per gli yogi avanzati’

‘Ashtanga è difficile!’ – ‘L’hai mai provato?’ – ‘No, ma è quello che sento dire’…

 

Non avevo mai realizzato quante persone sono spaventate dalla sola idea di provare l’Ashtanga yoga fino al momento in cui ho cominciato ad insegnare qui all’Orion Healing Centre nella paradisiaca Koh Phangan, in Thailandia! L’Orion è un bellissimo centro il cui scopo è quello di generare wellness e salute attraverso il detox e lo yoga, e per un mese sarò qui ad insegnare ashtanga come guest teacher.

Sul programma del centro ci sono almeno 4 classi di yoga al giorno, e si comincia al mattino alle 7.30h con l’Ashtanga nello style Mysore. Inutile dire che quasi tutti coloro che si presentano in shala a quell’ora sono dei praticanti di ashtanga già con una pratica regolare prima di arrivare sull’isola, praticanti già dedicati al loro tappetino, mentre è così difficile che nuove persone vi si avvicinino nel modo tradizionale, ovvero iniziando direttamente con il Mysore style (self-practice invece della classe guidata per principianti che tanto è in voga in Occidente). Perchè? Principalmente a causa di un pregiudizio: l’Ashtanga non è per principianti!

La stessa persona che è intimorita dal provare l’Ashtanga, spesso fa una classe di rocket o di vinyasa yoga anche di 2h e quando finisce può dire che è stata dura ma non che è stata impossibile, che ha bisogno di migliorare ma non che ne è spaventata. Perchè?

L’idea che mi sono fatta sulla base della mia esperienza personale? La stessa persona dice ciò perchè non ha mai provato Ashtanga! I saluti al sole A e B sono familiari a chiunque abbia fatto almeno una classe di yoga dinamico, così come le posizioni in piedi. Pertanto, la maggior parte delle volte, un praticante di ashtanga all’inizio fa molto meno rispetto ad un’altra classe di yoga dinamico multilivello. E diventa difficile solo perchè invece di mantenere l’attenzione su ciò che si sta facendo si tende – all’inizio – a guardare ciò che stan facendo gli altri, che in una classe stile Mysore può essere abbastanza impressionante.

Se sei nuovo all’ashtanga, non averne paura! Il Mysore style in effetti è il modo migliore con cui puoi pensare di intraprendere la tua pratica di yoga perchè lavorerai al ritmo del tuo respiro e al tuo proprio passo. Sotto la guida di un insegnante, costruirai forza e flessibilità nel corso del tempo, e con questi la tua stamina – la tua capacità di sostenere il richiesto sforzo fisico e mentale – aumenterà di conseguenza. Pertanto, sii certo che nessuno ti chiederà mai di correre una maratona sul tuo tappetino nella tua prima classe, ma imparerai prima a camminare velocemente e poi magari a correre un chilometro o 2… poi, se sarai mai in grado di correre una maratona quello dipenderà da così tanti fattori diversi… non ultimo, se sei interessato a correrla…

 

Clicca qui per vedere la programmazione yoga della settimana all’Orion Healing Centre.

Clicca qui per la programmazione dei corsi di Ashtanga Yoga Italia a Milano che riprenderanno normalmente lunedì 14 settembre.

 

Se questo articolo ti è piaciuto, segui il blog cliccando sul tasto ‘follow me’ in alto a destra per ricevere tutti i prossimi aggiornamenti direttamente nella tua mail. Grazie!

Posted in Ashtanga Yoga | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , | 2 Comments

SUMMER HOLIDAYS? HOW TO KEEP UP YOUR ASHTANGA YOGA PRACTICE

– scorrere giù per la versione in italiano –

ashtanga-yoga-italia-quote-99-practice-1-theory-Rosa-Tagliafierro-Milano

 

Vacations?

So much waited for, dreamed of, longed for… While you’re packing, don’t leave your ashtanga yoga practice behind!

Or you’ll be in town but your studio has shut down for summer or has moved to a reduced timetable that doesn’t suit you? Well, don’t despair, you can still keep up with your yoga practice! You only need 3 requirements:

1/ set the intention – decide how many times per week you’re going to practice (be realistic! it may be the same number of times you used to go to the yoga studio);

2/ fix a time for it – try to practice always at the same time, make it a good habit;

3/ stick to it – make sure you get on your mat even when you don’t have all the time you wish you had.

And remember, doing a little is extremely better than doing nothing at all 😉

 

So, hereafter the sequence split for you based on the time you’ll have available for practice:

10 MINUTES? Do:

– 3 Surya namaskaras (sun salutations) A

– 3 Surya namaskaras (sun salutations) B

ashtanga-yoga-italia-milano-surya-namaskara-saluti-al-soleand end with

– Baddha padmasana

– Padmasana

– Uplutih

 

15 MINUTES? Do same as above, but increase the number of Surya Namaskara As and Bs to 5.

 

30 TO 40 MINUTES? Do the sun salutations (5 As and 5 Bs) followed by the standing postures (up to virabhadrasana B) and end with the last 3 postures of the ashtanga sequence: baddha padmasana, padmasana, uplutih.

 

1 HOUR? Do up to navasana.

(download the pdf clicking on the following link ayc-full-primary-to-navasana-with-comment.jpg):

ayc-ashtanga-yoga-full-primary-to-navasana-with-comment

 

MORE THAN 1 HOUR? Do full primary series, if that is already in your practice. If youu’re already on 2nd series, than I guess you don’t need this post 🙂

(download the pdf clicking on the following link ayc-full-primary-white):

ayc-ashtanga-yoga-italia-milano-full-primary

And for everybody, to keep up the motivation, Sri K. Pattabhi Jois guiding the primary series (filmed in 1993):

Enjoy and… keep up the good work!

 

If you enjoyed this post, follow the blog clicking on the ‘Follow me’ button on the right-hand side of the page and receive future updates directly in your inbox. Thank you!

 


 

TEMPO DI VACANZE? ECCO COME MANTENERE LA TUA PRATICA DI ASHTANGA YOGA

 

Vacanze?

Così attese, sognate, aspettate… Mentre fai le valigie, non dimenticarti della tua pratica di ashtanga yoga!

O forse resterai in città ma la tua scuola di yoga è chiusa per le vacanze o ha adottato un orario ridotto che non si sposa con la tua agenda? Non disperare, hai ancora modo di mantenere la tua pratica! Hai solo bisogno di 3 requisiti:

1/ determina l’intenzione – decidi quante volte a settimana praticherai (sii realistico! potrebbe essere anche lo stesso numero di volte che andavi presso la tua scuola di yoga);

2/ fissa un orario – cerca di praticare sempre alla stessa ora, crea una sana e buona abitudine;

3/ mantienila – fa in modo di metterti sul tappetino anche quando non hai tutto il tempo che vorresti. Ricorda, praticare un po’ è decisamente meglio che non fare nulla 😉

 

Ecco pertanto la sequenza suddivisa per venire incontro alle tue disponibilità di tempo:

10 MINUTI? Fai:

– 3 Surya namaskaras (saluti al sole) A

– 3 Surya namaskaras (saluti al sole) B

ashtanga-yoga-italia-milano-surya-namaskara-saluti-al-sole

e termina con

– Baddha padmasana

– Padmasana

– Uplutih

 

15 MINUTI? Come sopra, ma aumenta il numero di Surya Namaskara As e Bs a 5.

 

30 A 40 MINUTI? Fai i saluti al sole (5 As e 5 Bs) sequiti dalle posture in piedi (fino a virabhadrasana B) e poi termina con le ultime 3 posture della sequenza di ashtanga: baddha padmasana, padmasana, uplutih.

 

1 ORA? Fai fino a navasana.

(scaricate il pdf cliccando sul link seguente link ayc-full-primary-to-navasana-with-comment.jpg):

ayc-ashtanga-yoga-full-primary-to-navasana-with-comment

 

PIU’ DI 1 ORA? Fai tutta la prima serie completa, se è già nella tua pratica. Se invece sei già alla seconda serie, probabilmente non hai bisogno di questo post 🙂

(scaricate il pdf cliccando sul seguente link ayc-full-primary-white):

ayc-ashtanga-yoga-italia-milano-full-primary

 

E per tutti, per mantenere alta la motivazione, il video completo della prima serie come guidato da Sri K. Pattabhi Jois (video del 1993).

Goditi il tutto… e mantieni il buon lavoro fatto finora!

 

Se questo articolo ti è piaciuto, segui il blog cliccando sul tasto ‘follow me’ in alto a destra per ricevere tutti i prossimi aggiornamenti direttamente nella tua mail. Grazie!

Posted in Ashtanga Yoga | Tagged , , , , , , , , , , , | Leave a comment

EXTRA-ORDINARY IMAGES OF THE INTERNATIONAL DAY OF YOGA

Only one week ago, and it already seems like a looooong time! But still tremendously  proud of being part of such an all-over-the-world enormous yogic crowd.

Here my favorite images, for different reasons, of the International Day of Yoga from different corners of the world (source: mainly from Getty Images). Because every day is a yoga day!


Solo una settimana fa ed ho già l’impressione che sia passato una marea di tempo! Ma ancora emozionata al pensiero di aver fatto parte di un qualcosa più grande che ha inondato il pianeta.

Queste alcune delle mie immagini preferite, per diversi motivi, a testimoniare cos’è successo in giro per il mondo il 21 giugno 2015, la prima Giornata Mondiale dello Yoga (fonte: principalmente Getty Images). Perchè ogni giorno è un giorno di yoga!

 

If you enjoyed this post, follow the blog clicking on the ‘Follow me’ button on the right-hand side of the page and receive future updates directly in your inbox. Thank you!


 

Se questo articolo ti è piaciuto, segui il blog cliccando sul tasto ‘follow me’ in alto a destra per ricevere tutti i prossimi aggiornamenti direttamente nella tua mail. Grazie!

Posted in Ashtanga Yoga | Tagged , , , , , , , , , , | Leave a comment

JOIN US TOMORROW FOR THE 1st INTERNATIONAL YOGA DAY

– Scorrere giù per la versione in italiano –

yoga-milano-sunrise

At 5 am tomorrow, Sunday 21, we like to celebrate the 1st International Yoga Day welcoming the rising sun! 108 sun salutations within the Yoko Ono Morning Peace at La Triennale in Milano, with Baliyoga.it and its yoga teachers.

Free attendance, live music performance and breakfast to follow offered by La Triennale. If you love yoga, join us!

Here the program in details: http://www.triennale.org/en/calendar/events-calendar-list/4051-yoko-ono-morning-peace-2015-en#.VYWkj-dez-Y


 

Alle 5h del mattino di domani, domenica 21 giugno, festeggiamo così la prima giornata internazionale dello yoga! 108 saluti al sole nell’ambito della Yoko Ono Morning Peace alla Triennale di Milano, con Baliyoga e tutti/e i/le suoi/sue insegnanti!

L’evento è ad ingresso libero, con musica dal vivo e con colazione a seguire offerta dalla Triennale.
Se ami lo yoga, vieni anche tu!

Qui il programma di dettaglio: http://www.triennale.org/it/calendario/calendario-eventi-list/4050-yoko-ono-morning-peace-2015#.VYWnXOdez-Y

 

Posted in Ashtanga Yoga, Events | Tagged , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

THE POWER OF THE GODDESSES TO UNLOCK YOUR POTENTIAL

– Scorrere giù per la versione in italiano –

yoga-ross-rayburn-andrea-boni-ashtanga-yoga-italia-milano-shanti-rosa-tagliafierro

Ross Rayburn and Andrea Boni

Four days have already gone by since hosting the advanced yoga intensive ‘Unlock your potential – Part 2’ together with Pilates Shanti studio! Thank you to Ross Rayburn and Andrea Boni for sharing your precious teachings without boundaries with all of us and thank you to all of you who joined! I’m still savouring a space of quietness from giving to the practice till the last drop of energy in my body, I still feel detached from all happenings around me just as if I’d been through a long meditation and I’m still relishing the joy of being nurtured and sharing it all with so many beautiful souls.

And yes, I can definitely say it was one of the most beautiful workshops, if not the most, I ever attended! Have a look at the gallery below to have a feeling of what went on during the intensive. Must say I was too busy practicing to shoot more 😉

And for those of you who did not attend, during the week-end Ross shared 3 additional secrets to release our potential and overcome blockages which may, at any point in time, hold us back in our practice. While the ones shared in February (read them here) where more related to keep it going – oh yes, if you don’t have a practice than you don’t really need to unlock it 😉 – this time the focus was on how to get the best out of ourselves in every single pose, building the ability to find in asanas the following Goddesses’ qualities:

  1. Kali: the heaviness and grounding to build on
  2. Saraswathi: the knowledge based on alignment principles
  3. Lakshmi: the expansion and freedom to give full expression to the form

And you know what? They work!! Just applying them to my Ashtanga practice this week, I witnessed a big shift in it. Feeling grateful to my teachers, to the Universe and all of the Goddesses! 🙂

 

If you enjoyed reading this post, follow the blog clicking on the ‘Follow me’ button on the right-hand side of the page and receive future updates directly in your inbox. Thank you! Namaste


 

IL POTERE DELLE DEE PER LIBERARE IL TUO POTENZIALE

 

Sono già passati 4 giorni dall’intensivo di yoga avanzato ‘Libera il tuo potenziale – Parte 2’ ospitato insieme allo studio Pilates Shanti. Grazie a Ross Rayburn e Andrea Boni per aver condiviso i loro preziosi insegnamenti con tutti noi senza porre confini e grazie anche a tutti voi che avete partecipato! Per quanto mi riguarda, sto ancora assaporando quello spazio di quiete nato dando alla pratica fino all’ultima goccia di energia che avevo in corpo, mi sento ancora come separata da tutti gli accadimenti intorno a me come mi era capitato solo dopo lunghi periodi di meditazione e mi sto ancora godendo la gioia dell’essere nutrita e della condivisione con così tante belle anime.

E si, posso decisamente dire che è stato tra i più bei workshop, se non il più bello, a cui ho mai partecipato! Dai un occhio alla galleria di immagini rubate nel corso dell’intensivo, e che trovi di seguito, per avere un’idea di ciò che è successo. E mi scuso per non aver scattato di più, ero troppo impegnata a praticare 😉

E per tutti coloro che non erano presenti, durante il week-end Ross ha condiviso 3 ulteriori segreti per liberare il potenziale presente in ognuno di noi così da superare quei blocchi che ci possono essere in determinati momenti nella nostra pratica. Mentre quelli condivisi a febbraio (leggili qui) erano più legati a come mantenerla nel tempo – eh si, se non c’è una pratica diventa difficile ‘liberarla’ 😉 – questa volta l’attenzione è stata su come dare il meglio in ciascuna posizione, costruendo l’abilità del trovare negli asana le seguenti qualità delle Dee:

  1. Kali: la pesantezza ed il radicamento su cui costruire
  2. Saraswathi: la conoscenza basata sui principi di allineamento
  3. Lakshmi: l’espansione e la libertà per dare espressione piena alla forma

E sai cosa? Funziona! Solo applicando questi principi alla mia pratica di Ashtanga questa settimana, ho notato un vero e deciso cambiamento in meglio. Grata ai miei insegnanti, all’Universo e a tutte le Dee! 🙂

 

Se questo articolo ti è piaciuto, segui il blog cliccando sul tasto ‘follow me’ in alto a destra per ricevere tutti i prossimi aggiornamenti direttamente nella tua mail. Grazie! Namaste

 

Posted in Ashtanga Yoga | Tagged , , , , , , , , , , , | Leave a comment

MEDITATION AS A STRESS RELIEVER? EVEN MORE, IT CAN CHANGE YOUR BRAIN

– scorrere giù per la versione in italiano –

meditation-for-a-better-life-meditazione-per-una-vita-migliore-ashtanga-yoga-italia-milano-rosa-tagliafierro

Literally.

And for the better!

Meditation can change your brain. And there are more and more studies to vouch it.

Here a few quotes of a new one from Sara Lazar, a neuroscientist at Massachusetts General Hospital and Harvard Medical School, as explained to The Washington Post last week. Sara herself has been practicing meditation for the last 20 years.

How she started

A friend and I were training for the Boston marathon. I had some running injuries, so I saw a physical therapist who told me to stop running and just stretch. (…)

The yoga teacher made all sorts of claims, that yoga would increase your compassion and open your heart. And I’d think, ‘Yeah, yeah, yeah, I’m here to stretch.’ But I started noticing that I was calmer. I was better able to handle more difficult situations. I was more compassionate and open hearted, and able to see things from others’ points of view.

I thought, maybe it was just the placebo response. But then I did a literature search of the science, and saw evidence that meditation had been associated with decreased stress, decreased depression, anxiety, pain and insomnia, and an increased quality of life.

 

What she found comparing long-term meditators versus a control group

We found long-term meditators have an increased amount of gray matter in the insula and sensory regions, the auditory and sensory cortex. Which makes sense. When you’re mindful, you’re paying attention to your breathing, to sounds, to the present moment experience, and shutting cognition down. (…) Your senses would be enhanced.

We also found they had more gray matter in the frontal cortex, which is associated with working memory and executive decision making.

It’s well-documented that our cortex shrinks as we get older – it’s harder to figure things out and remember things. But in this one region of the prefrontal cortex, 50-year-old meditators had the same amount of gray matter as 25-year-olds.

(…)

The amygdala, the fight or flight part of the brain which is important for anxiety, fear and stress in general got smaller in the group that went through the mindfulness-based stress reduction program.

 

How long to meditate to get the benefits

In my study, the average was 27 minutes a day. Or about a half hour a day.

 

Results were measured after only 8 weeks of practice!! So, let’s get started 🙂

If you don’t know where to begin, I do recommend vipassana. Here a post I wrote soon after my second retreat: THE (WELL-KNOWN) SECRET FOR STILLNESS OF MIND. Check it out at www.dhamma.org

If you want to read full WP article, click here.

 

If you enjoyed reading this blogpost, follow the blog clicking on the ‘Follow me’ button on the right-hand side of this page to receive future updates directly in your inbox. Thank you! Namaste


 

MEDITAZIONE COME ANTI-STRESS? MOLTO DI PIU’, PUO’ CAMBIARE IL TUO CERVELLO

 

Letteralmente.

E per il meglio!

La meditazione può cambiare il tuo cervello. E ci sono sempre più studi a confermarlo.

Qui alcuni estratti di quello nuovo di Sara Lazar, un neuroscienziato al Massachusetts General Hospital e all’Harvard Medical School, come spiegato al Washington Post la settimana scorsa. Sara stessa pratica meditazione da 20 anni.

Come ha cominciato

Con un’amica ci stavamo allenando per la maratona di Boston. Avevo riportato delle lesioni dalla corsa ed ero andata a vedere un fisioterapista che mi aveva consigliato di smettere di correre e fare dello stretch. (…)

L’insegnante di yoga faceva ogni sorta di affermazioni, che lo yoga aumenta la tua compassione e apre il tuo cuore. Ed io pensavo, ‘Si, si, si, son qui per fare stretch.’ Ma cominciai a notare che ero più calma. Ero più capace nel gestire situazioni difficili. Ero più compassionevole e col cuore aperto, e capace di vedere le cose dal punto di vista anche degli altri.

Pensai, probabilmente è solo un effetto placebo. Così feci una ricerca nella letteratura di tale scienza, e trovai evidenze che la meditazione è associata con un ridotto livello di stress, una ridotto livello di depressione, ansia, dolore e insonnia, ed una migliore qualità di vita.

Cosa ha trovato nel comparare meditatori di lungo termine verso un gruppo di controllo

Abbiamo trovato che i meditatori di lungo periodo hanno una maggiore quantità di materia grigia nell’insula (ndt: l’insula gioca un ruolo in diverse funzioni tra cui la percezione, il controllo motorio, la consapevolezza di sè, e l’esperienza interpersonale) e nelle regioni sensoriali, la corteccia uditiva e sensoriale. Il che ha senso. Quando sei attento/consapevole, porti attenzione al tuo respiro, ai suoni, all’esperienza del momento presente, e chiudi la parte cognitiva. (…) I tuoi sensi vengono rafforzati.

Abbiamo anche trovato che avevano più materia grigia nella corteccia frontale, che è associata con la memoria di breve termine e la capacità di prendere decisioni esecutive.

E’ ben documentato che la nostra corteccia diminuisce con l’invecchiamento – diventa più difficile risolvere situazioni e ricordarsi le cose. Ma in questa regione della corteccia prefrontale, i meditatori di 50 anni avevano la stessa quantità di materia grigia di 25enni.

(…)

L’amigdala, la parte combatti-o-fuggi del cervello che è importante per l’ansia, la paura e lo stress in generale si è ridotta nel gruppo soggetto al programma di riduzione dello stress basato sulla consapevolezza.

Quanto occorre meditare per vedere i risultati

Nel mio studio, la media era di 27 minuti al giorno. O circa mezz’ora al giorno.

 

I risultati furono misurati dopo 8 settimane di pratica!! Ok, cominciamo? 🙂

Se non sai da dove partire, io consiglio la vipassana. Qui un post che ho scritto subito dopo il mio secondo ritiro: THE (WELL-KNOWN) SECRET FOR STILLNESS OF MIND (in inglese). Puoi saperne di più su questo sito www.atala.dhamma.org/pub/index.php  (in italiano)

Se invece vuoi leggere tutto l’articolo del Washington Post, clicca qui.

 

Se questo articolo ti è piaciuto, segui il blog cliccando sul tasto ‘follow me’ in alto a destra per ricevere tutti i prossimi aggiornamenti direttamente nella tua mail. Grazie! Namaste

 

Posted in Ashtanga Yoga | Tagged , , , , , , , , | Leave a comment

“YOGA UNLIMITED”– SPECIAL PASS JUNE 2015

 

Speciale-giugno-offerta-yoga-unlimited-ashtanga-yoga-italia-milano

 

Practice yoga anytime you wish! June UNLIMITED PASS for all classes of Ashtanga with Rosa and Vinyasa with Virginia AT ONLY 90€!!

Offer valid for both new and old students at Studio Shanti.

Get the chance to benefit of a more intense practice while you get ready for summer time!

For info and purchase the pass:    rosa.tagliafierro@gmail.com   +39 342 7468210

 


 

PASS “YOGA UNLIMITED” A SOLI 90€ – GIUGNO 2015

 

Un’occasione unica: pratica yoga tutte le volte che vuoi! ACCESSO ILLIMITATO per tutto il mese di giugno alle classi di Ashtanga con Rosa e di Vinyasa con Virginia A SOLI 90€!!
Offerta valida sia per i nuovi che per i vecchi studenti dello studio Shanti!


Non perdete l’occasione di assaporare i benefici di una pratica più intensa e per prepararvi all’estate ormai alle porte!

Per info e acquisto del pass:  rosa.tagliafierro@gmail.com   tel: 342 7468210

oppure

Posted in Ashtanga Yoga, Events | Tagged , , , , , , , , | Leave a comment

NOTES FROM AN ASHTANGA YOGA WORKSHOP WITH GREG NARDI

– scorrere giù per la versione in italiano –

Rosa-Tagliafierro-Ashtanga-Yoga-Italia-Milano-with-Greg-Nardi

With Greg Nardi – May 2015

Should I go or shouldn’t I go?

That was my question when I learned a few weeks ago that Greg Nardi, which I only knew from his Ashtanga Yoga Worldwide facebook page, was teaching a beginner workshop in a small town about 1h away from home.

As a ‘lonely’ practitioner meeting the yoga mat in her own living room, I love to take any chance I can to do my practice under the guidance of a good teacher. On the other side, I didn’t feel like doing led classes for 3 days in a row. So, not easy to make a choice…

In the end I went, I did led half primary for 3 days and it revealed to be an awesome deepening opportunity! I must say that when an ashtanga teacher combines – which is pretty rare – the traditional teachings with a knowledge of biomechanics and proper alignments of the physical body to reach a space that goes beyond it, I’m easily conquered 🙂 On top to that, Greg brings a solar, warm and shining energy and his stories from the many travels to Mysore to study first with Guruji and than with Sharath are teachings in themselves.

Here a few of those teachings I brought home with me:

On strenght and flexibility

I never heard Guruji talking about flexibility, he always talked about strenght and stamina. Building strenght in the physical body is necessary to build inner stength, hence to bring yoga beyond the physical level.

On ego and pain

When you practice from the ego, pain will come. Next posture shouldn’t be forced, it should come as a natural evolution.

On advanced postures

Why to practice advanced postures? I haven’t found them functional yet. It’s not like you go to the bank with a leg behind your head 🙂 Guruji used to say that primary series is for everyone because it’s a healing practice. Second series is for teachers. Advanced series is for demonstration 🙂

So, all people can benefit from primary, those who wishes to teach should work on intermediate, advanced is for sadhana, that is for those who wishes to dedicate their life to yoga and the spiritual path. Though that doesn’t mean that practitioners on advanced series are spiritual by definition as well as that doesn’t mean that primary series can’t be done as a spiritual practice.

On the best practice

Which is the best practice? The one that leaves you with the desire to come back again on the mat tomorrow.

 

So, very happy I went!

If you enjoyed reading this blogpost, follow the blog clicking on the ‘Follow me’ button on the right-hand side of this page to receive future updates directly in your inbox. Thank you! Namaste


APPUNTI DA UN WORKSHOP DI ASHTANGA YOGA CON GREG NARDI

 

Ci vado o non ci vado?

Questa la domanda a me stessa quando ho saputo alcune settimane fa che Greg Nardi, che conoscevo solo attraverso la sua pagina facebook Ashtanga Yoga Worldwide, avrebbe tenuto un workshop per principianti in una piccola cittadina a 1h di macchina da casa.

Come praticante ‘solitaria’ che incontra il suo tappetino in soggiorno, mi piace approfittare di qualsiasi occasione si presenti per praticare sotto la guida di un bravo insegnante. D’altra parte, l’idea di fare per 3 giorni di seguito una classe guidata per principianti non mi allettava molto. Quindi, scelta non facile…

Alla fine sono andata, ho fatto per 3 giorni la guidata della metà della prima serie ed il tutto si è rivelato essere una bellissima opportunità di approfondimento! Devo innanzitutto dire che quando un insegnante di ashtanga yoga combina – cosa piuttosto rara – gli insegnamenti tradizionali con la conoscenza della biomeccanica e degli opportuni allineamenti del corpo fisico per raggiungere uno spazio che va al di dà del fisico, sono facilmente conquistata 🙂 In aggiunta, Greg porta con sè una calorosa energia, solare e splendente, nonchè numerose storie dai suoi viaggi a Mysore dove è stato a studiare con Guruji prima e con Sharath poi, storie che sono insegnamenti di per sè.

Allora ecco alcuni di questi insegnamenti che ho portato a casa con me:

Sulla forza e flessibilità

Non ho mai sentito Guruji parlare di flessibilità, egli parlava sempre di forza e resistenza. Costruire forza nel corpo fisico è necessario al fine di costruire forza interiore, e quindi al fine di portare lo yoga al di là del corpo fisico.

Sull’ego e sul dolore

Quando la tua pratica è spinta dall’ego, il dolore verrà. La posizione successiva non dovrebbe essere forzata, dovrebbe presentarsi come un’evoluzione naturale.

Sulle posture avanzate

Perchè praticare delle posture avanzate? Io non le ho ancora trovate funzionali. Non è come se te ne andassi in banca con una gamba dietro la testa 🙂 Guruji era solito dire che la prima serie è per tutti grazie ai suoi effetti di guarigione. La seconda serie è per gli insegnanti. Le serie avanzate sono per dimostrazione 🙂

Pertanto, tutte le persone possono beneficiare dalla prima serie, coloro che desiderano insegnare dovrebbero lavorare sulla seconda, le avanzate sono per la sadhana, ovvero per coloro che desiderano dedicare la propria vita allo yoga e alla ricerca spirituale. Anche se questo non significa che i praticanti delle serie avanzate sono spirituali per definizione così come non significa che la prima serie non possa essere fatta come una pratica spirituale.

Sulla pratica migliore

Qual è la pratica migliore? Quella che ti lascia con la voglia di ritornare sul tappetino domani.

 

In conclusione? Veramente felice di esserci andata 🙂

Se questo articolo ti è piaciuto, segui il blog cliccando sul tasto ‘follow me’ in alto a destra per ricevere tutti i prossimi aggiornamenti direttamente nella tua mail. Grazie! Namaste

Posted in Ashtanga Yoga | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 1 Comment

UPCOMING EVENTS AT ASHTANGA YOGA ITALIA MILANO

– scorrere giù per la versione in italiano –

May and June will be eventful at Ashtanga Yoga Italia in Milano!

Several and exciting the upcoming yoga workshops, each an unique opportunity to explore and free your potential:


 

MAY 23 – “YOGA ON HANDS”

yoga-workshop-primavera-2015-milano-ashtanga-yoga-italia-Rosa-Tagliafierro

A 2hrs session aimed to develop strength in the arms and abdominal muscles, work on increasing the bandhas’ awareness and even more the mental presence which is the key element to be able to float and balance on the hands. All levels welcome!

For those who wish to stay, at the end of the asana masterclass we will have a 30′ pranayama session which is optional and free of charge. You’re all welcome to join!


JUNE 12 13 14 – “UNLOCK YOUR POTENTIAL”

with ROSS RAYBURN & ANDREA BONI

15-02-Ross-Rayburn-Andrea-Boni-unlock-your-potential-theprimerose-photography-by-Rosa-Tagliafierro-ashtanga-yoga-italia

After the great success of the first session of ‘Unlock your potential’ in February, Ross and Andrea will be back for the second part of the Advanced Intensive to help each of us overcome our limits and unlock our own potential. After having worked on the fundamentals in the first week-end, now is time to move even deeper.

This workshop is for dedicated students who have at least 2 years of regular practice. If you couldn’t attend the first week-end, don’t worry! You’re welcome to join for this session.

And if you are new to yoga, don’t miss this opportunity to practice with 2 of the main international yoga teachers and join us for the Open Level Class on Sunday morning, June 14!

Click here for all details (in Italian):   Ross-Rayburn-e-Andrea-Boni-intensivo-yoga-Milano-2015-writeup


JUNE 27 – “UNFOLD YOUR LOTUS”

yoga-workshop-primavera-2015-milano-ashtanga-yoga-italia-Rosa-Tagliafierro

A masterclass dedicated to release tensions in the hips and allow them to open as a blossoming lotus flower. All levels welcome!

For those who wish to stay, at the end of the asana masterclass we will have a 30′ yoga nidra session which is optional and free of charge. You’re all welcome to join!


For more information and to reserve your spot, contact me:

Rosa    +39 342 7468210    rosa.tagliafierro@gmail.com

or

 


 

PROSSIMI EVENTI AD ASHTANGA YOGA ITALIA A MILANO

 

I mesi di maggio e giugno saranno ricchi di eventi ad Ashtanga Yoga Italia a Milano!

Numerosi ed emozionanti i prossimi workshop di yoga, ognuno un’opportunità unica per esplorare e liberare il tuo potenziale:


23 MAGGIO – “YOGA ON HANDS”

yoga-workshop-primavera-2015-milano-ashtanga-yoga-italia-Rosa-Tagliafierro

Una sessione di 2h interamente volta a sviluppare la forza nelle braccia e dei muscoli addominali, a lavorare su una crescente consapevolezza dei bandha ed ancora di più per aumentare la presenza mentale, elemento chiave per essere in grado di galleggiare e bilanciarsi sulle mani. Workshop aperto a tutti i livelli!

Per coloro che desiderano fermarsi, alla fine della masterclass di asana ci sarà una sessione opzionale e gratuita di 30′ dedicata al pranayama. Siete tutti invitati ad unirvi.


12 13 14 GIUGNO – “UNLOCK YOUR POTENTIAL”

con ROSS RAYBURN & ANDREA BONI

15-02-Ross-Rayburn-Andrea-Boni-unlock-your-potential-theprimerose-photography-by-Rosa-Tagliafierro-ashtanga-yoga-italia

Dopo il grande successo della prima sessione di ‘Unlock your potential’ a febbraio, Ross e Andrea ritornano per la seconda parte dell’Intensivo Avanzato per aiutare ciascuno di noi a superare i propri limiti e liberare il proprio potenziale. Dopo aver lavorato sui fondamentali nel primo week-end, ora è giunto il momento di andare ancora più in profondità.

Questo workshop è riservato a studenti dedicati con almeno 2 anni di pratica yoga regolare. Se non sei riuscito a partecipare al primo week-end, non preoccuparti! Unisciti a noi per il prossimo!

E se sei ai primi approcci con lo yoga, non perdere l’occasione di praticare con 2 dei maggiori insegnanti di yoga conosciuti a livello internazionale ed unisciti alla classe della domenica mattina, 14 giugno, che è aperta a tutti i livelli!

Vedi qui tutti i dettagli del workshop (in italiano):   Ross-Rayburn-e-Andrea-Boni-intensivo-yoga-Milano-2015-writeup


27  GIUGNO – “UNFOLD YOUR LOTUS”

yoga-workshop-primavera-2015-milano-ashtanga-yoga-italia-Rosa-Tagliafierro

Una masterclass interamente dedicata a rilasciare le tensioni che naturalmente accumuliamo nelle anche per permettere loro di aprirsi con la grazia di un fiore di loto quando sboccia. Aperta a tutti i livelli!

Per coloro che desiderano fermarsi, alla fine della masterclass di asana ci sarà una sessione opzionale e gratuita di 30′ dedicata allo Yoga Nidra. Siete tutti invitati ad unirvi.


Per maggiori informazioni e per riservare il tuo posto, contattami:

Rosa    +39 342 7468210    rosa.tagliafierro@gmail.com

oppure

Posted in Ashtanga Yoga | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

HOW TO MEASURE YOUR PROGRESS IN YOGA?

– scorrere giù per la versione in italiano –

getting-success-in-yoga-ashtanga-yoga-italia-milano-rosa-tagliafierro

Shri Dharma Mittra in NYC

How do you know you’re getting better and better at yoga?

If you’re measuring it based on a smaller distance towards touching your toes, or your increased ability to catch your feet in kapotasana – which in themselves are definitely a progress – you might be disappointed to hear that doesn’t necessarily mean your ‘yoga’ is getting better.

Why?

Taking Patanjali’s definition of yoga, that is the ability to control the fluctuations of the mind

1.2 Yogash citta vritti nirodah

the success in it cannot be measured on a physical level. Patanjali himself in the first chapter of the Yoga Sutra gives us an indication of how to progress in yoga:

1.33 Maitri karuna mudito pekshanam sukha dukha punya apunya vishayanam bhavanatah citta prasadanam

which means ‘The mind becomes purified by cultivating feelings of friendliness towards those who are happy, compassion towards the ones who are suffering, goodwill towards  the ones who are virtous and indifference towards those we perceive as wicked.’

So, 4 are the qualities to cultivate to progress on the path of yoga (which, by the way, are known in Buddhist tradition as The Four Immeasureables):

1. Maitri (friendliness, kindness)   towards    Sukha (happy, joyous)

2. Karuna (compassion)   towards    Dukha (pain, misery, suffering)

3. Mudita (goodwill, gladness)   towards    Punya (virtous, meritorious)

4. Upekshanam (indifference, equanimity)   towards    Apunya (vice, wicked, evil)

And that’s because our ordinary minds tend to react just in the opposite way, such as being jelous of happy people and feeling contempt towards vice. (On this last point, let’s remember the equanimity we are looking for is internal, relates to our inner balance, so it doesn’t mean approving the other person’s actions). So, whenever our mind is reacting to events in an emotional way getting disturbed, Patanjali tells us to counterbalance it cultivating the opposite attitude.

As such, the 4 above-mentioned qualities can be used as a tool in our daily life to measure how we’re getting better at yoga. So, if our asana practice helps us in developing kindness, compassion, gladness and equanimity in our lives, than we can definitely say we’re progressing in yoga. And that’s because, as Shri Dharma Mittra puts it:

Come to recognize that asana (posture practice) is a great tool and help, is part of the overall process of purification that is yoga and leads to radiant health and wellness when done regularly, but on its own is not yoga.

Shri Dharma Mittra

 

 

If you enjoyed reading this blogpost, make sure you follow the blog clicking on the ‘Follow me’ button on the right-hand side of this page to receive future updates directly in your inbox. Thank you! :- )

More on success in yoga? Read HOW TO BE SUCCESSFUL IN YOGA – DO’s AND DON’Ts

More on Patanjali’s Yoga Sutras? Read IS THERE THE PERFECT YOGA POSE?


COME MISURARE I TUOI PROGRESSI NELLO YOGA?

 

Come fai a sapere che stai facendo progressi sulla strada dello yoga?

Se misuri i tuoi progressi sulla base di una più corta distanza rispetto al toccarti le dita dei piedi o sulla tua capacità di prenderti i piedi in kapotasana – che in sè stessi sono decisamente dei progressi – potresti essere deluso dal sentire che ciò non significa necessariamente che il tuo ‘yoga’ sta migliorando. Perchè?

Prendiamo la definizione dello Yoga di Patanjali, ovvero la capacità di controllare le fluttuazioni della mente

1.2 Yogash citta vritti nirodah

Ne deriva che il successo su questo sentiero non può essere misurato ad un livello fisico. Patanjali stesso nel primo capitolo degli Yoga Sutra ci dà un’indicazione su come progredire nello yoga:

1.33 Maitri karuna mudito pekshanam sukha dukha punya apunya vishayanam bhavanatah citta prasadanam

che significa ‘La mente diventa pura coltivando sentimenti di amorevolezza verso coloro che sono felici, compassione verso coloro che soffrono, gioia compartecipe verso i virtuosi ed equanimità verso coloro che percepiamo come malvagi’.

Pertanto, 4 sono le qualità da coltivare per progredire sul sentiero dello yoga (che, tra l’altro, sono conosciute nella tradizione buddista come I Quattro Incommensurabili):

1. Maitri (amorevolezza, gentilezza)   verso    Sukha (felicità, gioia)

2. Karuna (compassione)   verso    Dukha (dolore, miseria, sofferenza)

3. Mudita (gioia compartecipe)   verso   Punya (virtù, merito)

4. Upekshanam (indifferenza, equanimità)   verso    Apunya (vizio, malvagità, cattiveria)

E questo perchè le nostre menti ordinarie tendono a reagire esattamente nel modo opposto, provando ad esempio invidia nei confronti delle persone felici e disprezzo nei confronti delle persone malvagie. (Su quest’ultimo punto, dobbiamo ricordare che l’equanimità che stiamo cercando è ad uno stato interiore, si riferisce ad un nostro equilibrio interno, pertanto non significa approvare le cattive azioni degli altri). Pertanto, ogni volta che la nostra mente reagisce agli eventi con forti emozioni diventandone disturbata, Patanjali ci dice di controbilanciarle coltivando l’attitudine opposta.

Come tali, le 4 qualità menzionate sopra possono essere usate come uno strumento nella nostra vita di tutti i giorni per misurare i nostri progressi nello yoga. Di conseguenza, se la nostra pratica delle posture ci aiuta a sviluppare amorevolezza, compassione, gioia compartecipe ed equanimità nelle nostre vite, allora possiamo decisamente dire che stiamo migliorando nello yoga. E questo perchè, come dice Shri Dharma Mittra:

Arriva a riconoscere che la pratica degli asana (delle posture) è un grande strumento ed aiuto, fa parte del processo complessivo di purificazione che è lo yoga e ci porta verso uno stato di salute e benessere raggiante quando fatta con regolarità, ma in sè stessa non è yoga.

Shri Dharma Mittra

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto, segui il blog cliccando sul tasto ‘follow me’ in alto a destra per ricevere tutti i prossimi aggiornamenti direttamente nella tua mail. Grazie :- )

Di più sul successo nello yoga? Leggi COME AVERE SUCCESSO NELLO YOGA – I SI E I NO

Di più sui sutra di Patanjali? Leggi ESISTE LA POSIZIONE PERFETTA?

Posted in Ashtanga Yoga | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , | 1 Comment

IS THERE THE PERFECT YOGA POSE?

– scorrere giù per la versione in italiano –

Kino-MacGregor-theprimerose-photography-by-Rosa-Tagliafierro-Ashtanga-Yoga-Italia-Milano… The “perfect” pose is the one YOU are doing that moment, not the way you see David Swenson or Kino doing it. I think we all would love to be able to do the poses like they can. But the reality is, in the moment, for most of us, that isn’t happening. And that has to be okay for yoga to happen.

The perfect pose is without bad pain and without stress… only breath. The correct method is finding that in our own practice, and our role as “teacher” is to help others to find it. Once one finds it then how quickly or slowly we learn primary and intermediate will have little relevance. Keep practising, always coming back to the breath… and enjoy. …

– Nancy Gilgoff

 

After reading this from Nancy Gilgoff – which was out on Ashtanga Brighton’s blog last week – I’ve been thinking a lot about perfection in asana. Does it exist and if so, what is it?

In all that musings of mine, Patanjali comes to rescue… and he just need 3 words!!

 

2.46 Sthira sukham asanam

After having defined Yoga as the mastery of the thought patterns of the mind (1.2) so that the realization of the Self can take place (1.3), in the second chapter of the Yoga Sutras Patanjali gives the 2 requirements that the asana (which literally means sitting posture) needs to allow the meditation process, essential to calm the mind and realize the Self:

a. sthira = steady, stable, motionless

b. sukham = comfortable, easy

So, the posture is perfected when can be maintained steadily and easily over a certain – quite long – amount of time, which in some yogic texts is reported up to 3h or more…

To keep the posture stable and motionless, at the beginning we all tend to add a good dose of tension in the body, which brings us away from the easiness in the pose. With the following sutra, Patanjali gives us indications on how to approch sthira – sukham:

 

2.47 Prayatna shaithilyananta samapattibhyam

 which means ‘By relaxation of effort and allowing meditation on the Endlessness (Infinite)‘. So, to acquire mastery of the pose, 2 are the means suggested by Patanjali:

a. Prayatna shaithilya = gradual release of the effort

b. Ananta samapattibhyam = meditation on infinity

In our lives, we are the doers: we need to do something in order to see something else happening. And this is the same approach we bring to our yoga practice. We do poses, but for meditation to happen we also need not to do. Ok ok, most likely I’ve lost you 🙂

Sharath always says that we can’t do yoga, we can only create the conditions for yoga to happen. So, we definitely need to actively assume a yoga pose, but then we need to learn how to let go of the effort so that the posture settles in and the meditation can happen. And here the breath assumes an eminent role.

But why to perfect a pose? What is the main result of attaining perfection in the practice?

 

2.48 Tatah dvandva anabhighatah

From that (mastery of the posture) arises freedom from suffering due to pairs of opposites (such as cold/heat; pain/pleasure; …). Ops, sorry, so that is not to get on Instagram or YouTube?? 🙂

And by the way, if you’re wondering how long should you practice a posture to attain mastery, here a quote from Sharath Jois:

“My grandfather always used to say one asana should be done one thousand times to perfect that”

According to my personal experience, sometimes even more than that! 🙂 Keep practicing!

 

If you enjoyed reading this blogpost, make sure you follow the blog clicking on the ‘Follow me’ button on the right-hand side of this page to receive future updates directly in your inbox. Thank you! 🙂

 

If you wish to read more of Nancy Gilgoff’s article, click here.

 


 

ESISTE LA POSIZIONE PERFETTA NELLO YOGA?

 

… La posizione ‘perfetta’ è quella che TU stai facendo in quel momento, non il modo in cui vedi David Swenson o Kino farla. Penso che noi tutti vorremmo essere capaci di fare le posizioni come le fanno loro. Ma la realtà è che, in questo momento, per molti di noi, questo non è il caso. E ciò deve essere ok perchè lo yoga possa succedere.

La posizione perfetta è senza dolore e senza stress… solo respiro. Il metodo corretto è trovare ciò nella nostra pratica, ed il nostro ruolo come ‘insegnanti’ è di aiutare gli altri a trovarlo. Quando uno l’ha trovato, quanto velocemente o lentamente progredisce nella prima o seconda serie ha poco importanza. Continua a praticare, ogni volta ritornando al respiro… e gustatelo…

– Nancy Gilgoff

 

Dopo aver letto quanto scritto da Nancy Gilgoff sul blog di Ashtanga Brighton la settimana scorsa, ho pensato molto sulla perfezione negli asana. Innanzitutto, esiste? e se esiste, che cos’è?

Nel rimuginare su tutto questo, Patanjali è arrivato in soccorso… e lui ha solo bisogno di 3 parole!!

 

2.46 Sthira sukham asanam

Dopo aver definito lo Yoga come il controllo, la padronanza delle fluttuazioni della mente (1.2) affinchè la realizzazione del Sè possa aver luogo (1.3), nel secondo capitolo degli Yoga Sutra Patanjali dà i 2 requisiti che un asana (parola sanscrita che letteralmente significa posizione seduta)  deve avere per consentire il processo della meditazione, essenziale a calmare la mente e realizzare il Sè:

a. sthira = stabile, saldo, fermo (priva di movimenti)

b. sukham = confortevole, facile

Quindi, la postura è perfetta quando può essere mantenuta stabilmente e confortevolmente per un certo – piuttosto lungo – periodo di tempo, che in alcuni testi yogici viene detto di 3 ore o più.

Per mantenere la postura stabile e senza muoversi, all’inizio tendiamo tutti ad aggiungere una buona dose di tensione nel corpo, e ciò non fa altro che portarci all’opposto della facilità nella posizione. Con il sutra seguente, Patanjali ci dà indicazioni su come approcciare sthira – sukham:

2.47 Prayatna shaithilyananta samapattibhyam

che significa ‘Rilassando lo sforzo e permettendo che avvenga la meditazione sull’Infinito’.  Pertanto, per acquisire la padronanza di una posizione, 2 sono i mezzi suggeriti da Patanjali:

a. Prayatna shaithilya = rilascio graduale dello sforzo

b. Ananta samapattibhyam = meditazione sull’Infinito

Nelle nostre vite, noi siamo abituati a fare: intraprendiamo azioni affinchè qualcos’altro avvenga.  E questo è lo stesso approccio che portiamo nella nostra pratica di yoga. Noi facciamo le posizioni, ma perchè la meditazione possa avvenire noi abbiamo anche bisogno di non fare.

Sharath dice sempre che noi non possiamo fare yoga, possiamo solo creare le condizioni affinchè lo stesso avvenga. Pertanto, è vero che dobbiamo attivamente assumere una posizione di yoga, ma abbiamo anche bisogno di imparare a lasciar andare lo sforzo di modo che la postura si stabilizzi e la meditazione possa avvenire. E qui il respiro assume un ruolo da protagonista.

Ma perchè perfezionare una posizione di yoga? Qual è lo scopo principale che vogliamo ottenere con il perfezionamento della pratica?

 

2.48 Tatah dvandva anabhighatah

Da ciò (la padronanza della postura) nasce la libertà dalla sofferenza creata dalle coppie di opposti (ad es. caldo/freddo, dolore/piacere,…). Ops, scusa, quindi lo scopo non è finire su Instagram o YouTube?? 🙂

E a proposito, se ti stai chiedendo quanto a lungo praticare una postura per acquisirne la padronanza, questa una citazione di Sharat Jois:

“Mio nonno diceva sempre che un asana dovrebbe essere fatta mille volte per perfezionarla”

E secondo la mia esperienza, spesso anche di più! 🙂 Continua a praticare!

 

Se questo articolo ti è piaciuto, segui il blog cliccando sul tasto ‘follow me’ in alto a destra per ricevere tutti i prossimi aggiornamenti direttamente nella tua mail. Grazie! 🙂

 

Se vuoi leggere l’intero articolo di Nancy Gilgoff, clicca qui.

Posted in Ashtanga Yoga | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , | 1 Comment

THE MOON AND THE ASHTANGA YOGA PRACTICE

– scorrere giù per la versione in italiano –

moon-and-ashtanga-yoga-italia-milano-luna-rosa-tagliafierroIt’s moon day? Take a rest!

If you’ve been practicing Ashtanga yoga for a while, you’ve definitely heard to take rest from practice on full moon and new moon days. This usually applies to practitioners on a daily Mysore style practice.

But why?

Here what Ashtanga yoga senior  teacher Tim Miller of ashtangayogacenter.com says about it and what we hear more often:

Like all things of a watery nature (human beings are about 70% water), we are affected by the phases of the moon. The phases of the moon are determined by the moon’s relative position to the sun. Full moons occur when they are in opposition and new moons when they are in conjunction. Both sun and moon exert a gravitational pull on the earth. Their relative positions create different energetic experiences that can be compared to the breath cycle.

The full moon energy corresponds to the end of inhalation when the force of prana is greatest. This is an expansive, upward moving force that makes us feel energetic and emotional, but not well grounded. The Upanishads state that the main prana lives in the head. During the full moon we tend to be more headstrong.

The new moon energy corresponds to the end of exhalation when the force of apana is greatest. Apana is a contracting, downward moving force that makes us feel calm and grounded, but dense and disinclined towards physical exertion.

(…) Practicing Ashtanga Yoga over time makes us more attuned to natural cycles. Observing moon days is one way to recognize and honor the rhythms of nature so we can live in greater harmony with it.

Here, instead, Eddie Stern’s view about the main reason behind Pattabhi Jois’s taking rest from teaching on amavasya (new moon) and purnima (full moon) days, which gives a different perspective, or I should say, different perspectives. And in case you don’t know Eddie Stern yet, he is one other senior teacher and the director of Ashtanga Yoga New York & Broome Street Temple.

Eddie Stern’s letter to Barry Silver about moon days

It is possible that the student who asked you about any prohibition of practicing yoga on the full or new moon days was doing so because of the observances of Pattabhi Jois. Much has been made of this observance, with all sorts of ideas about why he does this, and what significance it may have. However,

the reason for Pattabhi Jois’s observance of these days is quite simple. As you know, the Maharaja’s Pathashala (Sankrit College) was closed each month for classes on the moon days, and the day before and after. Studies were continued by the students, but no new lessons taught. One reason for this was that on amavasya and purnima, certain rituals had to be performed by the teachers and students alike, who are all brahmins

– for example, the pitr tarpana which needs to be performed on amavasya, and the ritual bathing the day after the moons – all these things take time to be performed. As well, though I have never been able to find the reference, Pattabhi Jois used to quote to us – and I also heard this from my Bhagavad Gita teacher in Mysore, Professor Narayanacharya, – that if a teacher teaches new subjects on the moon days, his knowledge will decline, and on the day before or after, the knowledge of the student will decline. Perhaps you might know where this reference comes from? When I spoke to Pattabhi Jois’s astrologer while interviewing him for the “Guruji” book, he concurred with the idea that it has something to do with the idea of ‘as above, so below’: in the Vedic tradition our mind is the like the moon, and waxes, wanes, and retains information following the same cycle as the moon in the sky exerts a gravitational pull on the earth.

Since Pattabhi Jois was a student at the Maharaja’s Pathashala, and was the Professor of Yoga at the college from 1937 to 1973, taking those days off from teaching became a habit and observance for him. Since he held the view that yoga was a practice of Vedic origin, and that the knowledge of the Upanishads was to be accessed through the doorway of asanas and pranayama, he ascribed the same observances to teaching yoga as he did to teaching Veda.

He further used to say that on the full and new moon days, there was a particular conjunction of nakshatras that made it easier to get injured, and that the injury would take longer to heal. I have never been able to verify this through jyotish; perhaps this is something that he learned from his father, who was an accomplished jyotishi.

Pattabhi Jois knew quite a bit about astrology, too – the name Jois is a South Indian corruption of Jyotish, and astrology was in his family tradition. I say all this to make the simple point that Pattabhi Jois had certain habits from the time he was 14. Why he had these habits is interesting, and though we may not be brahmins, or even Indian, as his students it is good to understand why certain things were done by him, and accept that if he felt them important enough to follow, that they are applicable to us too. But we should not go making a big thing of it and creating all sorts of fantastical ideas!

Below is a funny story to illustrate what happens when we (for example, Ashtanga Yoga students!) do not take the time to investigate simple things in a rational manner: ‘A saintly scholar used to give a class on Bhagavad Gita each evening beneath a tree near a village. He had a pet cat, and this cat would sometimes run through the crowd, making a disturbance. As a result the sage began to tie the cat to the tree during the class. After some time the speaker shuffled off his mortal coil. One of his disciples continued to give the Bhagavad Gita class under the tree, and continued to tie the cat to the tree during the class. After some time the cat passed away, and the disciple bought another cat. After three generations a disciple wrote a paper on the sacred tradition of tying a cat to the tree while giving a class on Bhagavad Gita.’

So, all that being said, I think that out of respect for Pattabhi Jois, his methods and teachings, it is good for his students to follow the moon day observance, if they can. The purpose of following these things, and submitting oneself to a lineage, is to create humility, thoughtfulness and a certain type of discipline in the student. We will (most likely) not go to Hell if we practice on these days; Pattabhi Jois’s daughter, Saraswati (who was the first and only woman to practice yoga with him at the Sanskrit College) used to teach her students Monday thru Friday and take weekends off, and said that on moon days she simply did not teach new poses. Also, she noted that her students did not practice everyday of the week, but for those of us who do, an occasional rest day is good for the body.

Surrendering oneself to a lineage has its own charm and effect on our character, so why should we not try it? I do not believe that all yoga students should refrain from practice on these days – they too should follow the observances of their teachers, and hopefully by aligning our minds with higher principles, we will all find happiness in our practices. On moon days or not!

 

If you enjoyed reading this blogpost, make sure you follow the blog clicking on the ‘Follow me’ button on the right-hand side of this page to receive future updates directly in your inbox. Thank you! 🙂


LA LUNA E LA PRATICA DELL’ASHTANGA YOGA

 

E’ giorno di luna? Riposa!

Se praticate Ashtanga yoga da un po’ di tempo, avrete con molta probabilità sentito del fatto che i giorni di luna piena e di luna nuova sono dedicati al riposo dalla pratica. Questo si applica tendenzialmente a coloro che praticano tutti i giorni lo stile Mysore.

Ma perchè?

Ecco cosa ci dice al riguardo Tim Miller, insegnante senior di ashtanga yoga dell’ashtangayogacenter.com. Questa è anche una delle motivazioni che sentiamo più spesso:

Come tutte le cose di natura acquosa (gli esseri umani sono composti da circa il 70% di acqua), siamo influenzati dalle fasi della luna. Le fasi lunari sono determinate dalla posizione della luna rispetto al sole. La luna piena si verifica quando essi sono in opposizione e la luna nuova quando sono in congiunzione. Entrambi il sole e la luna esercitano una forza gravitazionale sulla terra. Le loro posizioni relative creano esperienze energetiche differenti che possono essere comparate al ciclo del respiro.

L’energia della luna piena corrisponde alla fine dell’inalazione quando la forza del prana è al suo massimo. Questa è una forza espansiva, che si muove verso l’alto e che ci fa sentire energetici ed emozionali, ma non ben radicati. Le Upanishads ci dicono che il prana principale risiede nella testa. Durante la luna piena tendiamo ad essere più caparbi.

L’energia della luna nuova corrisponde alla fine dell’espirazione quando la forza di apana è al suo massimo. Apana è una forza di contrazione, che si muove verso il basso che ci fa sentire calmi e radicati, ma più pesanti e meno inclini alle pratiche fisiche.

(…) Praticando Ashtanga Yoga nel tempo ci rende più in sintonia con i nostri cicli naturali. Riposare nei giorni di luna è un modo per riconoscere ed onorare i ritmi della natura così da vivere più in armonia con essa.

Qui, invece, l’opinione di Eddie Stern – un altro insegnante senior direttore dell’Ashtanga Yoga New York & Broome Street Temple – che ci spiega anche la ragione principale per cui Pattabhi Jois era solito riposare dall’insegnamento nei giorni di amavasya (luna nuova) and purnima (luna piena), il che ci dà una diversa prospettiva… o forse dovrei dire diverse prospettive 🙂

Lettera di Eddie Stern a Barry Silver sui giorni di luna

E’ possibile che lo studente che ti ha chiesto in merito alle proibizioni del praticare yoga nei giorni di luna piena e nuova l’abbia fatto a seguito delle osservanze di Pattabhi Jois. Molto è stato creato circa quest’osservanza, con ogni sorta di idea sul perchè lo facesse e sul significato che la stessa potesse avere. Comunque,

la ragione per cui Pattabhi Jois osservasse questi giorni è molto semplice. Come sai, al Maharaja’s Pathashala (Il Collegio di Sanscrito) le classi venivano sospese ogni mese in occasione dei giorni di luna, nonchè il giorno prima e dopo. Gli studenti continuavano a studiare, ma non c’erano nuovi insegnamenti. Una ragione per questo è che in occasione di amavasya e purnima alcuni rituali dovevano essere celebrati sia dagli insegnanti che dagli studenti, i quali erano tutti bramini

– ad esempio, il pitr tarpana che deve essere celebrato nei giorni di amavasya, ed il rituale del bagno che va celebrato il giorno successivo a quello delle lune – e tutte queste cose richiedono tempo per essere celebrate. In aggiunta, anche se non sono mai riuscito a trovarne il riferimento, Pattabhi Jois era solito dirci – ed ho sentito la stessa cosa dal mio insegnante della Bhagavad Gita a Mysore, il Professore Narayanacharya – che se un insegnante insegna nuovi argomenti in occasione dei giorni di luna, la sua conoscenza diminuirà nel tempo, e se lo fa il giorno prima o dopo, sarà la conoscenza dello studente a declinare. Forse tu sai da dove questa citazione viene? Quando ho parlato con l’astrologo di Pattabhi Jois mentre lo intervistavo per il libro “Guruji”, lo stesso era d’accordo con il concetto di ‘così sopra, come sotto’: nella tradizione Vedica, la nostra mente è come la luna, e si scoglie, svanisce e ritiene informazioni seguendo lo stesso ciclo così come la luna nel cielo esercita una forza gravitazionale sulla terra.

Fin da quando Pattabhi Jois divenne uno studente al Maharaja’s Pathashala, e poi dal momento in cui era Professore di Yoga allo stesso dal 1937 al 1973, prendersi quei giorni di riposo dall’insegnamento era diventata un’abitudine ed un’osservanza per lui. E dal momento che lo stesso considerava lo yoga come una pratica di origine Vedica, e che la conoscenza delle Upanishads dovesse essere compresa attraverso la pratica degli asana e del pranayama, egli attribuì all’insegnamento dello yoga le stesse osservanze che applicava nell’insegnare i Veda.

In aggiunta, era solito dire che nei giorni di luna piena e nuova, c’era una particolare congiunzione delle nakshatras che rendevano maggiore la possibilità di farsi male, e che le lesioni avrebbero impiegato più tempo a guarire. Non sono mai riuscito a verificare ciò attroverso lo jyotish (ndt: sistema tradizionale Hindu di astronomia e astrologia); probabilmente questo è qualcosa che aveva imparato da suo padre, che era un esperto jyotishi.

Pattabhi Jois conosceva anche un po’ di astrologia – il nome Jois è una corruzione del Sud dell’India del termine Jyotish – e l’astrologia era nella tradizione di famiglia. Sto dicendo tutto questo per fare un semplice punto, ovvero che Pattabhi Jois aveva determinate abitudine dall’età dei 14 anni. Perchè avesse tali abitudini è interessante, e sebbene noi non siamo bramini, e nemmeno Indiani, come suoi studenti è bene comprendere perchè alcune cose venissero fatte da lui, e accettare che se lui stesso le ritenesse importanti abbastanza per osservarle, allora che le stesse sono applicabili anche a noi. Ma noi dovremmo evitare di rendere la cosa più grande e creare tutta una sorta di idee romanzesche!

Di seguito una storia divertente per illustrare cosa succede quando noi (per esempio, studenti di Ashtanga Yoga!) non ci prendiamo la briga di investigare cose semplici in un modo razionale: ‘Uno studioso santo era solito dare classi sulla Bhagavad Gita ogni sera sotto un albero vicino ad un villaggio. Aveva un gatto, e questo gatto a volte correva tra la folla disturbando. Come risultato, il saggio cominciò a legare il gatto all’albero durante la classe. Dopo qualche tempo, lo studioso dismise le sue spoglie mortali. Uno dei suoi discepoli continuò a dare le lezioni sulla Bhagavad Gita sotto l’albero, e continuò a legare il gatto all’albero durante la classe. Dopo qualche tempo il gatto morì ed il discepolo ne comprò un altro. Dopo 3 generazioni, un discepolo scrisse un documento sulla tradizione sacra di legare un gatto all’albero mentre si dà una classe sulla Bhagavad Gita.’

Pertanto, detto tutto questo, penso che in segno di rispetto per Pattabhi Jois, i suoi metodi ed i suoi insegnamenti, è buono per i suoi studenti continuare con l’osservanza dei giorni di luna, se possono. Lo scopo di seguire queste cose, e sottomettere sè stessi al lineaggio, è di creare umiltà, considerazione ed un certo tipo di disciplina nello studente. Noi (molto probabilmente) non andremo all’Inferno se pratichiamo in quei giorni; la figlia di Pattabhi Jois, Saraswati (che è stata la prima e sola donna a praticare yoga con lui al Collegio Sanscrito) era solito insegnare ai suoi studenti dal lunedì al venerdì e prendersi i week-end di riposo, e disse che nei giorni di luna si asteneva semplicemente dall’insegnare nuove pose. Allo stesso modo, lei fece notare che i suoi studenti non praticavano tutti i giorni della settimana, ma per coloro come noi che lo fanno, un giorno di riposo occasionale è ottimo per il corpo.

Arrendere sè stessi ad un lineaggio ha il suo proprio fascino ed effetto sul nostro carattere, allora perchè non dovremmo provarci? Io non credo che tutti gli studenti di yoga debbano astenersi dalla pratica in quei giorni – anch’essi dovrebbero seguire le osservanze dei loro maestri, e nella speranza che allineando le nostre menti a dei principi più elevati, noi tutti troveremo felicità nelle nostre pratiche. Nei giorni di luna e non!

 

Se questo articolo ti è piaciuto, segui il blog cliccando sul tasto ‘follow me’ in alto a destra per ricevere tutti i prossimi aggiornamenti direttamente nella tua mail. Grazie! 🙂

Posted in Ashtanga Yoga | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , | 2 Comments

YOGA IS IN THE AIR – WORKSHOPS PRIMAVERA 2015

– Scorrere giù per la versione in italiano –

yoga-workshop-primavera-2015-milano-ashtanga-yoga-italia-Rosa-Tagliafierro

 

Spring is coming, unroll your yoga mat! 3 new opportunities to deepen your practice with Virginia Tucci and Rosa Tagliafierro in Milan:

April 11 –> Jump through and back: Jumping forward and back in the vinyasa

May 23 –> Yoga on hands: Arm balances

June 27 –> Unfold your lotus: Hip openers to allow your lotus to flower


Where?

Pilates Shanti – Piazza dei Daini, 3 – Milan (Italy)

When?

10h to 12h + optional 30′

Every session includes a bonus of 30 minutes with FREE attendance:

April 11 –> Meditation

May 23 –> Pranayama / breathing exercises

June 27 –> Yoga Nidra


Single event: 30 euros

Package of 3 events: 75 euros

All levels welcome!

 

For info or to book your spot,  contact me!

Rosa    +39 342 7468210    rosa.tagliafierro@gmail.com

or


 

YOGA IS IN THE AIR!

Ritorna la primavera, ritornano a Milano i workshop di yoga con Rosa Tagliafierro e Virginia Tucci!! Ecco i nuovi appuntamenti:

11 Aprile –> Jump through and back: I salti avanti e indietro nel vinyasa

23 Maggio –> Yoga on hands: Posture di equilibrio sulle mani

27 Giugno –> Unfold your lotus: Apriamo le anche per far fiorire il loto


Dove?

Pilates Shanti – Piazza dei Daini, 3 – Milano

A che ora?

10h to 12h + 30′ opzionali

Ogni sessione include un BONUS di 30 minuti opzionali e GRATUITI. I temi trattati saranno i seguenti:

11 Aprile –> Meditazione

23 Maggio –> Pranayama / esercizi di respirazione

27 Giugno –> Yoga Nidra


Evento singolo: 30 euro

Pacchetto di 3 eventi: 75 euro

Aperto a tutti i livelli!

 

Per maggiori informazioni e iscrizioni, contattatemi!

Rosa    +39 342 7468210    rosa.tagliafierro@gmail.com

o

Posted in Ashtanga Yoga, Events | Tagged , , , , , , , , , , | Leave a comment

IS YOGA FOR MEN?

– Scorrere giù per la versione in italiano –

yoga-per-uomini-e-donne-ashtanga-yoga-italia-milano-rosa-tagliafierroIf you think yoga, you think what?

 

Most likely an image like this one comes up on your mind… as it comes up on Google search 🙂

Over the last a few weeks, I’ve got some comments from new students that goes like that:

“Is yoga for men as well? You know, my boyfriend would like to try but didn’t dare to come. So, he sent me to have a look around first” – a female student on her first class.

“I felt so much better today that my friend wasn’t there. I was so embarrassed last time practicing next to him” – a male student on his second class.

yoga-per-uomini-e-donne-ashtanga-yoga-italia-milano-rosa-tagliafierroYep, it seems many men are ashamed of trying yoga just because they think it’s a ‘women’s thing’.

Though, you know what’s the image that comes to my mind when I think of a yogi? Well, it’s more something like this.

For some reason, since yoga spread in the West, women have been more receptive to it and the offer has more and more ‘targeted’ them. The result? What is a by-product of the yoga practice – release stress, increase calmness – has in some way become the main reason to attend a yoga class. Don’t get me wrong, nothing against it. But let’s be clear: yoga is a lot more than just let go of tensions and it includes strong practices which in the West are simply left out.

So, this is a common image of a common yoga class today

yoga-per-uomini-e-donne-ashtanga-yoga-italia-milano-rosa-tagliafierro

while this is what used to be less than 100 years ago:

yoga-per-uomini-e-donne-ashtanga-yoga-italia-milano-rosa-tagliafierro

So, men don’t be afraid of practicing yoga, your virility is not at risk. You’re looking for some models? Here a few ones:

And by the way, if you need some extra reasons to embrace yoga, check this out 😉

10-things-about-male-yogis-that-make-them-extra-attractive

 

If you enjoyed reading this blogpost, make sure you follow the blog clicking on the ‘Follow me’ button on the right-hand side of this page to receive future updates directly in your inbox!

 

 

LO YOGA E’ PER UOMINI?

 

yoga-per-uomini-e-donne-ashtanga-yoga-italia-milano-rosa-tagliafierroSe pensi allo yoga, a cosa pensi?

Probabilmente ad un’immagine come quella di sinistra… così come Google 🙂

Nelle ultime settimane, alcuni commenti di nuovi studenti mi hanno fatto riflettere. Andavano così:

“Ma lo yoga è anche per uomini? Sai, il mio ragazzo vorrebbe provare ma non ha osato venire. Mi ha mandato in avanscoperta per capire come funziona” – una ragazza alla sua prima lezione.

“Mi sono sentito così meglio oggi che il mio amico non c’era. Ero così imbarazzato la volta scorsa che praticavo vicino a lui, mi vergognavo” – un ragazzo alla sua seconda lezione.

yoga-per-uomini-e-donne-ashtanga-yoga-italia-milano-rosa-tagliafierroA quanto pare si, gli uomini si vergognano di provare lo yoga perchè lo credono ‘una cosa da donne’. Ma sai cosa viene in mente a me quando penso ad un praticante di yoga? Beh, diciamo che è più simile a questo 🙂

Per qualche ragione, da quando lo yoga ha cominciato a diffondersi in Occidente, le donne sono state più recettive e l’offerta le ha prese di mira sempre di più. Il risultato? Ciò che si tratta di un, permettetemi il termine, effetto collaterale dello yoga – rilasciare lo stress, aumentare la calma – è oggi visto come lo scopo principale per frequentare una classe di yoga. Non fraintendetemi, nulla contro di esso. Ma siamo onesti: lo yoga è molto di più che lasciar andare le tensioni ed include pratiche anche forti che in Occidente sono tendenzialmente lasciate da parte.

Quindi, ecco una comune immagine di una classe di yoga oggigiorno:

yoga-per-uomini-e-donne-ashtanga-yoga-italia-milano-rosa-tagliafierro

ed ecco come appariva meno di 100 anni fa:

yoga-per-uomini-e-donne-ashtanga-yoga-italia-milano-rosa-tagliafierro

Uomini, non abbiate paura dello yoga, la vostra virilità non è a rischio! Eccovi alcuni modelli:

E a proposito, se avete bisogno di alcune ragioni aggiuntive per abbracciare la pratica dello yoga, controllate questo link 😉

10-things-about-male-yogis-that-make-them-extra-attractive

 

Se questo articolo ti è piaciuto, segui il blog cliccando sul tasto ‘follow me’ in alto a destra per ricevere tutti i prossimi aggiornamenti direttamente nella tua mail!

Posted in Ashtanga Yoga | Tagged , , , , , , , | Leave a comment

3 SECRETS TO ‘UNLOCK YOUR POTENTIAL’

– Scorrere giù per la versione in italiano –

15-02-Ross-Rayburn-Andrea-Boni-unlock-your-potential-theprimerose-photography-by-Rosa-Tagliafierro-ashtanga-yoga-italia

Last week-end was a busy one hosting the advanced intensive ‘Unlock your potential’ 1st week-end with Ross Rayburn and Andrea Boni together with Virginia Tucci of Pilates Shanti. While thanking all of you who joined and made it possible, here the 3 main teachings I personally take home and on which to work while waiting for the 2nd part in June:

1. Practice with devotion while keeping it fun

2. Create space within yourself and honour that space

3. Practice what you are afraid of… over and over again

And below a gallery of moments stolen over the 3 days 😉

 

3 SEGRETI PER LIBERARE IL TUO POTENZIALE

 

Il week-end scorso è stato bello impegnato ospitando la prima parte dell’intensivo per studenti dedicati ‘Libera il tuo potenziale’ con Ross Rayburn e Andrea Boni insieme a Virginia Tucci del Pilates Shanti. Ringraziando tutti voi che avete partecipato rendendo l’evento possibile, qui i 3 principali insegnamenti che personalmente porto a casa e su cui lavorare in attesa del prossimo incontro a giugno:

1. Pratica con devozione ma non dimenticare di divertirti

2. Crea spazio al tuo interno ed onora quello spazio

3. Pratica ciò che ti fa paura… ripetutamente

E qui alcune immagini ‘rubate’ nel corso del week-end 😉

 

 

 

Posted in Ashtanga Yoga, Events | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 1 Comment