QUESTIONS AND ANSWERS WITH SHARATH JOIS

– scorrere giù per la versione in italiano –

 

mysore-palace-ashtanga-yoga

Hereafter a selection of Questions & Answers between Sharath and Ashtanga Yoga students during last Sunday conference in Mysore this year. Full Qs&As on Priya’s travel blog.

March 23, 2014 – KPJAYI in Mysore
Sunday Conference
with Sharath Jois.

 

Sharath: Today will be the last conference of this season, so if you have any doubts before you go back…I know doubts always keep coming. If we don’t get doubts, there is no answer.

Q: Can you talk a little bit about the count in the led practice? I understand they are numbers…is there more to it?
A: It is not a mantra, it’s just 1, 2, 3… counting. The counting in Sanskrit, that’s all. Ekam, dve, trini is 1, 2, 3. So that you can understand how many vinyasa is there in each asana, that is why we do the counting. Mantra is totally different. Mantra is chanting. In English, you call it chanting.

Q: Someone again asked about practicing on moon days and ladies holiday. She said she found it agitating to not practice for a few days.
A: I told again in last conference, you do japa. If you get agitated by not doing asanas on those days, you do japa.

Q: It seems from what I’ve read about Guruji with his students that he used to really push them physically to their limits. How do we know how far we should push ourselves in our practice?
A: How hard to push yourself? Until you get pain. (everyone laughs) Your body will resist. The body is very clever. It will say, “No, don’t push more than this.” But your mind doesn’t listen. That’s the problem. Because you see others and say, “Oh, they are doing like this, I have to do the same.” So then you push more and you hurt yourself. Your body is very clever. It knows when to stop. It will stop automatically.

Q: And how long should your practice be if you’re doing one series? Two hours?
A: One series is one hour twenty minutes. If you are doing Primary Series. But if you practice here and then go home and again practice…you keep on doing it…someone is doing some back opening, some hip opening, then you’ll hurt yourself. There is a limit to everything. If you go and eat a big thali four times, what happens? Your body can’t hold it. You’ll get sick quickly. You can’t digest the food. So asana is also like that. If you do 200 asanas in one day, next day you can’t get up. You’ll be hospitalized.

Q: Is there a story behind “Shala time”?
A: Many students have asked this question. Yeah, we don’t want our students to be lazy. Always we keep ten minutes fast so they are on time. It comes from parampara. I can’t help it. (everyone laughing) Guruji always used to keep [the clock] ten minutes fast. He was always on time. He was never late anywhere. If someone asked him to come at 5:00, he was always there five minutes before. So for many years it has been like that.

Q: Can you talk about bandhas?
A: Whom you are studying with?
Student: Saraswati.
Sharathji: How long you have been doing?
Student: 6 months.
Sharathji: It’s too early to know about bandhas anyway 🙂

“Bandh” means “stop.” “Bandha” means locking, stopping, sealing. That is bandha. Mula bandha, uddhiyana bandha, jalandhara bandha, these three bandhas are there. We should practice not only in our asana practice; satatam mula bandhanat, mula bandha all the time. Mula bandha is locking the anus. Uddhiyana bandha, in the lower abdomen. Once mula bandha comes, automatically uddhiyana bandha will also come. Jalandhara bandha is mostly practiced in pranayama, and only some asanas. There are some asanas which are meant for pranayama, then you have to do that. Jalandhara bandha is locking the chin to chest. Those are the bandhas. Another two years you practice then I’ll tell you more about it because that itself is a very big subject.

Q: When are you supposed to use nauli kriya?
A: When you are sick.
Q: Only when you are sick?
A: Are you sick now?
Q: No, but I used to do it for warm-up. Some teachers say you can do it to warm up, some others say don’t, so I don’t know.
A: No, kriyas are only to be done when you are sick. When asanas are not curing your problem. For instance, if you have a bad cold and your sinuses are blocked and you can’t breathe…you’re doing asanas and still it’s not going away, then you do neti. If you’re doing asanas and you still have constipation, then you can do basti. Like that, you can do, but otherwise in this practice you do not need to do all those kriyas. Regular asana practice will cure many diseases if you do it properly.

mysore-conference-ashtanga-yoga-sharathQ: In the Ashtanga Primary Series, the focus is more on forward bending than backbending. From my understanding, the idea is that it is important to develop the bandha and to awaken the mula chakra first. I want to know your interpretation of the sequence.
A: Last time I told you the Primary Series is for chikitsa vibhaga, to cure diseases. There are many asanas through which our internal organs will be cured, they will be strengthened, purified, and work properly. By doing the asanas (like Pascimattanasana, Ardhabaddhapadma Pascimattanasana, Janusirsasana) we are pressing on the internal organs and it is very good to purify them and cure diseases. That is one reason why there are many forward bends. By doing forward bends you will also strengthen your back. First you have to strengthen your back. One doctor came, he had lower back pain. For many years he had been suffering from lower back pain. He was very young, only 28 years old. So I taught him Pascimattanasana, ardha baddha padma Pascimattanasana, Triyangmukhaikapada Pascimattanasana, etc., and these postures he did with free breathing and the pain went away. So this is chikitsa. There are lots of good asanas in the Primary Series. First we have to get ourselves fit and healthy. Whether you have disease or not, this yoga chikitsa, Primary Series is very good, it will strengthen all the internal organs. Once you are strong internally, then it will be easier for you to go to the Intermediate Series. Many people have a big belly so they ask me how to reduce this. I say do forward bend. Primary Series postures will reduce your belly. Your lower abdomen will get stronger, slimmer.

Q: Can you explain the 2nd, 3rd and 4th Series as well?
A: When you are ready, I will explain it to you.

Q: When should you start doing dropbacks?
A: Once you have finished Primary Series, then you can do dropbacks. Until then, you shouldn’t. First perfect the forward bend, then you start deepening the backbend. Otherwise your Kurmasana and Supta Kurmasana will suffer. Some people have very flexible back, but in Kurmasana and Ekapada Sirsasana they struggle. So do first for many years Primary Series. Some people will teach you handstand, they think it is very attractive. Like I said many times, they do ekam, dve, trini, they go to handstand. It’s all show-off. They think they are very advanced. But those people you see, they can’t do Kapotasana. Students who can do Kapotasana very well or easily, you do handstand everyday, do all the time, then see after six months how is your Kapotasana. It won’t be the same Kapotasana. See I have done a lot of research…helping students, watching them, doing my own practice. You do the asana only at the correct time when you should do it. You can’t do it all the time. I can’t walk in handstand up the stairs and down. Then it will be difficult for me to do Kapotasana. So balancing is very important. You’re good at handstand that doesn’t mean you have to do it all the time.

sharath-ashtanga-yogaQ: If you have an injury, how do you know when you should work around the injury or work around the pose?
A: Sometimes when your body is changing, you will go through different pains and soreness. For me also, with each new asana there was new pain. When I was eighteen or nineteen years old and we moved from Laxmipuram to Gokulam, I had few friends with whom I would go on bicycle to Kukkarahalli Lake. Few of my friends were training with the National Cadet Corps. I would join them because it was fun. We would do cycling, jogging, pull-ups, push-ups. You want to show off big muscles and impress all the girls. No one got impressed but… 🙂 like that when you’re young, you want to do so many things to be fit. But when I went back to learn yoga with my grandfather I had to suffer a lot. With each asana, there was new pain. My back was ok, it was flexible, but when I came to Ekapada Sirsasana there was lots of pain. Because we did so much bicycling, running, all those things, there was lots of pain. Some days I couldn’t walk when I learned Ekapada Sirsasana. But with practice the body changed. So you have to allow the body time to change. And use lots of coconut oil on the joints. Once daily after practice you can go home and put coconut oil and then wash with hot water. This will lubricate all your joints. That’s why we say, “No pain, no gain.” But you shouldn’t go and do all these extra stretches, this opening, that opening, all this nonsense, this is unnecessary. If you go and do all those things, then you’ll hurt your body. Then when you come to practice you suffer. So don’t do unnecessary extra stretches. Whatever you do in practice here, that is enough.

Q: Why when you do Pasasana, you start on the left side and when you switch sides, you don’t jump back?
A: You’re learning with me? I taught you Pasasana?
Q: No, Saraswati.
A: Right side means right shoulder. Which is your right shoulder?
Q: And why we don’t jump back when we change sides?
A: There is no vinyasa, that’s why. (we laugh) It’s a death trap. Pasa means death trap. We don’t give time, just straight away you go 🙂 There are some asanas which don’t have vinyasa.

Q: How do you get rid of shaking or trembling or extra spastic energy?
A: Get rid of the fear. You have lots of fear? No fear?
Q: I mean after practice, later in the day, sometimes my hands shake, especially if I’ve had coffee. Well even when I haven’t had coffee…
A: You have to strengthen your body. Stamina has not yet come so your body is going through lots of changes internally. Whatever you do at home is different from what you do here. Here it is more intense. Like led class, for example, intermediate led class- after that you need to go home and take rest for one hour. So there will be high energy level after practice. Your body has not learned how to withstand, how to handle this much energy. Slowly it will get used to that. Sometimes you get so much energy you feel like fighting with someone. That’s why you have to be careful not to do too many asanas. It can make you aggressive.

Q: As long as I don’t have any pain in my body, can I keep practicing during my menstruation?
A: No, you shouldn’t practice. It’s not about straining yourself. It is about your internal organs.
Q: Is it the full practice that should be avoided or just inversions for ladies?
A: Full practice for three days you should avoid. No matter whether you are strong, you can climb a hill or whatever. But here, yoga practice you have to stop. I know you don’t listen to me 🙂 but you should. Because you have to protect your internal organs. In future if you want to have baby, you can have problems. You can have uterus problems if you strain yourself during that time.

Q: What if you have to choose between satya and ahimsa? For example, if being truthful causes harm, what should you do? Do you choose ahimsa and not speak the truth? What if in not speaking the truth, you are doing more harm? How to balance these limbs?
A: There is a way to say everything. There is always a way to make someone understand. That art you have to learn. The art of teaching, the art of making others understand, you have to learn. Then, if you are following ahimsa, you will be following satya. If you are following satya, you will be following ahimsa. They are two faces of the same coin.

Q: What is your teaching schedule going to be for next year?
A: God only knows. I have not planned yet for next year. If I don’t teach, my wife will get really angry. She doesn’t want to see me in the house. I have not planned yet for next year. First let me settle down in the new house. There are many things.

Q: When we are here, we are in a very supportive environment. It’s easier to do the right thing and to enhance our spiritual growth when we are here. What do you suggest to us when we are not here and are away for months? How to keep progressing?
A: First you have to establish yourself. You have to make yourself stronger. Wherever you go, you should be capable of dealing with things. You should do your practice always. A teacher can teach you, but he cannot monitor you always and see what you are doing. I have thousands of students. How can I monitor everyone? Whatever you have learned, whatever moral support you have received through this Shala, through the practice, it should continue to grow within you. How it grows? By doing more practice. Keeping this practice everyday. You have to establish this strongly within you. Until then it will be very difficult. There are lots of aversions, there are doubts, sometimes there will be laziness, lack of determination, lack of concentration…all these things will arise within us. First we have to get rid of these things by doing our practice. Mentally, physically, you must become stronger. Like I said, yoga needs sa tu dirghakala (practice for a long time). You can’t get results in six months, 1 year, 2 years. Dirghakala. I have practiced for 24 years now. Everyday. So now when I get up, automatically I take my mat and go practice. If I go to the forest also, I practice. Once in Africa, I was doing my practice in my tent. I was in Kapotasana and a lion came, he was roaring next to me. It was the best Kapotasana of my life.

Did you like this post? Click the follow button on the right-hand side to receive future articles directly in your inbox!

More questions? Check the full article on Priya’s travel blog!

 

 

DOMANDE E RISPOSTE CON SHARATH JOIS

 

 

Di seguito una selezione delle domande e risposte tra Sharath e gli studenti di Ashtanga Yoga durante l’ultima conferenza della stagione a Mysore quest’anno. Intero articolo su Priya’s travel blog..

March 23, 2014 – KPJAYI in Mysore
Sunday Conference with Sharath Jois.

 
Sharath: Questa è l’ultima conferenza della stagione, quindi se avete qualsiasi dubbio prima di andare… Lo so che i dubbi continuano a tornare. Se non ci sono dubbi, non ci sono risposte.

Q: CI può dire un po’ di più sul conteggio nella pratica guidata? Lo so che sono dei numeri… ma c’è di più?
A: Non è un mantra, è semplicemente 1, 2, 3… contare. Contare in sanscrito, questo è tutto. Ekam, dve, trini significano 1, 2, 3. E questo per farvi capire quanti vinyasa ci sono in ogni asana. Questo è il motivo per cui si conta. Il mantra è un qualcosa di totalmente diverso. Mantra è chanting. In inglese, lo traducete come chanting.

Q: Una ragazza ha domandato di nuovo in merito al praticare nei giorni di luna nuova e piena e durante il ciclo per le donne. Ha detto che era agitata quando non praticava in quei giorni.
A: Come ho detto durante l’ultima conferenza, allora fate japa. Se vi sentite agitati dal non praticare gli asana in quei giorni, fate japa.

Q: Da ciò che ho letto su Guruji, ho l’impressione che fosse solito spingere fisicamente i suoi studenti ai loro limiti. Come facciamo a sapere quanto dobbiamo spingere nella nostra pratica?
A: Quanto spingere voi stessi? Finchè non sentite dolore (risata generale). Il vostro corpo resisterà. Il corpo è molto intelligente. Vi dirà: ‘No, non spingere più di questo’. Ma la vostra mente non ascolta. Questo è il problema. Voi vedete gli altri e vi dite ‘oh, ma loro lo stanno facendo, devo farlo anch’io!’. A quel punto spingete più del dovuto e vi fate male. Il vostro corpo è molto intelligente. Sa quando fermarsi. Si fermerà automaticamente.
Q: E quanto deve durare la pratica se si fa solo una serie? 2 ore?
A: Una serie dura 1h20minuti. Se fai la prima serie. Ma se pratichi qui e poi vai a casa a pratichi di nuovo… e continui a farlo… qualcuno fa esercizi per aprire la schiena, qualcun’altro quelli per aprire le anche, allora finirai col farti male. C’è un limite a tutto. Se mangi un grande thali per 4 volte al giorno, che succede? Il tuo corpo non riuscirà più a trattenerlo. Presto ti sentirai male. Non sarai in grado di digerire tutto quel cibo. Fare gli asana è uguale. Se ne fai 200 in un giorno, il prossimo giorno non riuscirai ad alzarti. Finisci all’ospedale.

Q: C’è una storia che spiega lo ‘Shala time’ (nota: l’orologio nella shala a Mysore è sempre avanti rispetto all’ora reale di 10/15 minuti).
A: Molti studenti hanno fatto la stessa domanda. Si, non vogliamo che i nostri studenti siano pigri. Teniamo sempre l’orologio 10 minuti avanti così che possano essere puntuali. Viene dal parampara. Non ci posso fare nulla (risata generale). Guruji teneva sempre l’orologio 10 minuti avanti. Era sempre puntuale. Mai in ritardo. Se chiedeva a qualcuno di venire alle 5h, lui era lì già 5 minuti prima. Ormai sono molti anni che è così.

Q: Ci può parlare dei bandha?
A: Con chi studi?
Studente: Saraswati.
Sharathji: Da quanto tempo?
Studente: 6 mesi.
Sharathji: E’ troppo presto per conoscere i bandha 🙂 Ad ogni modo bandha significa ‘chiusura’. Bandha significa chiudere, fermare, sigillare. Questo è bandha. Mula bandha, uddhiyana bandha, jalandhara bandha, questi sono i 3 bandha. Dovremmo praticarli non solo durante gli asana; satatam mula bandhanat,sempre mula bandha. Mula bandha è serrare l’ano. Uddhiyana bandha, il basso addome. Una volta che si padroneggia il mula bandha, automaticamente viene anche l’uddhiyana bandha. Jalandhara bandha è applicato soprattutto durante pranayama e solo in alcuni asana. Ci sono alcuni asana da assumere specificatamente per il pranayama, allora si deve applicare. Jalandhara bandha è portare il mento allo sterno. Questi sono i bandha. Altri 2 anni di pratica e poi ti dirò di più in merito agli stessi perché questo è un argomento vasto.

Q: Quando va fatto il mauli kriya?
A: Quando sei malato.
Q: Solo?
A: Sei malato ora?
Q: No, ma ero solito farlo come riscaldamento. Alcuni insegnanti dicono di farlo come riscaldamento, altri dicono di no, quindi non so.
A: No, i kriya vanno fatti solo quando non si sta bene. Quando gli asana non riescono a risolvere il problema. Per esempio, se hai un brutto raffreddore e i seni nasali sono bloccati e non riesci a respirare… fai gli asana ma non va via, allora fai neti. Se pratichi asana ma sei ancora costipato, allora fai basti. Questo puoi farlo, altrimenti con tutta la pratica non hai bisogno di fare i kriya. Una pratica degli asana regolare curerà molte malattie se fatta correttamente.

Q: Nella prima serie dell’Ashtanga, il focus è più sui piegamenti in avanti che quelli indietro. Da quel che ho capito, l’idea è quella di sviluppare i bandha e risvegliare il mula chakra per prima. Qual è la sua interpretazione della sequenza?
A: L’ultima volta vi ho detto che la prima serie è per chikitsa vibhaga, curare malattie. Ci sono molte posture attraverso le quali andiamo a guarire i nostri organi interni, rafforzarli, purificarli e farli lavorare correttamente. Facendo posture come Pascimattanasana, Ardha baddha padma Pascimattanasana, Janusirsasana, premiamo sugli organi interni il che è molto utile per purificarli e curare malattie. Questa è una delle ragioni per cui ci sono tanti piegamenti in avanti. Nel fare i piagamenti in avanti si va anche a rafforzare la parte posteriore del corpo. Prima bisogna rafforzare la parte posteriore del corpo. Venne un dottore che aveva problemi di schiena. Per molti anni aveva sofferto di dolori alla zona lombare. Era molto giovane, aveva solo 28 anni. Gli ho insegnato Pascimattanasana, ardha baddha padma Pascimattanasana, Triyangmukhaikapada Pascimattanasana, etc., e praticandole con respiro naturale il dolore è andato via. Questo è chikitsa. Ci sono molte posture nella prima serie. Prima dobbiamo renderci forti e in salute. Indipendentemente dal fatto che ci siano dolori o meno, questo yoga chikitsa, questa prima serie fa molto bene, rafforzerà tutti gli organi interni. Una volta che sei forte internamente, allora sarà facile procedere alla seconda serie. Molte persone hanno una grossa pancia e mi chiedono come fare a ridurla. Gli rispondo con i piegamenti in avanti. Le posture della prima serie ridurranno il volume della vostra pancia. Il vostro basso addome diventerà più forte, più magro.

Q: Ci può spiegare anche la 2a, 3a, 4a serie?
A: When sarai pronto, te le spiegherò.

Q: Quando si può iniziare con i dropback (piegamenti indietro dall’alto)?
A: Una volta che hai finito la prima serie, allora puoi iniziare con i dropback. Fino a quel momento, non dovresti farli. Prima perfeziona i piegamenti in avanti, poi cominci ad approfondire quelli indietro. Altrimenti il tuo Kurmasana e Supta Kurmansana ne soffriranno. Alcune persone hanno una schiena molto flessibile ma in Kurmasana e Ekapada Shirshasana fanno fatica. Quindi fai prima la prima serie per molti anni. Alcune persone vi insegneranno come andare in equilibrio sulle mani (handstand), pensano che è molto attraente. Come ho detto molte volte, fanno ekam, dve, trini, e vanno in handstand. E’ tutto un voler mostrare. Pensano di essere molto avanzati. Ma quelle persone non riescono a fare Kapotasana. Gli studenti che riescono a fare Kapotasana molto bene o con facilità, fategli fare handstand ogni giorno, ad ogni ora del giorno e vedete dopo 6 mesi com’è il loro Kapotasana. Non sarà lo stesso Kapotasana. Ho fatto molta ricerca… aiutando gli studenti, guardandoli, facendo la mia stessa pratica. Dovete fare le posture solo al momento opportuno, quando dovete farle. Non potete farle in qualsiasi momento. Non posso camminare in handstand su e giù per le scale. A quel punto diventerebbe faticoso per me fare Kapotasana. Un giusto bilanciamento è molto importante. Se siete bravi negli handstand, questo non significa che dovete farli continuamente.

Q: Se c’è una lesione, come fare a sapere se bisogna lavorare sulla lesione o sulla postura?
A: A volte, quando il corpo è in fase di cambiamento, avrete diversi dolori e indolenzimenti. Anche per me, con ogni nuova postura c’era un nuovo dolore. Quand’ero diciottenne o diciannovenne e ci siamo spostati da Laxmipuram a Gokulam, avevo alcuni amici con cui andavo in biciletta al Kukkarahalli Lake. Alcuni di questi miei amici facevano parte dei National Cadet Corps. Mi univo ai loro allenamenti perché era divertente. Andavamo in bicicletta, a correre, facevamo addominali e flessioni. A quell’età vuoi mostrare i muscoli ed impressionare le ragazze. Nessuno si impressiona ma… 🙂 quando sei giovane vuoi fare tante cose per essere in forma. Ma quando ho ripreso ad imparare yoga con mio nonno, ho sofferto molto. Con ogni postura, c’era un nuovo dolore. La mia schiena era ok, era flessibile, ma quando sono arrivato a Ekapada Shirshasana, che dolore. Alcuni giorni non riuscivo neanche a camminare quando ho imparato Ekapada Shirshasana. Ma con la pratica il corpo è cambiato. Dovete dare al corpo il tempo necessario per il cambiamento. E utilizzare un sacco di olio di cocco sulle articolazioni. Una volta al giorno dopo la pratica andate a casa e mettete olio di cocco e poi lavatelo via con acqua calda. Questo lubrificherà le vostre articolazioni. Questo è il motivo per cui diciamo “No pain, no gain.” (senza sofferenza, nessun guadagno). Ma non dovreste fare tutti questi extra stretching, questi e quegli esercizi di apertura, tutti questo è una sciocchezza, non è necessario. Se lo farete, farete del male al vostro corpo. Poi quando praticate, soffrite. Quindi non fate tutti questi esercizi extra. Ciò che fate durante la vostra pratica qui, è sufficiente.

Q: Perchè in Pashasana si comincia sul lato sinistro e non si salta indietro quando si cambia lato?

A: Stai imparando da me? Ti ho insegnato Pashasana?
Q: No, Saraswati.
A: Lato destro significa spalla destra. Qual è la tua spalla destra?
Q: E perché non saltiamo nel cambiare lato?
A: Perchè non c’è vinyasa, ecco perché (risata generale). E’ la trappola della morte. Pasha significa trappola della morte. Non gli diamo il tempo, la facciamo immediatamente 🙂 Ci sono posture che non hanno il vinyasa.

Q: Come liberarsi da agitazione, tremori o extra spasmi?
A: Liberati dalla paura. Hai molte paure? Nessuna paura?
Q: Intendo dopo la pratica, più tardi durante la giornata, a volte le mie mani tremano, specialmente se bevo caffè. Anche quando non bevo caffè…
A: Devi rendere più forte il tuo corpo. La resistenza non è stata ancora sviluppata e il tuo corpo sta andando attraverso numerosi cambi interni. Ogni cosa che fai a casa è diverso dal farlo qui. Qui è più intenso. Come ad esempio per le classi guidate, la seconda serie guidata, dopo devi andare a casa e riposare per 1 ora. C’è maggiore energia dopo la pratica. Il tuo corpo non ha ancora imparato a gestirla. Lentamente si abituerà. Talvolta si ottiene tanta energia che si vorrebbe litigare con qualcuno. Questo è un motivo per cui bisogna stare attenti a non fare troppe posture. Possono renderti aggressivo.

Q: Se non ho nessun dolore, posso praticare durante le mestruazioni?
A: No, non dovresti praticare. Non ha a che fare con extra sforzi. Ha a che fare con i tuoi organi interni.
Q: Dovrebbe essere evitata tutta la pratica o solo le inversioni?
A: La pratica completa va evitata per 3 giorni. Non importa se sei forte, puoi scalare una montagna o fare altro. Qui, devi interrompere la tua pratica. So che non mi ascolti 🙂 ma dovresti. Perchè così proteggi i tuoi organi interni. Se in futuro vuoi avere un bambino, puoi avere problemi. Puoi avere problemi all’utero se sforzi durante quel periodo.

Q: Quando siamo qui, siamo in un ambiente che ci supporta molto. E’ facile fare la cosa giusta e progredire lungo il nostro cammino spirituale. Cosa ci consiglia per quando non siamo here, quando siamo via per qualche mese? Come continuare a fare progressi?
A: Prima di tutto dovete stabilizzarvi in voi stessi. Dovete rendere voi stessi più forti. Dovunque andiate, dovrete essere capace di gestire ciò che accade. Dovreste sempre fare la vostra pratica. Un insegnante vi può insegnare, ma non vi può controllare sempre e vedere cosa state facendo. Ho migliaia di studenti. Come posso controllare tutti? Qualsiasi cosa avete imparato, qualsiasi supporto morale avete ricevuto in questa Shala, attraverso la pratica, dovrebbe continuare a crescere al vostro interno. Come cresce? Facendo la vostra pratica. Facendo la vostra pratica quotidianamente. Dovete stabilire questo in modo molto forte in voi. Fino a quel momento, sarà molto difficile. Ci sono molti diversivi, ci sono dubbi, a volte c’è pigrizia, mancanza di determinazione, mancanza di concentrazione… tutte queste cose si presenteranno in voi. Prima di tutto dobbiamo sbarazzarci di tutte queste cose facendo la nostra pratica. Mentalmente, fisicamente, dovete diventare più forti. Come detto, yoga necessita sa tu dirghakala (pratica per lungo tempo). Non puoi ottenere risultati in 6 mesi, 1 anno, 2 anni. Dirghakala. Io ho praticato per 24 anni ora. Ogni giorno. Così ora quando mi sveglio, automaticamente prendo il mio tappetino e pratico. Anche se vado in una foresta, pratico. Una volta in Africa, stavo facendo la mia pratica in una tenda. Ero in Kapotasana quando un leone si avvicinò, stava ruggendo non lontano da me. Ho fatto il miglior Kapotasana della mia vita.

Vi è piaciuto questo articolo? Cliccate il bottone ‘Follow me’ sulla colonna in alto a destra e riceverete i futuri articoli direttamente nella vostra casella di posta!

Altre domande? Controllate l’intero articolo su Priya’s travel blog!

Advertisements
This entry was posted in Ashtanga Yoga and tagged , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

2 Responses to QUESTIONS AND ANSWERS WITH SHARATH JOIS

  1. simona nu says:

    wow, great to know, all. Ssono alla prima serie di asthanga, ho studiato per 6 mesi con Amish, Asthanga Yoga London, adesso pratico da sola,ma spero di ricominicare a prendere lezioni, a Los Angeles dove vivo attualmente. Grazie per il post, spero di riuscire a fare una lezione con te a Milano, prima o poi. Om…en route, Simona

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s