TAKEAWAYS… FROM ASHTANGA YOGA WORKSHOP WITH DAVID SWENSON

– scorrere giù per la versione in italiano –

rosa-tagliafierro-ashtanga-yoga-milano-italia-con-David-Swenson-and-Shelley-Washington

Intense!

This is the way I would describe my 8 days workshop with David Swenson and Shelley Washington here in Milan, Italy. Though it was over last Friday, I can’t stop musing on their teachings… you know, those words, sentences, stories that comes back to you over and over while driving your car, brushing your teeth, washing the dishes… brief, most of the time you’re on your own.

Hence, I decided to share with you some of those sentences, stories, words which keep coming back. These are some of my personal takeaway messages (the way I jotted down on my block-note):

Ashtanga Money

Asanas are the ashtanga money. It’s like having a Volkswagen and desiring a Mercedes. When you get the Mercedes than you want a Ferrari. But you still are stuck in traffic. But there is a time, if you manage to practice constantly for a long period, when you wish you could give asanas to charity 🙂

Asanas and family

Asanas are like members of our family: some of them we might not like very much but still they are part of the family. So, if a yoga posture is too difficult or you have any pain or injuries, do not skip a posture, bring in a modification. In many cases, just stepping back a little in the posture will make it more accessible.

What if you can’t bind in Marychasana?

Student: I can’t bind in twists (Marychasana B & D), hence it’s been years I’ve been stopped in navasana by my teacher. Though I’ve learned to accept it to some extent, can’t help feeling frustrated from time to time.

David: Marychasana is a twist which doesn’t have in it’s name Baddha (bound). As such, what matters is the twist, not catching hands. I personally believe there are postures after Marychasana that can really help you in progressing with Marychasana. I would personally give you an alternative and let you go on… Remember that when you go to a teacher, you’re paying him/her for his/her advice and it’s always an option to change teacher. I believe in Ashtanga, because of the way it’s designed, at a certain point you don’t need the teacher any longer. If you can develop a home practice, you get a lot of freedom.

Shelley: Yoga is a journey and there is nothing wrong in staying with a pose for a long time. When at a certain point that posture unlocks, a lot more will come more easily. On my first trip to Mysore, I went straight up to kapotasana. Before getting a new posture, I stayed in kapotasana for 5 years.

Rigidity and stability

Rigidity also means stability. Some people have very flexible joints. Stiff people, nonetheless, have more strength and stability. Richard Freeman says that stiff people are blessed, because the more you are flexible, the more you need to do yoga. Often, very flexible students look annoyed in class though the stiff ones never get bored 🙂

Attitude

If you can’t change the situation, you change your attitude. When you are in a difficult asana, don’t go to the point of pain, focus on your breath and relax your face.

The 8 limbs of Patanjali’s ashtanga yoga in ashtanga as thought by Pattabhi Jois.

Many people come to yoga only for exercise, but than it messes up everything. Things there were fun are no longer, our perception of the world starts to change (going out, drinking, etc). This is yama and niyama starting happening. As to asana and pranayama, those are easily seen. Pratyahara (withdrawal of the senses) starts happening with the practice of drishti (point of gaze). Dharana (concentration) is developed by being present. The practice teaches us to stay in the present moment. Dhyana (meditation) involves focusing on one thing: listen to your breath, drishti, etc… And meditation is not only sitting, in ashtanga it is in motion. And Samadhi is that place where the mind is no longer disturbing.

So, all 8 limbs are there in our practice. Pattabhi Jois used to say this is Patanjali’s yoga, ashtanga yoga. It all depends on how you do it. Just the fact that somebody is chanting, it doesn’t mean he is doing something spiritual. People can chant to feed their ego. Yoga is just a tool.

Body as a tool

The tool of a yogi is the body, so to experience the world that cannot be seen. In yoga we need to experience by ourselves. That’s why Pattabhi Jois used to use ‘Practice’, because through the practice we gain the experience.

Bandhas

Bandhas don’t mean strong abs. Bandhas are inside, it’s not about muscles. Pattabhi Jois would say ‘Lift your anus’, never said ‘strong abs’.

Practice and pregnancy

I don’t like men giving advice to women about their bodies. I can only tell from research coming from female students and practitioners: there is a wide range of possibilities. I know female students who had a strong practice before getting pregnant and kept doing it with modifications. Other women chose not to practice or to do just a little. Often, they don’t practice over the first 3 months. Others keep practicing with no headstand or backbends. In conclusion, every woman has a different experience and for the same woman, different pregnancies can be very different.

Get advice from more than one source and don’t completely forget Western medicine. And then make the choice that works for you. Listen attentively to how you feel with the practice: if it’s ok, keep doing it; else, stop immediately. And don’t be sad if you can’t practice for a while, yoga has been around for thousand years.

Yoga and sports

You can stop whatever else to help with yoga or you can do yoga to help with whatever else. Choose what makes you happier in life.

“Do your practice, all is coming”

Student: Any practical advice on how to keep calm in every day life, office, etc?

David: Guruji would say “Do your practice, all is coming”. Everybody listening to that thinks of beautiful things to come. But he never said “butterflies are coming” or “wonderful things are coming”. My own interpretation is “Better you do your practice, because all is coming”. Like in Star Wars, with the practice we build a shield of prana which helps when problems are coming, so they have a reduced impact on us. But under attack the force field starts weakening, hence we need to practice to build that strength again.

The way we approach postures we don’t like is a training for our lives. If we can keep calm, we can bring that same response in difficult times in our life. When something comes that we don’t like, let’s take a moment and starts breathing deeply. There will be days when this won’t work and you will get angry anyway. Only because we do yoga doesn’t mean we won’t have difficult times. Let’s just try to be aware of the way we react. Pattabhi Jois used to say “Yoga is not easy”, I say “It’s not easy but very powerful”.

Quotes:

If you don’t enjoy practice, something has to be changed. Practice is supposed to make us feel good.

Activate where necessary, relax where possible.

Yoga is not about learning tricks to do things.

 

Want to read more from David? Don’t miss this article: WHEN DO YOU KNOW YOU ARE DOING YOGA? A VIEW BY DAVID SWENSON

 

Don’t miss further articles on this blog: click the ‘follow me’ button at the top of the right-hand side column to receive them straight in your inbox!

 

David-Swenson-and-Shelley-Washington-workshop-in-Milano-ashtanga-yoga-italia

 

CONCETTI CHIAVE… DAL WORKSHOP DI ASHTANGA YOGA CON DAVID SWENSON

Intenso!

Questa è la parola che meglio descrive il workshop di 8 giorni che ho fatto con David Swenson e Shelley Washington qui a Milano. E sebbene sia terminato venerdì scorso, i loro insegnamenti continuano a risuonarmi nella testa e nel cuore… sai, quelle parole, frasi, storie che ti ritornano in mente mentre stai guidando, mentre lavi i denti o lavi i piatti… in breve, in molti di quei momenti mentre sei solo con te stesso.

Ecco allora che ho deciso di condividere alcune di quelle frasi, di quelle storie, di quelle parole che continuano a ritornare. Questi sono solo alcuni dei messaggi che porto ‘a casa’ dal bellissimo workshop (così come da appunti veloci buttati giù sul mio blocco durante quei giorni):

I soldi dell’Ashtanga

Gli asana, le posture, sono i soldi dell’ashtanga. E’ come possedere una Volkswagen e desiderare una Mercedes. Quando poi hai la Mercedes vuoi la Ferrari. Ma nel frattempo sei sempre bloccato nel traffico. Ma c’è un momento, se riesci a praticare costantemente per un lungo periodo di tempo, che desidereresti dare tutti quegli asana in beneficenza 🙂

Gli asana e la famiglia

Gli asana sono come i membri della nostra famiglia: alcuni di loro non ci piacciono molto ma fanno comunque parte della famiglia. Così, se una postura di yoga è troppo difficile oppure hai dolore, non saltare una postura ma modificala. In molti casi, semplicemente il non andare al nostro massimo nella postura ce la renderà più accessibile.

Cosa fare se non si riesce a chiudere in Marychasana?

Studente: Non riesco a chiudermi nei twist (Marychasana B & D), pertanto per anni sono stata bloccata in navasana dal mio insegnante. Anche se in qualche modo me ne sono fatta una ragione, ci sono ancora momenti in cui non riesco a non sentirmi frustrata.

David: Marychasanaè un twist che non ha nel suo nome Baddha (legato). Pertanto, ciò che è importante è il twist e non il fatto di prendersi o meno le mani. Personalmente credo che ci sono posture dopo Marychasana che ti possono aiutare con Marychasana. Personalmente ti darei una postura alternativa e ti consentirei di andare avanti… Ricordati che quando vai da un insegnante, lo/a stai pagando/a per avere il suo consiglio ed è sempre un’opzione quella di cambiare insegnante. Credo che l’ashtanga, per il modo con cui è disegnata la sequenza, ad un certo punto ci porti a non avere più bisogno di un insegnante. Se riesci a sviluppare una pratica personale a casa, allora otterrai un sacco di libertà.

Shelley: Lo yoga è un viaggio e non c’è nulla di sbagliato nello stare con una posizione per un lungo periodo di tempo. Quando ad un certo punto quella postura si sbloccherà, un sacco verrà con molto più facilità. Durante il mio primo viaggio a Mysore, mi hanno insegnato fino a Kapotasana. Ma poi, prima di ottenere una nuova postura, sono rimasta in kapotasana per 5 anni.

Rigidità e stabilità

Rigidità significa anche stabilità. Alcune persone hanno articolazioni molto flessibili. Le persone rigide, d’altro canto, hanno più forza e stabilità. Richard Freeman dice che le persone rigide sono fortunate, perchè più sei flessibile, più ti è richiesto per sperimentare lo yoga. Spesso, gli studenti molto flessibili sembrano annoiarsi in classe, mentre quelli più rigidi non si annoiano mai 🙂

Attitudine

Se non puoi cambiare la situazione, cambia la tua attitudine. Quando sei in una postura difficile, non arrivare al punto del dolore, focalizzati sul respiro e rilassa il viso.

Gli 8 rami dell’ashtanga yoga di Patanjali e l’ashtanga come insegnata da Pattabhi Jois

Molte persone si avvicinano allo yoga come esercizio fisico, ma poi crea un gran casino. Le cose che ci facevano divertire non sono più tali, la nostra percezione del mondo comincia a cambiare (uscire, bere, etc). Questi sono gli yama e i niyama che entrano in gioco. Per quanto riguarda asana e pranayama, questi sono facili da vedere. Pratyahara (il ritiro dei sensi) comincia ad avvenire con l’esercizio del drishti (lo sguardo in un punto). Dharana (la concentrazione) si sviluppa attraverso l’essere presenti. E la pratica ci insegna a stare nel momento presente. Dhyana (meditazione) avviene portando l’attenzione su un solo oggetto: il respiro, lo sguardo, etc… E meditazione non è solo quella seduta, nell’ashtanga si tratta di una meditazione in movimento. E Samadhi, infine, è quel posto dove la mente non ci disturba più.

Pertanto, tutti e 8 i rami dello yoga di Patanjali sono presenti nella nostra pratica. Pattabhi Jois era solito dire che questo è lo yoga di Patanjali, l’ashtanga yoga. Tutto dipende da come lo si pratica. Il semplice fatto che qualcuno canti i mantra non significa che sta facendo qualcosa di spirituale. Le persone possono cantare mantra anche per alimentare il loro ego. Lo yoga è semplicemente uno strumento.

Il corpo come strumento

Lo strumento di uno yogi è il suo corpo, uno strumento per esperire ciò che non si può vedere. Nello yoga ci viene richiesto di sperimentare per noi stessi. Ecco perchè Pattabhi Jois era solito dire ‘Pratica’, perchè attraverso la pratica facciamo la nostra esperienza.

I bandha

Bandha non significa addominali forti. Pattabhi Jois era solito dire ‘solleva l’ano’, non ha mai detto ‘addominali forti’.

Pratica e gravidanza

Non mi piace quando uomini danno consigli alle donne in merito al loro corpo. Posso solo dire, sulla base di ricerche provenienti da studenti e praticanti di sesso femminile, che c’è un’ampia gamma di possibilità. Conosco studentesse che avevano una solida pratica prima di restare incinte e che hanno continuato anche dopo adottando delle modificazioni. Altre donne hanno scelto di non praticare per nulla o solo un po’. Spesso, non praticano i primi 3 primi di gravidanza. Altre hanno continuato a praticare evitando posizioni sulla testa e piegamenti indietro. In conclusione, ogni donna ha una diversa esperienza e anche per la stessa donna, ogni gravidanza è diversa dalle altre.

Ottenete consigli da più di una fonte e non dimenticatevi completamente anche della medicina occidentale. E poi, fate la scelta che vi si addice di più. Ascoltate attentamente come vi sentite con la pratica: se ok, continuate; altrimenti, interrompete immediatamente. E non siate tristi se non potete praticare per un po’, lo yoga esiste da migliaia di anni (e continuare ad esistere dopo il parto).

Lo yoga e lo sport

Potete interrompere qualsiasi attività sportiva per aiutare la vostra pratica dello yoga (asana) oppure potete decidere di praticare yoga per aiutare tutto il resto. Scegliete ciò che vi rende più felici.

“Do your practice, all is coming”

Studente: Qualche consiglio pratico su come mantenersi calmi nella vita di tutti i giorni, in ufficio, etc?

David: Guruji direbbe “Do your practice, all is coming” (fai la tua pratica, tutto arriva). Quando ascoltano questa citazione, le persone pensano a cose belle che arrivano. Ma Guruji non ha mai detto ‘le farfalle arriveranno’ o ‘delle cose bellissime arriveranno’. La mia interpretazione è “E’ meglio che fai la tua pratica, perchè arriva di tutto”. Come in Guerre Stellari, con la pratica costruiamo uno scudo di prana che ci aiuta quando i problemi ci attaccano, di modo che l’impatto su di noi si riduce. Ma, sotto attacco, questo scudo protettivo si indebolisce, pertanto abbiamo bisogno di praticare per ridare forza allo stesso.

Il modo con cui approcciamo le posture che non ci piacciono sul tappetino è un allenamento per la nostra vita. Se riusciamo a restare calmi, possiamo portare lo stesso tipo di risposta nella nostra vita in tempi difficili. Quando arriva qualcosa che non ci piace, prendiamoci un momento e respiriamo profondamente. Ci saranno giorni in cui ciò non funzionerà e ti arrabbierai comunque. Solo perchè facciamo yoga non significa che per noi non ci saranno momenti difficili. Ma cerchiamo di restare sempre consapevoli del modo con cui reagiamo. Pattabhi Jois era solito dire “Yoga is not easy” (lo yoga non è facile), io dico “It’s not easy but very powerful” (non è facile, ma molto potente).

Citazioni:

Se non ti godi la pratica, qualcosa deve essere cambiato. La pratica dovrebbe farci sentire bene.

Attiva ove necessario, rilassa ove possibile.

Lo yoga non è imparare dei trucchetti per fare le cose.

 

Vuoi leggere di più da parte di David Swenson? Non perdere questo articolo: QUANDO SAI CHE STAI FACENDO YOGA? IL PUNTO DI VISTA DI DAVID SWENSON

 

Non perdere i prossimi articoli su questo blog: clicca il bottone ‘follow me’ sulla colonna in alto a destra per riceverli direttamente nella tua casella di posta!

 

 

Advertisements
This entry was posted in Ashtanga Yoga and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s