IS THERE THE PERFECT YOGA POSE?

– scorrere giù per la versione in italiano –

Kino-MacGregor-theprimerose-photography-by-Rosa-Tagliafierro-Ashtanga-Yoga-Italia-Milano… The “perfect” pose is the one YOU are doing that moment, not the way you see David Swenson or Kino doing it. I think we all would love to be able to do the poses like they can. But the reality is, in the moment, for most of us, that isn’t happening. And that has to be okay for yoga to happen.

The perfect pose is without bad pain and without stress… only breath. The correct method is finding that in our own practice, and our role as “teacher” is to help others to find it. Once one finds it then how quickly or slowly we learn primary and intermediate will have little relevance. Keep practising, always coming back to the breath… and enjoy. …

– Nancy Gilgoff

 

After reading this from Nancy Gilgoff – which was out on Ashtanga Brighton’s blog last week – I’ve been thinking a lot about perfection in asana. Does it exist and if so, what is it?

In all that musings of mine, Patanjali comes to rescue… and he just need 3 words!!

 

2.46 Sthira sukham asanam

After having defined Yoga as the mastery of the thought patterns of the mind (1.2) so that the realization of the Self can take place (1.3), in the second chapter of the Yoga Sutras Patanjali gives the 2 requirements that the asana (which literally means sitting posture) needs to allow the meditation process, essential to calm the mind and realize the Self:

a. sthira = steady, stable, motionless

b. sukham = comfortable, easy

So, the posture is perfected when can be maintained steadily and easily over a certain – quite long – amount of time, which in some yogic texts is reported up to 3h or more…

To keep the posture stable and motionless, at the beginning we all tend to add a good dose of tension in the body, which brings us away from the easiness in the pose. With the following sutra, Patanjali gives us indications on how to approch sthira – sukham:

 

2.47 Prayatna shaithilyananta samapattibhyam

 which means ‘By relaxation of effort and allowing meditation on the Endlessness (Infinite)‘. So, to acquire mastery of the pose, 2 are the means suggested by Patanjali:

a. Prayatna shaithilya = gradual release of the effort

b. Ananta samapattibhyam = meditation on infinity

In our lives, we are the doers: we need to do something in order to see something else happening. And this is the same approach we bring to our yoga practice. We do poses, but for meditation to happen we also need not to do. Ok ok, most likely I’ve lost you 🙂

Sharath always says that we can’t do yoga, we can only create the conditions for yoga to happen. So, we definitely need to actively assume a yoga pose, but then we need to learn how to let go of the effort so that the posture settles in and the meditation can happen. And here the breath assumes an eminent role.

But why to perfect a pose? What is the main result of attaining perfection in the practice?

 

2.48 Tatah dvandva anabhighatah

From that (mastery of the posture) arises freedom from suffering due to pairs of opposites (such as cold/heat; pain/pleasure; …). Ops, sorry, so that is not to get on Instagram or YouTube?? 🙂

And by the way, if you’re wondering how long should you practice a posture to attain mastery, here a quote from Sharath Jois:

“My grandfather always used to say one asana should be done one thousand times to perfect that”

According to my personal experience, sometimes even more than that! 🙂 Keep practicing!

 

If you enjoyed reading this blogpost, make sure you follow the blog clicking on the ‘Follow me’ button on the right-hand side of this page to receive future updates directly in your inbox. Thank you! 🙂

 

If you wish to read more of Nancy Gilgoff’s article, click here.

 


 

ESISTE LA POSIZIONE PERFETTA NELLO YOGA?

 

… La posizione ‘perfetta’ è quella che TU stai facendo in quel momento, non il modo in cui vedi David Swenson o Kino farla. Penso che noi tutti vorremmo essere capaci di fare le posizioni come le fanno loro. Ma la realtà è che, in questo momento, per molti di noi, questo non è il caso. E ciò deve essere ok perchè lo yoga possa succedere.

La posizione perfetta è senza dolore e senza stress… solo respiro. Il metodo corretto è trovare ciò nella nostra pratica, ed il nostro ruolo come ‘insegnanti’ è di aiutare gli altri a trovarlo. Quando uno l’ha trovato, quanto velocemente o lentamente progredisce nella prima o seconda serie ha poco importanza. Continua a praticare, ogni volta ritornando al respiro… e gustatelo…

– Nancy Gilgoff

 

Dopo aver letto quanto scritto da Nancy Gilgoff sul blog di Ashtanga Brighton la settimana scorsa, ho pensato molto sulla perfezione negli asana. Innanzitutto, esiste? e se esiste, che cos’è?

Nel rimuginare su tutto questo, Patanjali è arrivato in soccorso… e lui ha solo bisogno di 3 parole!!

 

2.46 Sthira sukham asanam

Dopo aver definito lo Yoga come il controllo, la padronanza delle fluttuazioni della mente (1.2) affinchè la realizzazione del Sè possa aver luogo (1.3), nel secondo capitolo degli Yoga Sutra Patanjali dà i 2 requisiti che un asana (parola sanscrita che letteralmente significa posizione seduta)  deve avere per consentire il processo della meditazione, essenziale a calmare la mente e realizzare il Sè:

a. sthira = stabile, saldo, fermo (priva di movimenti)

b. sukham = confortevole, facile

Quindi, la postura è perfetta quando può essere mantenuta stabilmente e confortevolmente per un certo – piuttosto lungo – periodo di tempo, che in alcuni testi yogici viene detto di 3 ore o più.

Per mantenere la postura stabile e senza muoversi, all’inizio tendiamo tutti ad aggiungere una buona dose di tensione nel corpo, e ciò non fa altro che portarci all’opposto della facilità nella posizione. Con il sutra seguente, Patanjali ci dà indicazioni su come approcciare sthira – sukham:

2.47 Prayatna shaithilyananta samapattibhyam

che significa ‘Rilassando lo sforzo e permettendo che avvenga la meditazione sull’Infinito’.  Pertanto, per acquisire la padronanza di una posizione, 2 sono i mezzi suggeriti da Patanjali:

a. Prayatna shaithilya = rilascio graduale dello sforzo

b. Ananta samapattibhyam = meditazione sull’Infinito

Nelle nostre vite, noi siamo abituati a fare: intraprendiamo azioni affinchè qualcos’altro avvenga.  E questo è lo stesso approccio che portiamo nella nostra pratica di yoga. Noi facciamo le posizioni, ma perchè la meditazione possa avvenire noi abbiamo anche bisogno di non fare.

Sharath dice sempre che noi non possiamo fare yoga, possiamo solo creare le condizioni affinchè lo stesso avvenga. Pertanto, è vero che dobbiamo attivamente assumere una posizione di yoga, ma abbiamo anche bisogno di imparare a lasciar andare lo sforzo di modo che la postura si stabilizzi e la meditazione possa avvenire. E qui il respiro assume un ruolo da protagonista.

Ma perchè perfezionare una posizione di yoga? Qual è lo scopo principale che vogliamo ottenere con il perfezionamento della pratica?

 

2.48 Tatah dvandva anabhighatah

Da ciò (la padronanza della postura) nasce la libertà dalla sofferenza creata dalle coppie di opposti (ad es. caldo/freddo, dolore/piacere,…). Ops, scusa, quindi lo scopo non è finire su Instagram o YouTube?? 🙂

E a proposito, se ti stai chiedendo quanto a lungo praticare una postura per acquisirne la padronanza, questa una citazione di Sharat Jois:

“Mio nonno diceva sempre che un asana dovrebbe essere fatta mille volte per perfezionarla”

E secondo la mia esperienza, spesso anche di più! 🙂 Continua a praticare!

 

Se questo articolo ti è piaciuto, segui il blog cliccando sul tasto ‘follow me’ in alto a destra per ricevere tutti i prossimi aggiornamenti direttamente nella tua mail. Grazie! 🙂

 

Se vuoi leggere l’intero articolo di Nancy Gilgoff, clicca qui.

Advertisements
This entry was posted in Ashtanga Yoga and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

One Response to IS THERE THE PERFECT YOGA POSE?

  1. Pingback: HOW TO MEASURE YOUR PROGRESS IN YOGA? | Ashtanga Yoga Italia

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s