THE MOON AND THE ASHTANGA YOGA PRACTICE

– scorrere giù per la versione in italiano –

moon-and-ashtanga-yoga-italia-milano-luna-rosa-tagliafierroIt’s moon day? Take a rest!

If you’ve been practicing Ashtanga yoga for a while, you’ve definitely heard to take rest from practice on full moon and new moon days. This usually applies to practitioners on a daily Mysore style practice.

But why?

Here what Ashtanga yoga senior  teacher Tim Miller of ashtangayogacenter.com says about it and what we hear more often:

Like all things of a watery nature (human beings are about 70% water), we are affected by the phases of the moon. The phases of the moon are determined by the moon’s relative position to the sun. Full moons occur when they are in opposition and new moons when they are in conjunction. Both sun and moon exert a gravitational pull on the earth. Their relative positions create different energetic experiences that can be compared to the breath cycle.

The full moon energy corresponds to the end of inhalation when the force of prana is greatest. This is an expansive, upward moving force that makes us feel energetic and emotional, but not well grounded. The Upanishads state that the main prana lives in the head. During the full moon we tend to be more headstrong.

The new moon energy corresponds to the end of exhalation when the force of apana is greatest. Apana is a contracting, downward moving force that makes us feel calm and grounded, but dense and disinclined towards physical exertion.

(…) Practicing Ashtanga Yoga over time makes us more attuned to natural cycles. Observing moon days is one way to recognize and honor the rhythms of nature so we can live in greater harmony with it.

Here, instead, Eddie Stern’s view about the main reason behind Pattabhi Jois’s taking rest from teaching on amavasya (new moon) and purnima (full moon) days, which gives a different perspective, or I should say, different perspectives. And in case you don’t know Eddie Stern yet, he is one other senior teacher and the director of Ashtanga Yoga New York & Broome Street Temple.

Eddie Stern’s letter to Barry Silver about moon days

It is possible that the student who asked you about any prohibition of practicing yoga on the full or new moon days was doing so because of the observances of Pattabhi Jois. Much has been made of this observance, with all sorts of ideas about why he does this, and what significance it may have. However,

the reason for Pattabhi Jois’s observance of these days is quite simple. As you know, the Maharaja’s Pathashala (Sankrit College) was closed each month for classes on the moon days, and the day before and after. Studies were continued by the students, but no new lessons taught. One reason for this was that on amavasya and purnima, certain rituals had to be performed by the teachers and students alike, who are all brahmins

– for example, the pitr tarpana which needs to be performed on amavasya, and the ritual bathing the day after the moons – all these things take time to be performed. As well, though I have never been able to find the reference, Pattabhi Jois used to quote to us – and I also heard this from my Bhagavad Gita teacher in Mysore, Professor Narayanacharya, – that if a teacher teaches new subjects on the moon days, his knowledge will decline, and on the day before or after, the knowledge of the student will decline. Perhaps you might know where this reference comes from? When I spoke to Pattabhi Jois’s astrologer while interviewing him for the “Guruji” book, he concurred with the idea that it has something to do with the idea of ‘as above, so below’: in the Vedic tradition our mind is the like the moon, and waxes, wanes, and retains information following the same cycle as the moon in the sky exerts a gravitational pull on the earth.

Since Pattabhi Jois was a student at the Maharaja’s Pathashala, and was the Professor of Yoga at the college from 1937 to 1973, taking those days off from teaching became a habit and observance for him. Since he held the view that yoga was a practice of Vedic origin, and that the knowledge of the Upanishads was to be accessed through the doorway of asanas and pranayama, he ascribed the same observances to teaching yoga as he did to teaching Veda.

He further used to say that on the full and new moon days, there was a particular conjunction of nakshatras that made it easier to get injured, and that the injury would take longer to heal. I have never been able to verify this through jyotish; perhaps this is something that he learned from his father, who was an accomplished jyotishi.

Pattabhi Jois knew quite a bit about astrology, too – the name Jois is a South Indian corruption of Jyotish, and astrology was in his family tradition. I say all this to make the simple point that Pattabhi Jois had certain habits from the time he was 14. Why he had these habits is interesting, and though we may not be brahmins, or even Indian, as his students it is good to understand why certain things were done by him, and accept that if he felt them important enough to follow, that they are applicable to us too. But we should not go making a big thing of it and creating all sorts of fantastical ideas!

Below is a funny story to illustrate what happens when we (for example, Ashtanga Yoga students!) do not take the time to investigate simple things in a rational manner: ‘A saintly scholar used to give a class on Bhagavad Gita each evening beneath a tree near a village. He had a pet cat, and this cat would sometimes run through the crowd, making a disturbance. As a result the sage began to tie the cat to the tree during the class. After some time the speaker shuffled off his mortal coil. One of his disciples continued to give the Bhagavad Gita class under the tree, and continued to tie the cat to the tree during the class. After some time the cat passed away, and the disciple bought another cat. After three generations a disciple wrote a paper on the sacred tradition of tying a cat to the tree while giving a class on Bhagavad Gita.’

So, all that being said, I think that out of respect for Pattabhi Jois, his methods and teachings, it is good for his students to follow the moon day observance, if they can. The purpose of following these things, and submitting oneself to a lineage, is to create humility, thoughtfulness and a certain type of discipline in the student. We will (most likely) not go to Hell if we practice on these days; Pattabhi Jois’s daughter, Saraswati (who was the first and only woman to practice yoga with him at the Sanskrit College) used to teach her students Monday thru Friday and take weekends off, and said that on moon days she simply did not teach new poses. Also, she noted that her students did not practice everyday of the week, but for those of us who do, an occasional rest day is good for the body.

Surrendering oneself to a lineage has its own charm and effect on our character, so why should we not try it? I do not believe that all yoga students should refrain from practice on these days – they too should follow the observances of their teachers, and hopefully by aligning our minds with higher principles, we will all find happiness in our practices. On moon days or not!

 

If you enjoyed reading this blogpost, make sure you follow the blog clicking on the ‘Follow me’ button on the right-hand side of this page to receive future updates directly in your inbox. Thank you! 🙂


LA LUNA E LA PRATICA DELL’ASHTANGA YOGA

 

E’ giorno di luna? Riposa!

Se praticate Ashtanga yoga da un po’ di tempo, avrete con molta probabilità sentito del fatto che i giorni di luna piena e di luna nuova sono dedicati al riposo dalla pratica. Questo si applica tendenzialmente a coloro che praticano tutti i giorni lo stile Mysore.

Ma perchè?

Ecco cosa ci dice al riguardo Tim Miller, insegnante senior di ashtanga yoga dell’ashtangayogacenter.com. Questa è anche una delle motivazioni che sentiamo più spesso:

Come tutte le cose di natura acquosa (gli esseri umani sono composti da circa il 70% di acqua), siamo influenzati dalle fasi della luna. Le fasi lunari sono determinate dalla posizione della luna rispetto al sole. La luna piena si verifica quando essi sono in opposizione e la luna nuova quando sono in congiunzione. Entrambi il sole e la luna esercitano una forza gravitazionale sulla terra. Le loro posizioni relative creano esperienze energetiche differenti che possono essere comparate al ciclo del respiro.

L’energia della luna piena corrisponde alla fine dell’inalazione quando la forza del prana è al suo massimo. Questa è una forza espansiva, che si muove verso l’alto e che ci fa sentire energetici ed emozionali, ma non ben radicati. Le Upanishads ci dicono che il prana principale risiede nella testa. Durante la luna piena tendiamo ad essere più caparbi.

L’energia della luna nuova corrisponde alla fine dell’espirazione quando la forza di apana è al suo massimo. Apana è una forza di contrazione, che si muove verso il basso che ci fa sentire calmi e radicati, ma più pesanti e meno inclini alle pratiche fisiche.

(…) Praticando Ashtanga Yoga nel tempo ci rende più in sintonia con i nostri cicli naturali. Riposare nei giorni di luna è un modo per riconoscere ed onorare i ritmi della natura così da vivere più in armonia con essa.

Qui, invece, l’opinione di Eddie Stern – un altro insegnante senior direttore dell’Ashtanga Yoga New York & Broome Street Temple – che ci spiega anche la ragione principale per cui Pattabhi Jois era solito riposare dall’insegnamento nei giorni di amavasya (luna nuova) and purnima (luna piena), il che ci dà una diversa prospettiva… o forse dovrei dire diverse prospettive 🙂

Lettera di Eddie Stern a Barry Silver sui giorni di luna

E’ possibile che lo studente che ti ha chiesto in merito alle proibizioni del praticare yoga nei giorni di luna piena e nuova l’abbia fatto a seguito delle osservanze di Pattabhi Jois. Molto è stato creato circa quest’osservanza, con ogni sorta di idea sul perchè lo facesse e sul significato che la stessa potesse avere. Comunque,

la ragione per cui Pattabhi Jois osservasse questi giorni è molto semplice. Come sai, al Maharaja’s Pathashala (Il Collegio di Sanscrito) le classi venivano sospese ogni mese in occasione dei giorni di luna, nonchè il giorno prima e dopo. Gli studenti continuavano a studiare, ma non c’erano nuovi insegnamenti. Una ragione per questo è che in occasione di amavasya e purnima alcuni rituali dovevano essere celebrati sia dagli insegnanti che dagli studenti, i quali erano tutti bramini

– ad esempio, il pitr tarpana che deve essere celebrato nei giorni di amavasya, ed il rituale del bagno che va celebrato il giorno successivo a quello delle lune – e tutte queste cose richiedono tempo per essere celebrate. In aggiunta, anche se non sono mai riuscito a trovarne il riferimento, Pattabhi Jois era solito dirci – ed ho sentito la stessa cosa dal mio insegnante della Bhagavad Gita a Mysore, il Professore Narayanacharya – che se un insegnante insegna nuovi argomenti in occasione dei giorni di luna, la sua conoscenza diminuirà nel tempo, e se lo fa il giorno prima o dopo, sarà la conoscenza dello studente a declinare. Forse tu sai da dove questa citazione viene? Quando ho parlato con l’astrologo di Pattabhi Jois mentre lo intervistavo per il libro “Guruji”, lo stesso era d’accordo con il concetto di ‘così sopra, come sotto’: nella tradizione Vedica, la nostra mente è come la luna, e si scoglie, svanisce e ritiene informazioni seguendo lo stesso ciclo così come la luna nel cielo esercita una forza gravitazionale sulla terra.

Fin da quando Pattabhi Jois divenne uno studente al Maharaja’s Pathashala, e poi dal momento in cui era Professore di Yoga allo stesso dal 1937 al 1973, prendersi quei giorni di riposo dall’insegnamento era diventata un’abitudine ed un’osservanza per lui. E dal momento che lo stesso considerava lo yoga come una pratica di origine Vedica, e che la conoscenza delle Upanishads dovesse essere compresa attraverso la pratica degli asana e del pranayama, egli attribuì all’insegnamento dello yoga le stesse osservanze che applicava nell’insegnare i Veda.

In aggiunta, era solito dire che nei giorni di luna piena e nuova, c’era una particolare congiunzione delle nakshatras che rendevano maggiore la possibilità di farsi male, e che le lesioni avrebbero impiegato più tempo a guarire. Non sono mai riuscito a verificare ciò attroverso lo jyotish (ndt: sistema tradizionale Hindu di astronomia e astrologia); probabilmente questo è qualcosa che aveva imparato da suo padre, che era un esperto jyotishi.

Pattabhi Jois conosceva anche un po’ di astrologia – il nome Jois è una corruzione del Sud dell’India del termine Jyotish – e l’astrologia era nella tradizione di famiglia. Sto dicendo tutto questo per fare un semplice punto, ovvero che Pattabhi Jois aveva determinate abitudine dall’età dei 14 anni. Perchè avesse tali abitudini è interessante, e sebbene noi non siamo bramini, e nemmeno Indiani, come suoi studenti è bene comprendere perchè alcune cose venissero fatte da lui, e accettare che se lui stesso le ritenesse importanti abbastanza per osservarle, allora che le stesse sono applicabili anche a noi. Ma noi dovremmo evitare di rendere la cosa più grande e creare tutta una sorta di idee romanzesche!

Di seguito una storia divertente per illustrare cosa succede quando noi (per esempio, studenti di Ashtanga Yoga!) non ci prendiamo la briga di investigare cose semplici in un modo razionale: ‘Uno studioso santo era solito dare classi sulla Bhagavad Gita ogni sera sotto un albero vicino ad un villaggio. Aveva un gatto, e questo gatto a volte correva tra la folla disturbando. Come risultato, il saggio cominciò a legare il gatto all’albero durante la classe. Dopo qualche tempo, lo studioso dismise le sue spoglie mortali. Uno dei suoi discepoli continuò a dare le lezioni sulla Bhagavad Gita sotto l’albero, e continuò a legare il gatto all’albero durante la classe. Dopo qualche tempo il gatto morì ed il discepolo ne comprò un altro. Dopo 3 generazioni, un discepolo scrisse un documento sulla tradizione sacra di legare un gatto all’albero mentre si dà una classe sulla Bhagavad Gita.’

Pertanto, detto tutto questo, penso che in segno di rispetto per Pattabhi Jois, i suoi metodi ed i suoi insegnamenti, è buono per i suoi studenti continuare con l’osservanza dei giorni di luna, se possono. Lo scopo di seguire queste cose, e sottomettere sè stessi al lineaggio, è di creare umiltà, considerazione ed un certo tipo di disciplina nello studente. Noi (molto probabilmente) non andremo all’Inferno se pratichiamo in quei giorni; la figlia di Pattabhi Jois, Saraswati (che è stata la prima e sola donna a praticare yoga con lui al Collegio Sanscrito) era solito insegnare ai suoi studenti dal lunedì al venerdì e prendersi i week-end di riposo, e disse che nei giorni di luna si asteneva semplicemente dall’insegnare nuove pose. Allo stesso modo, lei fece notare che i suoi studenti non praticavano tutti i giorni della settimana, ma per coloro come noi che lo fanno, un giorno di riposo occasionale è ottimo per il corpo.

Arrendere sè stessi ad un lineaggio ha il suo proprio fascino ed effetto sul nostro carattere, allora perchè non dovremmo provarci? Io non credo che tutti gli studenti di yoga debbano astenersi dalla pratica in quei giorni – anch’essi dovrebbero seguire le osservanze dei loro maestri, e nella speranza che allineando le nostre menti a dei principi più elevati, noi tutti troveremo felicità nelle nostre pratiche. Nei giorni di luna e non!

 

Se questo articolo ti è piaciuto, segui il blog cliccando sul tasto ‘follow me’ in alto a destra per ricevere tutti i prossimi aggiornamenti direttamente nella tua mail. Grazie! 🙂

Advertisements
This entry was posted in Ashtanga Yoga and tagged , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

2 Responses to THE MOON AND THE ASHTANGA YOGA PRACTICE

  1. simona says:

    sempre ottime letture, grazie Rosa, per il tuo tempo e la tua dedizione alla pratica. Om

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s